Seguici e condividi:

Eroica Fenice

CostellazioniAmleto

CostellazioniAmleto al Piccolo Bellini

CostellazioniAmleto è arrivato al Piccolo Bellini, dove rimarrà in scena fino al 28 febbraio. Cosa succederebbe ad Amleto al giorno d’oggi? A questa domanda vuole rispondere il regista Giovanni Del Prete. 

Secondo lui Amleto andrebbe in analisi, come uno qualsiasi di noi ma, essendo un personaggio ‘particolare’, avrebbe bisogno di un metodo diverso. La sua psicanalista gli suggerirebbe, perciò, le Costellazioni Familiari, un metodo alternativo per comprendere i problemi della sua vita.  

Amleto si troverebbe quindi davanti ad alcuni estranei che recitano la storia della sua famiglia, in modo che il protagonista possa riflettere sul suo passato e comprendere come risolvere i suoi problemi. Ovviamente Amleto non riuscirebbe così facilmente a superare il suo dramma e la sua ‘guarigione’ sarebbe quantomeno complessa. 

CostellazioniAmleto: Del Prete rilegge Shakespeare

Amleto, nella rilettura di Del Prete, diventa, così, uno spettatore della sua vita, il pubblico della sua celeberrima vicenda. Proprio come nella tragedia di Shakespeare, dove il protagonista fa mettere in scena la storia della morte del padre, così in questo spettacolo la messa in scena servirà (o servirebbe) ad aiutarlo a superare il lutto e i suoi fantasmi. Orazio Cerino dà corpo e voce alle psicosi del personaggio e, partendo dalla ‘figura’ di Amleto, da un puro personaggio teatrale, ne fa un uomo in carne ed ossa, fatto di follia, come ognuno di noi, le cui manie ‘da tragedia ‘ possono addirittura far ridere.

Amleto, però, non è solo in scena e gli ‘altri’ che devono aiutarlo non sono davvero la sua famiglia. Sono pazienti in cura che, come lui, hanno i loro problemi da risolvere attraverso la psicanalisi. Deve instradarli, dire loro chi essere e questo fa di lui un regista, che sceglie persino il suo doppio, portando il pubblico di fronte a ben due Amleto. Uno vittima passiva, l’altro attivo e focalizzato verso la vendetta. 

CostellazioniAmleto è uno spettacolo che convince, sia per la regia che per le interpretazioni, sebbene il finale appaia, in questa messa in scena, alquanto irrisolto, come i problemi del giovane Amleto.

Print Friendly, PDF & Email