Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Telese, un progetto per le Antiche Terme Jacobelli

Anche Telese Terme partecipa all’iniziativa [email protected], presentando un progetto per la valorizzazione delle Antiche Terme Jacobelli.

Come si legge dal sito del Governo italiano e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’iniziativa [email protected] è nata “per recuperare i luoghi culturali dimenticati”; a tal proposito, il Governo mette a disposizione 150 milioni di euro.

L’iniziativa [email protected]

Fino al 31 maggio 2016, tutti i cittadini italiani hanno avuto la possibilità di segnalare – all’indirizzo di posta elettronica [email protected] “un luogo pubblico da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della collettività o un progetto culturale da finanziare”.

Come apprendiamo ancora dal sito, una commissione ad hoc stabilirà i progetti, ai quali assegnare le risorse economiche ed il decreto di stanziamento sarà emanato il 10 agosto 2016.

Il progetto telesino e le Antiche Terme Jacobelli di Telese Terme

La cittadina di Telese Terme ha presentato al Consiglio dei Ministri un progetto – per un valore di circa 350.000 euro – di ripristino funzionale delle vasche termali delle Antiche Terme Jacobelli, situate all’incrocio tra i comuni di Castelvenere, Solopaca e Telese.

Il Parco Bagni Vecchi è più noto come Antiche Terme Jacobelli perché quello che ora appare come parco naturale – a seguito dei lavori di ristrutturazione, finanziati dal P.O.R. Campania ed ultimati nel 2008 -, era, in origine, un parco termale, voluto, fondato e finanziato, nel 1861, dal Cavaliere Achille Jacobelli di San Lupo ed inaugurato ufficialmente nel 1867.

Il progetto Jacobelliano delle terme prevedeva la costruzione di uno stabilimento ben articolato, dotato di 50 camerini, una sala con tavole e sedili in marmo, una vasca marmorea con acque termali ed un porticato, dove poter passeggiare. Nel progetto iniziale lo stabilimento doveva essere dotato anche di un ristorante ed un caffé.

Tuttavia, le difficoltà finanziarie che colpirono il Cavaliere Jacobelli furono nefaste per le terme, che andarono incontro ad un periodo di decadimento, finché non furono prese in fitto, nel 1871, da Filippo Capuano di Cerreto Sannita. Infine, nel 1875, le Terme Jacobelli furono acquistate dal cavaliere Eduardo Minieri di Napoli, nell’àmbito di un accordo con la provincia di Benevento.

Il progetto mira a risolvere il problema dello smaltimento delle acque sorgive: a causa delle oscillazioni del livello delle falde acquifere e delle conseguenti oscillazioni del livello delle acque nelle vasche, lo smaltimento delle acque sorgive non avviene in modo continuo, provocando, ristagno e presenza di alghe maleodoranti.

Ci auspichiamo che la commissione giudicatrice tenga debito conto del progetto, la cui realizzazione darebbe, senza dubbio, nuovo slancio alla già turistica città di Telese Terme, valorizzando un importante patrimonio termale, a lungo dimenticato e non sfruttato nelle sue piene potenzialità.