Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Hamsik vittima di una nuova rapina

La storia si ripete. Ancora una volta Hamsik, trequartista dell’amatissimo Calcio Napoli, proprio dopo la partita Napoli – Sampdoria, è stato rapinato. Tornando a casa, infatti, mentre era a bordo della sua auto, è stato avvicinato da dei malviventi che gli hanno intimato di dargli quanto avesse con sè. Il calciatore così ha fatto. Con un piccolo sforzo di memoria, ricorderete sicuramente altri episodi simili. Uno dei quali capitato proprio allo sfortunato giocatore sloveno che nel 2008 fu derubato di un orologio, una borsa con 800 euro, documenti e chiavi di casa.

Stessa sorte è toccata alla moglie di Edison Cavani, il “Matador” del club partenopeo. Rapina avvenuta, tra l’altro, dopo che la famiglia Cavani ebbe dovuto trasferirsi al centro della città da Lucrino in quanto il loro appartamento fu svaligiato. Ma la lista, purtroppo, non finisce qui. Nel Dicembre 2012, per l’appunto, sempre un giocatore del Napoli, Valon Behrami, è stato vittima di un’ulteriore, incredibile rapina. Ancora un orologio, ancora uno choc, ancora un triste destino che accomuna giocatori di una squadra tanto amata. Lo stesso è accaduto al procuratore di Cavani. Lui e la moglie in attesa di sette mesi che si è vista una pistola puntata al ventre, pronta a sparare se chi la impugnava non avesse avuto ciò che chiedeva.

Insomma un clima a cui, purtroppo, chi vive a Napoli da tempo, chi ci è nato, è abituato.

I napoletani, quelli onesti, che, per fortuna, sono molti di più dei malviventi, hanno imparato a convivere e a lottare contro quest’ombra che tenta di oscurare ogni giorno una delle città più belle del mondo. Ma chi è qui per lavoro, a tutto questo non è preparato. E ne è, giustamente, spaventato. Cavani che ha più volte messo in dubbio la sua permanenza a Napoli perché la sicurezza sua e della sua famiglia non gli era stata garantita.

Ciò non toglie che in nessuna città oggi si può stare davvero tranquilli, vedi il caso “lady” Ibrahimovic a Parigi o Vucinic scippato a Torino. 

Hamsik, intanto, ad oggi è ancora sotto choc. Non si sanno ancora quali saranno scelte, decisioni e conseguenze. I tifosi, al momento, si stringono attorno a lui sperando che il loro affetto compensi gli atti di delinquenza che sporcano le strade di questa città e del mondo intero.

Print Friendly, PDF & Email