Umberto Guidoni: non c’è spazio nello spazio al Festival MANN

Umberto Guidoni: non c'è spazio nello spazio al Festival MANN

Umberto Guidoni: non c'è spazio nello spazio al Festival MANNUno degli ospiti della seconda giornata del Festival è stato l’astronauta e scrittore italiano Umberto Guidoni che, in compagnia di Andrea Valente, ha raccontato la sua esperienza nello spazio. Con l’aiuto di video e foto suggestive ha portato l’attenzione del pubblico verso le stelle, letteralmente. Un incontro astronarrativo che ha visto l’astronauta riflettere, e far riflettere, sullo scopo dei viaggi spaziali e sul peso che questi hanno sull’uomo. 

Il Festival MANN/Muse al Museo è il primo festival internazionale organizzato da un museo autonomo che, nei suoi sette giorni, ha in programma tanti eventi che si dividono tra letteratura, musica, teatro, danza, scienza, arte, cinema, fumetti e tanto altro. A fare da cornice saranno le sale dello storico Museo Nazionale e ben 50 ospiti tra importanti personaggi dell’arte e dello spettacolo. Il festival è ufficialmente cominciato il 19 aprile.

Nello spazio non c’è spazio: afferma Umberto Guidoni

Nello spazio non c’è spazio, è questo il titolo dell’incontro con Umberto Guidoni ed è proprio con questo gioco di parole che l’astronauta ha voluto spiegare le effettive dimensioni di un shuttle. Gli ambienti della cabina sono ristretti, l’enorme mole dello shuttle, in realtà, è tutta occupata dalle riserve di carburante necessarie per restare in orbita tutto il tempo della spedizione. È proprio per questa ragione, ha spiegato, che a bordo dello shuttle gli ambienti sono organizzati su tre livelli, complice anche l’assenza di gravità: ogni astronauta lavora sopra o sotto il collega.

Alla domanda di una possibile forma di vita su altri piante Guidoni non esclude alcuna ipotesi. Piuttosto introduce due scoperte interessanti: la prima è che Marte, forse un miliardo di anni fa, aveva un’atmosfera simile a quella terreste rendendo il pianeta paragonabile alla Terra; la seconda, invece, è la scoperta di una luna di Giove, Europa, completamente coperta di ghiaccio che pare essersi formato da acqua salata.

Un incontro che, con una base scientifica, è riuscito anche a far sognare, immaginando un possibile futuro dove si potrà, perchè no, essere turisti dello spazio.

A proposito di Angela Paone

Diplomata all'Accademia di Belle Arti. "Non ho paura di perdermi perchè non ho la più pallida idea di dove sto andando".

Vedi tutti gli articoli di Angela Paone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *