Seguici e condividi:

Eroica Fenice

sopravvissuto

Sopravvissuto – The Martian: fantascientifico ritorno di R. Scott

In ogni essere umano c’è l’istinto primordiale di aiutare il prossimo”.

“Sopravvissuto – The Martian” per la regia di Ridley Scott (uno dei geni della cinematografia contemporanea) è tratto da una sceneggiatura di Drew Goddard, e si basa su un breve romanzo in formato e-Book scritto da Andy Weir con il titolo originale L’uomo di Marte. L’opera cinematografica dal cast stellare è il quarto film di fantascienza diretto da R. Scott (dopo tre capolavori storici come “Alien”, “Blade Runner” e “Prometheus”) per un ritorno molto atteso. Il film in arrivo promette un successo assicurato sulla scia degli ultimi film sci–fi di grande rilievo per il genere fantascienza-drammatico dall’incasso stellare come “Gravity” o “Interstellar”.

Sopravvissuto – The Martian dal 1 ottobre al cinema

Anno 2029. Nel corso di una missione sul pianeta Marte, si verifica una violentissima tempesta di sabbia, pertanto la missione Ares 3 è costretta a fare rientro sulla Terra, ma durante il veloce imbarco, si perdono le tracce dell’astronauta e ingegnere Mark Watney (interpretato dal notevole Matt Damon), staccato dal gruppo composto da Christopher Beck (Sebastian Stan), Melissa Levis (Jessica Chastain), Beth Johanssen (Kate Mara), Alex Vogel e Rick Martinez, pertanto Watney viene considerato morto sulla superficie marziana. Watney invece era solo svenuto durante la forte tempesta, e si ritrova così a gestire le scarse forniture disponibili per la sopravvivenza sul pianeta rosso. L’astronauta dimenticato, grazie al suo ingegno e alla sua volontà di andare avanti, spera sempre in un possibile ritorno a casa, riuscendo successivamente a stabilire un contatto con la Nasa, e comunicando la sua presenza sul pianeta ostile. Al marziano restano solo trenta giorni di autosufficienza e ai suoi compagni e colleghi viene negata l’autorizzazione dalla Nasa di programmare una nuova missione di salvataggio illustrata dall’astrofisico Neil Grasse Tyson (presentatore televisivo di “Cosmos – Odissea nello spazio”); la distanza che separa i due pianeti è di 225 milioni di Km e i tempi per raggiungerlo sono lunghi, ma gli audaci compagni tentano egualmente l’impresa impossibile che potrebbe avere esiti diversi da quelli previsti. Per loro è fondamentale portare ad ogni costo Watney a casa e l’equipaggio di Ares diretto su Hermes (una stazione spaziale costosissima e complessa), si sottopone ad un programma di formazione sia fisico che mentale per poter sopravvivere in situazioni al limite del possibile. Gli scienziati riusciranno nell’impresa?          

Sopravvissuto – The Martian possiede una trama ben strutturata che concede spazio al coinvolgimento umano tra i personaggi, restituendo un forte sentimento di vicinanza, soprattutto nei momenti di maggiore difficoltà, come quelli vissuti da un uomo solo su un pianeta, supportato dal calore umano di amici e colleghi pronti a salvarlo. Il film diretto in modo impeccabile dal geniale e instancabile Ridley Scott, ci ricorda per ovvie ragioni di contenuto e trama due kolossal/flop, “Pianeta rosso” e “Mission to Mars” di Brian De Palma, anche se prende nettamente le distanze da questi per il rigore scientifico con cui sono narrati i fatti riguardanti la missione scientifica Ares 3. L’idea del film nasce dal produttore Aditya Sood, affascinato e divertito dal ritmo coinvolgente del breve romanzo di Weir, al punto tale da pensare ad una nuova trasposizione cinematografica con caratteristiche diverse dal genere fantascientifico classico e hollywoodiano. Lo stesso Goddard chiarisce in un intervista: “Quando abbiamo trovato il libro era già una sceneggiatura bell’è pronta. E presentato il progetto agli studi, ho detto a loro: non ho intenzione di cambiare nulla, mi limiterò ad adattarlo per lo schermo“.

La produzione di Sopravvissuto – The Martian ha avuto inizio nel Marzo del 2013, anno in cui la “20th Century Fox” ha acquisito i diritti per una trasposizione cinematografica per la regia di R. Scott, considerato un maestro del cinema per i capolavori consegnati durante la sua lunga carriera. A completare il cast in particolar modo riguardo i ruoli interpretati per il personale scientifico di terra figurano: Donald GloverJeff Daniels e Chiwetel Ejiofor. Le riprese di Sopravvissuto – The Martian hanno avuto luogo in location scelte a Budapest e a Uedi Rum (Valle della Luna), a sud della Giordania, e il 5 dicembre del 2014 la prima pagina della sceneggiatura è stata postata all’interno dell’abitacolo del veicolo spaziale “Orion” che secondo la Nasa sarà utilizzato per le future esplorazioni spaziali su Marte. Sopravvissuto – The Martian di R. Scott è stato presentato l’11 settembre 2015 al Toronto International Film Festival, ottenendo grande attenzione dalla critica.