Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Pellegrini portabandiera a Rio2016. La forza delle donne evi

La Pellegrini portabandiera a Rio 2016: la forza delle donne

È grande attesa per i XXXI Giochi Olimpici che si svolgeranno ad agosto a Rio de Janeiro, in Brasile. La cerimonia d’apertura il 5 agosto avverrà nell’Estádio Jornalista Mário Filho, meglio noto come Estádio do Maracanã, e a Rio 2016 portabandiera e rappresentante dell’Italia sarà l’amata e pluripremiata campionessa del nuoto Federica Pellegrini.
La nostra campionessa raccoglie il testimone di un altro grande nome femminile dello sport italiano, quello di Valentina Vezzali, la prima schermitrice ad essere stata oro olimpico in tre edizioni consecutive, che aveva rappresentato il Paese nel 2012 a Londra sfilando nella cerimonia d’apertura e portando a casa un bronzo grazie al suo fioretto.

Federica Pellegrini: una carriera da record

Federica è l’atleta dei record mondiali e personali. Nel 2004 ad Atene, a soli 16 anni, divenne l’atleta più giovane ad essere salita sul podio olimpico per uno sport individuale, vincendo la medaglia d’argento per i 200 m stile libero. Tra Atene 2004 e Pechino 2008 Pellegrini colleziona una costellazione di medaglie in tornei mondiali ed europei, stabilendo fra l’altro nel 2005 a Trieste il nuovo primato italiano nei 200 m stile libero.
A Pechino, poi, il trionfo indiscusso di un’atleta promettente, dalle enormi capacità e ancora giovanissima. Ha appena vent’anni quando porta a casa il suo primo oro olimpico. Continua a collezionare vittorie e medaglie negli anni, ma quando arriva a Londra 2012 le delusioni si inanellano e Federica non nasconde la sua amarezza. Da questo momento sembra aprirsi una nuova fase nella carriera della Pellegrini, con il proposito di prendere un anno sabbatico e la collaborazione col tecnico francese Philippe Lucas.

Dopo Londra 2012

Sono anni in cui si mette alla prova, quelli fra Londra e Rio, anni di test e di tentativi per superare i propri limiti, perché Rio è lì, al varco, in attesa di accogliere un’atleta che rappresenta tutti gli aspetti più sani e nobili dello sport. Restino fuori i gossip e le storie collaterali. Ciò che conta sono i numeri, i tempi, contano la fatica e la determinazione, la forza di volontà e il talento.
Federica Pellegrini, atleta che ha realizzato 11 record mondiali e che compirà 28 anni sfilando col tricolore italiano a Rio 2016 che si presenta come la sua più grande sfida, rappresenta non solo l’Italia tutta ma cosa vorremmo fosse lo sport sano e nobile come disciplina e stile di vita: la costanza e la determinazione del tendere al superamento dei propri limiti e del continuo perfezionarsi, scoprendo delusioni e sconfitte come nuove sfide a se stessi, per ricominciare ogni volta con nuova forza.

Martina Salvai