Seguici e condividi:

Eroica Fenice

impressionisti

Dagli Impressionisti a Picasso: la mostra

La mostra Dagli impressionisti a Picasso, che offre capolavori di Van Gogh, Gauguin, Monet, Cézanne, Degas, Renoir, Matisse, Modigliani, Kandinsky, Picasso, dal 25 Settembre 2015 ha trasformato il Palazzo Ducale di Genova in galleria d’arte. L’iniziativa si prolungherà fino al 10 Aprile 2016, ospitando i capolavori artistici del Detroit Institute of Art

In un percorso che spazia da opere come Scena di caffè a Parigi, in cui si riprende uno spaccato di vita ottocentesca della metropoli francese, all’esperienza del puntinismo di Pissarro ne Il sentiero, possiamo ammirare le famose ballerine di Degas, gli evocativi paesaggi di Monet,  quelli ben costruiti e più netti di Cezanne. Si abbandona poi l’Impressionismo vero e proprio per accogliere i quadri di altre Avanguardie pittoriche, come l’Espressionismo, con le pennellate nervose e quasi umorali di Van Gogh e l’evocazione di mondi esotici e misteriosi dei quadri di Gauguin, fino ad arrivare al Cubismo, di cui Picasso è il maggiore esponente, e al Surrealismo.

In una Parigi di fine Ottocento, un gruppo di pittori concepì un’idea assolutamente innovativa per l’epoca: uscire dai piccoli studi e andare in giro a dipingere la realtà. Nasce così la pittura en plein air, un nuovo stile in cui più che la precisione e la limpidezza dei tratti, ciò che conta è trasferire sulla tela la vivacità dei Cafè, della vita cittadina, la gioiosità delle colazioni all’aperto, la bellezza della natura. Tra questi nuovi pittori, un po’ bohemien, ritroviamo un giovane Monet che nel 1874 espone, in una mostra collettiva, un dipinto dal titolo emblematico: Impressione, levar del sole. La novità di questo quadro sta nell’uso nuovo dei colori, nelle pennellate veloci, scattanti, addirittura imprecise all’occhio di un osservatore non esperto. Ciò che traspare dal dipinto è sicuramente la calma, la tranquillità che la vista delle poche barche nell’acqua suscita nel cuore del pittore, anzi, gli si imprime dentro. Ecco che, a partire da questo quadro di Monet, i pittori che aderirono al nuovo modo di dipingere la realtà furono chiamati impressionisti.

La rivoluzione degli Impressionisti

Come tutte le novità, gli impressionisti non trovarono subito un’accoglienza positiva presso i critici, che tendevano a paragonare questo nuovo stile alla pittura “di maniera”, fatta di regole precise per quanto riguarda l’uso dei colori, della luce, la plasticità delle forme, che invece gli Impressionisti sovvertivano completamente, con la loro mancanza di convenzioni accademiche, le regole più elementari del disegno e della pittura.
La situazione è molto cambiata da allora e l’Impressionismo, insieme alle Avanguardie artistiche del Novecento, è considerato come una delle principali rivoluzioni nel modo di concepire l’arte e la cultura.

Il Palazzo Ducale di Genova

Il luogo che ospita questa mostra temporanea è esso stesso un’opera d’arte. Edificato in età Medievale, intorno al 1291, il Palazzo Ducale di Genova così come oggi lo conosciamo conserva ben poco del suo aspetto originario: soprattutto tra XIV e XVI secolo, infatti, sono stati operati numerosi interventi di ampliamento, ricostruzione e restauro non solo della facciata medievale, ma anche degli interni, così da omologare l’edificio al gusto architettonico dell’epoca e renderlo degno rappresentante della potenza della città. L’attuale impostazione è opera di Andrea Ceresola, detto il Vannone, cui si deve la realizzazione del grande cortile del piano terra, coperto da una volta a padiglione e su cui si aprono due cortili porticati, e l’imponente scalone che conduce al piano superiore dove si trovavano gli ambienti di rappresentanza, il salone del Maggior Consiglio e quello del Minor Consiglio e gli appartamenti del doge. A seguito di un incendio del 1778, la facciata fu ricostruita in stile Neoclassico dall’architetto Simone Cantoni. Infine, il Novecento ha visto una ripresa dei lavori di ristrutturazione in un’ottica neomedievalista con l’intento di riportare alla luce quanto più possibile tratti originari del palazzo.

Dagli impressionisti a Picasso
Dal 25 settembre 2015 al 10 aprile 2016
Al palazzo ducale di Genova

Marianna De Falco