Seguici e condividi:

Eroica Fenice

casa di Giovanni Verga

Catania, riapre la casa di Giovanni Verga

Da martedì 8 marzo sarà riaperta al pubblico la casa di Giovanni Verga – come stabilito da Fulvia Caffo, Soprintendente per i beni culturali e ambientali di Catania, e da Giovanni Di Stefano, Direttore della Casa museo – a seguito della conclusione degli interventi di restauro e di valorizzazione, realizzati dalla Soprintendenza di Catania.

La realizzazione di tali interventi – progettati da Maria Lucia Giangrande, Nicola Francesco Neri, Ida Buttitta, e diretti da Nicola Francesco Neri – è stata possibile, grazie ad un finanziamento europeo 2007/2013; il responsabile unico del procedimento è Cornelio Tripolone.

Dove si trova la casa di Giovanni Verga e cosa è possibile visitare?

La casa di Verga, sita al secondo piano di un palazzo ubicato nel centro storico di Catania – in via Sant’Anna, numero 8 -, dopo la morte dell’ultimo erede, nel 1980, è stata venduta alla regione Sicilia, che l’ha trasformata in un museo letterario. Ma già l’11 gennaio 1940, la casa del più autorevole esponente del Verismo, era stata dichiarata monumento nazionale.

La casa-museo di Verga ospita la biblioteca dello scrittore ed i principali arredi, quali, ad esempio, la scrivania (proveniente dall’appartamento milanese di Verga), il leggio (che, secondo alcuni, Verga avrebbe usato anche come scrittoio), ma anche un busto in gesso di Verga (copia dell’originale busto bronzeo, attualmente conservato presso il Convitto Cutelli) e la la maschera di cera del padre Giovanni Battista Verga Catalano.

Alla ri-scoperta della biblioteca di Verga

La biblioteca ospita circa 2600 volumi, nonché le copie dei manoscritti delle opere di Verga (i cui originali sono conservati presso la biblioteca dell’Università di Catania).

Fra gli autori che Verga leggeva troviamo D’Annunzio, Marinetti, De Amicis e, naturalmente, Capuana, De Roberto, Fogazzaro e Campana, nonché i naturalisti francesi (Flaubert, Maupassant, Zola, i fratelli de Goncourt) e i principali autori russi (Dostoevskij, Tolstoj, Puškin). Molti di questi volumi recano anche la dedica autografa.

Chi era Verga?

Non dimentichiamo che Verga, grazie alla sua produzione novellistica ed ai suoi romanzi, ha innovato la narrativa italiana, dal punto di vista linguistico, stilistico e contenutistico, attraverso la volontà di trasferire, nel prodotto della scrittura, l’osservazione del mondo circostante.

Dall’8 marzo sarà, pertanto, nuovamente possibile visitare il luogo in cui Verga “formò il suo mondo e lo concluse nell’immortale potenza dell’arte” (come recita l’epigrafe, ubicata proprio al secondo piano, in prossimità dei balconi).

Per maggiori informazioni:
Telefono: 0957150598
Orari ingresso: Tutti i giorni (escluso la domenica e i festivi) dalle ore 09.00 alle ore 13.15; dalle ore 14.15 alle ore 19.00.
Biglietto singolo intero: 4,00 €
Biglietto singolo ridotto: 2,00 €

Print Friendly, PDF & Email