Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Tag: #quarantena contiene 6 articoli

Libri

Storia di un (quasi) amore in quarantena

Davide Gambardella, giornalista, è nato a Napoli nel 1981. Inizia la sua gavetta nel 2002 come cronista nelle redazioni dei giornali di Napoli, città che è stata una maestra di vita per l’autore. Nel 2013 lascia Napoli per trasferirsi prima in periferia, a Pianura ed in seguito nella periferia di Roma, nel quartiere Tor Bella Monaca, dove prosegue la sua attività nel mondo del giornalismo. Ha collaborato con diversi quotidiani, tra cui Il Roma, Il Mattino, La Stampa, Il Messaggero. Inizialmente l’autore ha raccontato eventi avvenuti nella sua città natale, per poi spostare l’attenzione sulle realtà della periferia della capitale. Il suo primo romanzo prende forma nei giorni del lockdown per l’emergenza Covid-19 ed è Storia di un (quasi) amore in quarantena. Storia di un (quasi) amore in quarantena è un breve racconto che prende vita durante i giorni bui e incerti del primo lockdown avvenuto in Italia a Marzo 2020. La storia comincia il giorno prima che il decreto ministeriale dell’8 Marzo 2020 obbligasse tutti agli arresti domiciliari. Siamo a Tor Bella Monaca, noto quartiere della periferia capitolina. Il protagonista, grazie ad una chat d’incontri, conosce la bella russa Tatiana, di Krasnojarsk. Galeotto è stato un «Buonasera, disturbo?», in seguito al quale i due non hanno mai più smesso di chattare. Il primo incontro? Fugace, mezz’ora, non di più, un rapido giro in macchina tra le strade di Roma, poiché non era consentito fare altro. A quell’incontro, ne seguiranno altri, molti altri, che perdureranno durante l’intero periodo di lockdown. I due giovani vivono giorni intensi, giorni durante i quali, per combattere la noia e la monotonia di una routine claustrofobica tra le mura domestiche, devono costantemente reinventarsi. Giorni che passano lenti, giorni in cui a volte occorre l’ausilio di una bottiglia di vino di troppo al fine di annebbiarsi la vista e perdere i sensi per vivere nella spensieratezza impossibile da provare in quel periodo avendo la mente lucida. È la storia di un (quasi) amore in quarantena, un quasi amore perché l’epilogo sarà del tutto inatteso e stravolgente. Storia di un (quasi) amore in quarantena Gambardella scrive una sorta di “diario di bordo”, raccontando con maestria, a tratti ironia, a tratti delicatezza, un periodo storico che ha lasciato molteplici segni su tutti noi. Scrive per raccontare, scrive per rivivere ciò che sta vivendo, scrive solo per vivere, forse, dei giorni in cui quella che abbiamo vissuto, vita non era. Gli arresti domiciliari, la casa che diventa una prigione, l’unica via di fuga, l’unico modo per scappare, la spesa. Per evadere, l’alcol, per sentire, l’amore. Storia di un (quasi) amore in quarantena è un racconto attuale, è una storia coinvolgente, è nei nostri giorni, sarà nei giorni che verranno. Il Covid-19 non è passato, è presente. L’amore non è passato, è presente, perché questo virus ha ucciso l’uomo, ha ucciso l’economia, ha ucciso la sanità mentale, ha ucciso ogni cosa, ma non ha ucciso la voglia di sentire, non ha ucciso la voglia di amare.

... continua la lettura
Voli Pindarici

Diario di una quarantena. Il bestiario dell’ipocondria (parte 1)

In quattro settimane di quarantena puoi imparare, capire e osservare tante cose, specialmente il bestiario dell’ipocondria che un piccolo virus è capace di creare. Lunedì 6 aprile 2020, ore 11:46 Oggi inizia una nuova settimana di quarantena. La quinta, per la precisione. A renderla speciale è il fatto che questa domenica festeggeremo Pasqua. Dai, un vantaggio alla fine ci sta: niente pranzi in famiglia, con parenti che credevi sepolti in qualche tomba e che si interessano per una giornata alla tua vita sentimentale e lavorativa. Poi però pensi: «Un’altra settimana recintato tra le mura domestiche. Spero soltanto che internet non si spenga all’improvviso. In quel caso le fondamenta della civiltà crollerebbero inesorabilmente e le strade si popolerebbero di bande di predoni armati fino ai denti a bordo di veicoli truccati in pieno stile Hokuto no Ken (per i profani: Ken il guerriero). Allora sì che sarà la fine». Affinché questi pensieri nefasti non mi tormentino e onde evitare che la pazzia prenda totalmente il controllo del mio cervello fabbricando allucinazioni mostruose, come il pupazzo di Winnie the Pooh che campeggia su una delle casse dello stereo che ho in camera e che mi parla esortandomi a fare cose oltre i limiti del consentito, ho deciso di redigere una sorta di “bestiario dell’ipocondria. Una lista di tutti i tipi umani che, nella mia ignoranza, ho individuato in un mese di reclusione forzata. Perché “ipocondria”? Lo scoprirete alla fine. Bestiario dell’ipocondria L’ossessionato Il primo pensiero di questa figura quando si alza dal letto non è quello di fare colazione o di andare in bagno, bensì di accendere il cellulare o il computer per vedere se ci sono aggiornamenti sull’emergenza santiaria. Fin qui non c’è nulla di male se non che, con la scusa di tenersi informato, questo personaggio entri in uno stato di paranoia totale. Da mezzogiorno fino alle tre e dalle sei del pomeriggio fino alle nove di sera fa il giro di tutti i telegiornali e in alcuni casi ne approfitta per commentare a caldo le notizie, condendole con paroline rivolte al politico che gli sta più antipatico o al personaggio pubblico che può permettersi di stare a casa “perché ha i soldi”. Se poi la sorte è stata così crudele da destinarti come genitore proprio questa figura, la voglia di seguire le orme tracciate da Bugo nei riguardi di Morgan durante l’ultimo Sanremo alzandoti da tavola ogni volta che il televisore viene acceso sul TG1 e di andartene via è veramente tanta. La groupie Questa figura è di genere femminile ed è così chiamata perchè attende il comunicato a reti unificate di Giuseppe Conte alla stessa maniera di un’adolescente che nel 2004 aspettava di veder salire i Blue o Justin Timberlake sul palco di TRL (Total Request Live, un vecchio programma di MTV). Ogni volta che sullo schermo compare il viso del presidente del consiglio che contende ad Alberto Angela il ruolo di sex symbol, non è soltanto la nazione a fermarsi. Anche i volti di tante ragazze e […]

... continua la lettura
Food

Wine Lovers in quarantena, l’iniziativa di Wine and Thecity

In questo periodo di reclusione forzata è partito il progetto Wine Lovers in quarantena, lanciato da Wine&Thecity, l’impresa culturale che celebra l’ebbrezza creativa e la cultura del vino. L’obiettivo è quello di fare rete in questo periodo di grande isolamento domestico, di condividere (anche se solo virtualmente) esperienze e consigli enologici. Pertanto, dallo scorso 21 marzo, l’account Instagram wineandthecity_napoli si è arricchito di un nuovo contenuto multimediale. Condividere la cultura del vino Ogni giorno sul canale IGTV Instagram di Wine&Thecity vanno in onda brevi videomessaggi – della durata di uno o due minuti – che personaggi più o meno noti (influencer e giornalisti del settore, pizzaioli di fama e Stelle Michelin, produttori vitivinicoli e personaggi del mondo della cultura) hanno registrato da casa propria, nei quali raccontano cosa bevono in tempo di quarantena. Ciascun personaggio consiglia un vino da bere tra aneddoti, suggerimenti e riflessioni. In tanti hanno aderito all’iniziativa tra cui il pizzaiolo Gino Sorbillo, da sempre al fianco di Wine&Thecity, lo scrittore Maurizio De Giovanni, lo chef Stella Michelin Luciano Villani de La Locanda del Borgo di Aquapetra Resort, Roberto Di Meo, Presidente Assoenologi Campania e vignaiolo che, nella sua casa di Avellino, degusta un calice di Fiano di Avellino 2018 dell’azienda di famiglia. Ancora, lo chef Stella Michelin Domenico Candela del ristorante George del Grand Hotel Parker’s di Napoli, il collezionista e gallerista Peppe Morra che, sorseggiando l’aglianico dell’Antica Vigna di San Martino, racconta come coltivare la bellezza in questo periodo di quarantena; Fiorella Breglia di Cucino per amore che invita a brindare con le bollicine di Ca’ del Bosco. Tanti i contributi di giornalisti ed esperti del settore da tutta Italia: Antonio Paolini dalla sua casa in Abruzzo, Luciano Pignataro da Salerno, Licia Granello da Torino, Antonella Amodio, Santa Di Salvo da Napoli, Camilla Rocca dal Lago di Garda. Wine Lovers in quarantena: intervista a Donatella Bernabò Silorata Per saperne di più sull’iniziativa Wine Lovers in quarantena abbiamo rivolto qualche domanda a Donatella Bernabò Silorata, fondatrice di Wine&Thecity. Com’è nato il progetto “Wine Lovers in quarantena”? In modo del tutto casuale, parlando al telefono con un amico che mi raccontava di aver stappato un importante rosso toscano, una di quelle bottiglie da grandi occasioni. Mi descriveva il vino e ho pensato, «dai mandami un video messaggio che te lo pubblico come consiglio alla community di Wine&Thecity». Da qui l’idea di coinvolgere altri amici a raccontarsi e a raccontarci cosa stanno bevendo in questi giorni di quarantena. All’iniziativa hanno aderito in tanti, non solo personaggi del settore enogastronomico, ma anche del mondo della cultura. Sì, perché il vino è cultura, il vino è una passione trasversale. E anche perché, da sempre, attraverso Wine&theCity promuoviamo in maniera del tutto non convenzionale la cultura del vino, del bere bene. Sono orgogliosa e grata di aver ricevuto i contributi di Maurizio De Giovanni e di Peppe Morra ed altri ne arriveranno. Dal momento che siamo obbligati a stare a casa, come possiamo acquistare vino in questo periodo di quarantena? Tante […]

... continua la lettura
Voli Pindarici

Diario di una quarantena. Il signor Peppe

Il Signor Peppe, storia di un uomo “strano” Un cappello di paglia con un nastro colorato (sembrerebbe blu), una sedia di quelle da spiaggia in tela verde, un sigaro e una salopette di jeans. Dal mio balcone vedo il “Signor Peppe”, così lo chiamano tutti, un uomo sulla settantina che ogni pomeriggio siede fuori al terrazzo di casa sua e fischietta, osservando chissà cosa. Qualcuno lo dà per matto, qualcun altro invece lo guarda di nascosto con curiosità in quella sua posa quasi scultorea, mentre i tiepidi raggi di sole di questa stagione strana e contaminata lo riscaldano. Il Signor Peppe è solito dare confidenza a nessuno. Non chiacchiera, non incrocia gli sguardi. Se ne sta lì, solo, a osservare e ad ascoltare sempre nella stessa posizione, in perfetta solitudine. L’altro giorno, per caso, i nostri sguardi si incrociarono e in un attimo mi parve di vedere il mare. Due grandi occhi chiari, color acqua, la carnagione scura, i capelli bianchi appoggiati delicatamente sulle spalle. Mi chiese una sigaretta, mostrandomi il suo pacchetto vuoto. Senza pensarci su mi avvicinai con discrezione e gliene porsi una. Lui accennò un timido sorriso, facendo cenno di sedermi su un muretto ricoperto di maioliche scolorite, accanto a lui. Trascorsero dei lunghi minuti in silenzio riempiti da sorrisi accennati, rapidissimi secondi durante i quali mi lasciai coinvolgere dai mille colori e suoni della natura primaverile, lasciandomi trasportare da tutto ciò che mi circondava. Minuti semplici e puri, che allontanarono dalla mia mente la paura del Coronavirus. Il virus c’è, esiste e purtroppo miete vittime: tante, troppe. Ma a volte, per stare bene, basterebbe accontentarsi di poco. Oltrepassare la soglia del proprio portone e catapultarsi altrove, dove solo l’immaginazione può arrivare. Il Signor Peppe mi ha concesso l’immensa possibilità di godere del proprio tempo, provando l’ebrezza di un nuovo sapore: quello della semplicità. Mi ha rassicurata senza parlare, con distacco, ma con lo sguardo di chi vorrebbe dire tante cose pur tacendo. Il Signor Peppe è sempre stato descritto come “n’omm stran”. Un uomo strano, seppur la maggior parte della gente sa poco di lui. Poiché casa mia è posizionata più su rispetto alla sua, l’ho sempre osservato dall’alto. Ho sempre aspettato che si girasse e non lo ha mai fatto, ma l’altro giorno improvvisamente ha scelto di dedicarmi il proprio tempo: un’occasione di crescita personale. In questi giorni ho ripensato più volte a quell’episodio, al motivo di quell’apertura nei miei confronti. Mi è capitato di leggere dei libri e improvvisamente riscoprire l’immagine del Signor Peppe, che si materializzava in quelle parole. Sembra quasi un personaggio di quelli che s’incontrano nei libri. Sarà per questo che, decisa a leggere Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway, ho subito notato un uomo con cappello di paglia e salopette blu raffigurato sulla copertina. «Coincidenze», ho pensato. Proseguendo nella lettura dal mio balcone, quando il meteo lo permette e con il Signor Peppe, sempre nella propria posa statuaria, ho ritrovato un biglietto con un nome e una data: 1991, […]

... continua la lettura
Voli Pindarici

Diario di bordo di una quarantena qualunque

Diario di bordo di una quarantena qualunque È venerdì 13 marzo 2020 ed è oggi che hanno inizio i miei arresti domiciliari, mentre altrove, in tutto il mondo, cominciano o finiscono quelli altrui. Siamo tutti ai domiciliari, nonostante non abbiamo commesso nessun reato. Tutto tace, fuori. Tutti urlano, dentro. Siamo animali sociali, non siamo abituati a vivere in solitudine. Ci svegliamo, in compagnia. Beviamo il caffè, in compagnia. Andiamo a lavoro, in compagnia. Usciamo da lavoro e facciamo aperitivo, in compagnia. La palestra, in compagnia. Il teatro, in compagnia, le passeggiate, in compagnia. Le cene, in compagnia. A Napoli, le strade ieri erano deserte. Forze dell’Ordine, ovunque, per mantenere in ordine una città mai stata così ordinata prima d’ora. Nessuno urla per le strade, nessun motorino. Non c’è odore di pizza nei vicoli, mentre invano cerco quello del caffè. La gente non c’è, perché la gente ha paura. E la gente ha paura a Napoli, ha paura a Milano, ha paura a Venezia. La gente ha paura ovunque, in ogni angolo del mondo, quel mondo che prima d’ora immaginavamo fosse così grande, pensavamo di essere così distanti gli uni dagli altri ma, ahimè, siamo davvero una grande barca a vela, una barca in cui, se la vela si spezza e il mare è mosso e c’è un vento della Madonna, sono cazzi amari. E la deriva fa paura a chiunque, anche al più abile dei marinai. A Teggiano, le strade oggi sono deserte. Non che solitamente siano affollate, ma in questa giornata, non ho visto una sola persona. Anzi sì, ne ho vista una: ero io, allo specchio. Mi sono specchiata un sacco in questa giornata, ho temuto anche di poter cominciare a parlare con la mia immagine riflessa ma, grazie alla mia gatta, ho evitato. Allora ho parlato con lei, le ho detto che andrà tutto bene. È scossa la mia gatta, è turbata tanto quanto noi. Ho camminato tanto, ho rivolto spesso gli occhi al cielo, ho calpestato erba e non asfalto, ho goduto della bellezza della natura. Diario di bordo di una quarantena qualunque È venerdì 13 marzo 2020 ed è oggi che ho compreso cosa significhi la paura. Siamo soliti gestire ogni situazione, siamo abili nel risolvere i problemi, solitamente abbiamo mezzi e armi per sconfiggere tutto, o quasi. E oggi è il giorno di quel quasi tanto inatteso, quel quasi che, soprattutto noi giovani, abituati a vivere in un mondo tanto comodo, non sappiamo fronteggiare. Stare a casa, da soli. Guardare un film, da soli. Uscire di casa, da soli. Bere un calice di vino, da soli. Vivere, da soli. Ignara di come terminerà questa distopica esperienza, vivo le mie giornate oscillando tra il pessimismo leopardiano e il positivismo di Comte. Come si fa a non sentirsi soli, quando si è soli? Quanto è bello non sentirsi soli, quando si è soli? E quanto è bella la solitudine, quando si è in compagnia? E quanto è triste la solitudine, quando la compagnia è lontana? Ignoriamo la […]

... continua la lettura
Attualità

Napoli non si spegne – Light mob – Sabato 14 marzo

Napoli non si spegne  Organizzato da Spazio Tangram in collaborazione con il suo direttore artistico Michele Del Vecchio , il “Light mob – Napoli non si spegne” avrà luogo la sera di sabato 14 marzo, prevedendo di dar “luce” e “leggerezza” – entrambe traduzioni del termine inglese “light” – ai cuori delle municipalità napoletane. Ed è proprio alle municipalità che l’appello si estende, incoraggiando le aree partenopee a partecipare a questo evento che si svolgerà ovviamente nell’aera domestica, in vista delle restrizioni governative, e che prevedrà l’accensione e lo spegnimento delle luci esterne e interne della propria abitazione in modo intermittente per la durata di due minuti. Va bene anche affacciarsi ad una finestra o ad un balcone ed accendere e spegnere la torcia del cellulare. Il tutto è stato organizzato a seconda delle municipalità di appartenenza ed il programma indica l’orario a loro dedicato per trasformarsi in “aree intermittenti”. Programma Gli appuntamenti saranno disposti tra le ore 20:00 e le ore 20:30 di sabato 14 e il programma è il seguente: h.20:00: MUNICIPALITA’ 1 + MUNICIPALITA’ 10 (Chiaia, Posillipo, San Ferdinando + Bagnoli e Fuorigrotta) h.20:05: MUNICIPALITA’ 2 + MUNICIPALITA’ 9 (Avvocata, Montecalvario, Mercato, Pendino, San Giuseppe, Porto+Soccavo, Pianura) h.20:10: MUNICIPALITA’ 3 + MUNICIPALITA’ 8 (San Carlo all’Arena, Stella + Piscinola-Marianella, Chiaiano, Scampia) h.20:15: MUNICIPALITA’ 4 + MUNICIPALITA’ 7 (San Lorenzo, Zona Industriale, Vicaria, Poggioreale + Miano, Secondigliano, San Pietro a Patierno) h.20:20: MUNICIPALITA’ 5 + MUNICIPALITA’ 6 (Vomero, Arenella + Ponticelli, San Giovanni a Teduccio, Barra) TUTTI INSIEME h.20:30: gran finale tutti insieme, tutte le municipalità, quartieri, ecc, spegneremo ed accenderemo le luci TUTTI INSIEME alle 20:30 per cinque minuti! Intervista al direttore artistico Michele Del Vecchio Com’è nato l’evento? << Nato per caso pochi giorni fa. Ero al telefono con un amico fotografo, Paolo Liggeri, e riflettevamo sulla bellezza di Napoli, anche di notte. Poi il discorso si è spostato sulle difficoltà di questo periodo e di quanto sia importante la forza della rete e delle connessioni che si creano tra le persone. Di lì è stato un attimo immaginare “Napoli non si spegne”. Quindi le luci della città che si accendono e si spengono in continua intermittenza, un po’ come si fa con gli accendini e gli smartphone ai concerti>> Perché è nato? <<L’evento è impostato in modo che le dieci munipalità di Napoli che rappresentano tutti i quartieri siano “accoppiate” due a due per accendere e spegnere contemporaneamente le luci di casa, un modo per far sentire vicini anche quartieri distanti tra loro. L’idea è che è proprio nelle difficoltà che bisogna essere più uniti >> Quale è il messaggio che intende esprimere alla nazione in questo momento così delicato? <<E’ un momento difficile per tutti in Italia, non vogliamo sottovalutare la portata del dramma, ma cercare di alleviare un po’ la pesantezza di questi momenti, può solo giovarci. Lo facciamo attraverso le parole di Italo Calvino: “Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni […]

... continua la lettura