Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Il premio Olmo è giunto alla XI edizione

Il premio Olmo della Fondazione “Antonio De Sisto” è giunto alla XI edizione

Il premio Letterario “Olmo” è giunto alla sua XI edizione. Ieri, 15 novembre, si è svolta, presso l’auditoriumGaudium et Spes” di Raviscanina (CE) la premiazione. Ma, prima di ricordare i nomi dei vincitori, è bene ripercorrere la storia di questo premio letterario, il cui scopo principale è la promozione della cultura.

Il premio “Olmo” nasce nel 2004, come manifestazione letteraria organizzata dalla Fondazione “Antonio De Sisto”, che il fondatore – il dott. Lelio De Sisto – ha voluto intitolare al proprio genitore.

Questo evento – per usare le parole del dott. Lelio De Sisto – “non vuole essere una sorta di esaltazione dell’uomo, ma cerca di dare, in modo semplice e corretto – in primo luogo, ai giovani -, affinché ci si riappropri della cultura. Come Fondazione siamo partiti con i piedi ben saldi a terra, consapevoli delle difficoltà connesse all’evento, ma fiduciosi.”

Nel corso degli anni, il premio “Olmo” è cresciuto: hanno affiancato il premio letterario nuove sezioni, tra le quali ricordiamo: giornalismo, sport, musica, spettacolo, cinema, tv, imprenditoria ed associazionismo.

Un particolare rilievo assume la sezione speciale “leggendo leggendo”, finalizzata alla valorizzazione ed alla promozione di giovani alla prime pubblicazioni. Quest’anno il premio “Olmo” per la sezione “leggendo leggendo” va all’autrice della silloge poetica “SpontaneaMente”, Gelsomina Massaro, la quale, qualche tempo fa, ha rilasciato una bella intervista per Eroica Fenice.

È importante sottolineare che la Fondazione “Antonio De Sisto”, attraverso il premio “Olmo”, svolge, da anni, un’attività di monitoraggio-talenti, senza chiedere alcun contributo di partecipazione. Infatti, l’allestimento della manifestazione è a completo carico della fondazione, la quale non riceve alcun tipo di contribuzioni da enti esterni ed ha uno statuto apolitico.

Lelio De Sisto ammette che “portare avanti un evento simile richiede un lavoro durissimo”; ma aggiunge che “ne vale la pena, giacché esso rappresenta un valido strumento per avvicinare i giovani alla cultura e per valorizzare la nostra regione.” Tuttavia, il premio “Olmo”, ambiziosamente, si propone di oltrepassare i campani confini.

Tra i premiati della XI edizione del premio “Olmo”, ricordiamo: mons. Raffaele Nogaro; gli attori Gianfranco Gallo e Niccolò Centioni; i giornalisti Carlo Desgro e Salvatore Minieri; la pianista Giuseppina Torre; Salvatore Vitiello, capitano carabinieri; le scrittrici Alessandra Roggia e Nina Miselli; Antonio Covino, scrittore e poeta; Salvatore Uroni, scrittore. Le targhe alla memoria sono state dedicate al maresciallo Luigi Michele Ciaburro, alla partigiana Maddalena Cerasuolo e allo storico Domenico Loffreda; premio speciale per il Sociale in memoriam va al dott. Lello Pennacchio.

Tra gli ospiti d’onore, sono intervenuti il filosofo Aldo Masullo e l’attore Salvatore (Sasà) Striano.

L’undicesima edizione del Premio “Olmo” ha visto una straordinaria ed entusiastica partecipazione.

Ci si augura che questo premio possa continuare a crescere, attraverso la sua meritoria attività di promozione della cultura.

Il premio Olmo è giunto alla XI edizione

Print Friendly, PDF & Email