Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Forcella sesso a pagamento

Sesso a pagamento in 22 bassi a Forcella

“Se il sesso a pagamento vuoi trovare, non ad Amestardam devi andare, ma a Forcella ci può stare.” Il nucleo  «Emergenza Sociale e Minori» della Municipale ha scovato in 22 bassi di Forcella (nel giro di 500 mt) una serie di stanze adibite per il mestiere più antico del mondo. Dei ventidue locali, sette sono stati già sequestrati, gli altri quindici sgomberati temporaneamente e in attesa di controlli più approfonditi. Ci sono voluti giorni di appostamenti e di verifiche per poter arrivare al luogo sotto inchiesta.

A vendersi non erano solo donne ma anche trans che adescavano i clienti lungo il Corso Umberto, che venivano successivamente ospitati in terrani adibiti a stanze hot. Per ora sono stati riconosciuti una prostituta marocchina, che adescava alla bene e meglio, e tre trans macedoni che “lavoravano” solo su appuntamento.

Sesso a pagamento e prostituzione a Napoli

Si dice che, all’arrivo dei vigili c’è stato il classico fuggi fuggi generale, decisamente poco decoroso: chi fuggiva  in mutande, chi cercava velocemente di nascondere i sex toys.

Secondo le ultime indagine, la maggior parte di queste “casa d’appuntamento” (anche se in questo caso non possono essere definite così, dato che erano veri e propri terranei che venivano fittati) è gestita da transessuali.

Gli inquirenti hanno inoltre affermato che questi bassi risultano accatastai tutti come deposito e che, quindi, non possono  essere posti a locazione, soprattutto se il fine ultimo è il sesso a pagamento. Insomma, il fenomeno del sesso a pagamento non è di certo una novità. Da anni si discute se poterlo legalizzare o meno e dar così il via alla nascita di quartieri a luci rosse senza destare alcun tipo di scandalo. Si parla tanto di libertà, di aperture mentali, ma pochi si dicono d’essere disposti a voler essere il vicino di casa di un’imprenditrice del sesso.

A Forcella, nel frattempo, c’è chi vuole iniziare a ricostruire la propria città, cercando di emarginare il più possibile questioni del genere, per poter provare a recuperare un po’ di decoro.