Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Rapsodia in Noir al Teatro Il Primo

Rapsodia in noir. 

Come si fa a costruire uno spettacolo con soli 3 membri?

Come fa un solo attore a parlare ininterrottamente per più di un’ora e mezzo?

Come fa un solo uomo a diventare prete, poi trans, poi prostituta e infine nuovo Cristo?

Può uno spettacolo che usa parole come “zoccola”, “merda”, “tavuto”, “cap’ rion”, “bucarsi”, “scarrafon”, “usuraio”, “vomito” essere poetico?

Lo rende possibile al Teatro il Primo Arnolfo Petri, nuovo rapsodo in Rapsodia in Noirregista del suo spettacolo, autore dell’omonimo libro.

Un rapsodo? Pensate a Omero: egli era un rapsodo, intonava per la comunità riunita in simposio il suo canto che era il canto di tutti. Uomini, eroi, valori sommi, questo doveva cantare, e tutti erano toccati fino al pianto perché il loro rapsodo li sfiorava da vicino con le sue parole piene di verità, con la realtà che essi conoscevanoe e che era vicina al loro mondo. Subito dopo si sentivano edificati, trovavano le risposte alle loro domande, la chiave per affrontare il futuro.

Arnolfo Petri si è denudato, e poi si è vestito dei panni di una puttana, poi di quelli di una tossicodipendente stuprata ed uccisa, di un boss di camorra assassinato in un regolamento di conti, e ancora quelli dell’emarginato, di un uomo morto di dolore, suicida per aver perso il suo compagno, che l’aveva tolto dalla strada e lo chiamava Patrizia.

In scena c’era una pistola, e lumini da cimitero, e una croce a grandezza naturale, statue di Madonne chiazzate di sangue, bambole spogliate coprivano il pavimento, un fallo, ex voto e catene pendevano dal soffitto; e poi c’era la voce potente di Maria Rosaria de Liquori e la fisarmonica di Andrea Bonetti e le urla, e il canto. Per un’ora e mezzo di spettacolo è riuscito, Petri, a trattare tutte le spine della sua opera, a sgranare il suo rosario doloroso con forza, e insieme con grazia, delicatezza, amore.

Nessuna nota stonata, un’opera sorprendente che merita di essere vista.

Non potrete dimenticare il finale. 

 Rapsodia in Noir al Teatro Il Primo – Eroica Fenice

Print Friendly, PDF & Email