Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Orfani - Sergio Bonelli Editore

Orfani – la nuova serie a fumetti di Sergio Bonelli Editore

La grande attesa per la messa in onda sulla RAI di “Orfani”, il motion comic in formato televisivo, sta per concludersi. A partire dal 6 Dicembre si susseguiranno 10 puntate con cadenza settimanale del serial d’animazione nato dalla pubblicazione mensile a fumetti, edita dalla Sergio Bonelli Editore, “Orfani”. Si tratta di una saga fanta/tecnologica creata da Roberto Recchioni (sceneggiatore di Dylan Dog e Diabolik), disegnata da Emiliano Mammucari e giunta alla sua seconda stagione con “Orfani – Ringo” (36 volumi distribuiti per stagioni), che ha riscontrato ampio gradimento da parte del pubblico. La critica resta invece divisa tra giudizi positivi e commenti pungenti. L’operazione editoriale, sin dagli esordi, sembra ben riuscita ed orientata a proseguire in previsione del completamento dell’intera opera. Orfani, a distanza di un anno, trova spazio anche in un progetto televisivo per la RAI, pronta ad investire su un’idea innovativa  che concede maggiore visibilità. La regia è curata da Armando Traverso

R. Recchioni, soggettista e sceneggiatore della serie, con Orfani ci proietta in mondo futuro, dove l’aspetto bellico, ma anche complottistico, viene esaltato e messo in evidenza attraverso una serie di azioni/reazioni per delineare un genere d’animazione intriso di scontri fisici e violenze psicologiche, all’interno del quale i personaggi trovano una loro naturale collocazione. Da un lato troviamo un gruppo di bambini orfani (Sam, Ringo, Juno e Jonas e gli altri), pronti per essere addestrati tatticamente per una lunga e dura guerra contro un infinito esercito di invasori alieni (esseri ciclopici dall’aspetto minaccioso ), dall’altro gli addestratori cinici e distaccati da qualsiasi forma di sentimentalismi (la dottoressa Jsana Juric e il colonnello Takeshi Nakamura). L’ intento di questi ultimi è quello di forgiare abili guerrieri sul campo addestrativo, attraverso una selezione naturale, in previsione di duri ed estremi combattimenti. Un mondo in cui sopravvivono solo i più forti – conseguenza successiva ad eventi catastrofici generati da una esplosione di duemila megatoni – nel quale un sesto della popolazione umana è deceduta, trasformando irrimediabilmente il pianeta. In questi scenari apocalittici prendono consistenza i protagonisti intorno cui ruota l’intera storia: Ringo e Sam, uniti e divisi da sempre da una condizione di perenne instabilità, fatta di amore e rancore, attraverso un continuo cercarsi per combattersi, ma anche per ritrovarsi. In fondo, i due combattono contro le paure personali e l’eterna insicurezza mascherata da un impavido coraggio.

Orfani si ispira in modo più che esplicito al noto romanzo di fantascienza “Fanteria dello spazio” di R. A. Heinlein, da cui è nata anche una trasposizione cinematografica diretta da Paul Verhoe “Starship Troopers”, nel 1997. Recchioni reinventa una nuova serie dal sottotesto politico, utilizzando ingredienti militaristici e per molti aspetti anche survival, mettendo in risalto le difficoltà di sopravvivenza in un mondo completamente trasformato dopo un esplosione nucleare causata dagli alieni. Un aspetto, quest’ ultimo, messo in evidenza dai tempi narrativi, che consentono al lettore o spettatore di viaggiare su tre binari paralleli: il passato, il presente e il futuro, in modo tale da seguire l’evoluzione degli avvenimenti attraverso tre linee temporali diverse. Un meccanismo per molti versi spiazzante, ma allo stesso tempo innovativo, attraverso il quale si possono seguire le tre fasi di crescita degli orfani: prima dell’esplosione nucleare, durante l’addestramento e da adulti. In tal modo la storia è condotta con un sistema narrativo volutamente simultaneo e cadenzato, attraverso eventi che sono avvenuti, avvengono o avverranno.

Altri aspetti che evidenziano l’elevata qualità della serie “Orfani”, sono la grafica e la coloristica, ottenute attraverso svariati cromatismi resi possibili da uno staff di disegnatori dotati di  talento e competenze, caratteristiche tecniche che la RAI saprà mettere in risalto. Dal 6 Dicembre il motion comic di “Orfani” vi attende su Rai4 alle ore 14.00.  Buona visione.

 “Per primo arrivò il lampo che bruciò i nostri occhi. Poi seguì il tuono…” 

(Orfani, I ep.)

Print Friendly, PDF & Email