Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Canada

Canada: fornitore ufficiale d’aria pulita

16 Orizzontale. Quattro lettere. Saranno passati circa quindici anni. Ma certi istanti, anche se non proprio memorabili, anche se uguali a tanti altri istanti, ti restano impressi nella mente. Non lo sai mica il perchè. E così in questi giorni, tra un telegiornale ed un altro, la mente arriva a quel ricordo, lo rispolvera e diventa attuale. Attualissimo. Un’anziana signora, a capotavola di una tavola in una cucina di un quarto piano qualunque nel mondo, fa le parole crociate. Legge una definizione a voce alta (forse tutte le ha lette a voce alta, ma la memoria ha trattenuto solo quella). “16 Orizzontale. Quattro lettere. La respiriamo gratuitamente.” L’ottantenne senza pensarci neanche un secondo, scrive la risposta in quelle quattro caselle bianche, è abituata a fare le parole crociate lei. Ma commenta quella definizione, a testa bassa. A voce alta, ma a testa bassa, come se lo stesse dicendo ad una se stessa amareggiata. “Chissà come mai ancora non hanno pensato di tassarla.” L’aria. Stavano parlando dell’aria lei e la settimana enigmistica.

Qualcuno dovette ascoltare quel commento fatto a testa bassa, ma a voce alta perchè solo quindici anni dopo, non è più gratis l’aria. Non per tutti. La Cina, infatti, di aria non ne ha più. Non quella pulita almeno. La situazione “smog” è seria e decisamente preoccupante, tanto da portare le autorità – il 7 Dicembre scorso – ad innalzare il livello d’allarme a rosso, vale a dire massima allerta. Le mascherine antismog sono d’obbligo per i vigili urbani, ma non sono i soli a farne uso. I livelli d’inquinamento sono talmente alti, però, che le sole mascherine non bastano. Gli ospedali hanno registrato un aumento di ricoveri infantili per problemi respiratori.

Canada vende, Cina compra

Il Canada non si fa scappare l’occasione: vende aria pulita. La Cina la compra, non può fare altrimenti. La ditta canadese Vitality Air di Moses Lam e Troy Paquette, infatti, imbottiglia aria fresca e la vende ai cinesi per 28 dollari l’una. Ma il Canada ha pensato anche a coloro che non possono permettersi questa spesa. Una bottiglia si può acquistare anche a 24 dollari. Ci si dovrà accontentare di aria un po’ meno raffinata, ma in tempi di allarme rosso non ci si può permettere di fare gli schizzinosi. Ogni bottiglia contiene circa 7.5 litri d’aria. A conti fatti, l’aria della fredda Canada costa cinquanta volte di più dell’acqua minerale. Le bottiglie d’aria sono andate a ruba e, visto il successo, Vitality Air sta pensando di mirare all’Afganistan e all’Iran. Ma se l’Italia continua così, il Canada farà affari d’oro anche nel nostro stivale. Si perchè, a causa delle mancate piogge e delle cattive abitudini nostrane, i livelli d’inquinamento preoccupano anche il belpaese. Se quella anziana signora fosse ancora viva, oggi, farebbe parole crociate molto diverse. 12 Verticale. 5 lettere. Lo stiamo rovinando, o forse l’ abbiamo già rovinato.

Roberta Magliocca