Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La distruzione delle antichità di Ninive

Nelle ultime ore è stato pubblicato un nuovo video di propaganda dell’isis. Nel video viene mostrata la distruzione di diversi reperti archeologici nel museo di Mosul, Iraq. All’interno del museo erano custoditi diversi reperti del passato assiro della città.

Il video dell’isis mostra chiaramente uomini riconducibili al califfato islamico che distruggono con tutti i mezzi di cui dispongono, mazzole e  martelli pneumatici, le varie statue. Nel mirino dei distruttori principalmente le statue che raffigurano esseri umani o animali e quelle di divinità. Il video, che si commenta da solo, mostra solo l’ultima delle barbarie commesse dall’isis che stupra e annienta in questa maniera le origini di quei popoli che vivono in quelle terre. Subito balza alla mente l’idea che parte di questi reperti archeologici in mano all’isis possano essere venduti al mercato nero per finanziare il gruppo terroristico.

La distruzione dei reperti archeologici di Ninive, l’antica capitale del regno Assiro, è solo l’ultima barbarie culturale in ordine di tempo. Pochi giorni fà sempre a Mosul, sono state fatte saltare parti delle antiche mura di Ninive. Sempre a Mosul sono stati dati alle fiamme migliaia di libri antichissimi custoditi all’interno della biblioteca. A quanto pare gli uomini dell’isis non riuscendo a dare alle fiamme l’edificio della biblioteca hanno preferito trasportare fuori i libri e darli alle fiamme.

La visione estremista dell’isis è frutto di una visione sunnita fondamentalista, in cui non sono ammesse effigi di uomini e animali, ancor di più se si tratta di immagini di divinità. La distruzione di moschee e reperti pre islamici non conformi a quel canone fondamentalista sono  all’ordine del giorno

I fatti di questi giorni sono riconducibili, per le barbarie commesse, alla distruzione dei Budda di Bamiyan demolite a cannonate dai talebani nel 2001.

L’Unesco, allarmato da questi recenti fatti, ha richiesto una rinunione urgente del’ONU per richiedere un intervento celere sulla faccenda.

– La distruzione delle antichità di Ninive –