Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Frankenstein 'o mostro: i Posteggiatori Tristi a teatro

Frankenstein ‘o mostro: i Posteggiatori Tristi a teatro

I Posteggiatori tristi sbarcano al Bellini con il loro musical Frankestein ‘o mostro. Saranno in scena fino al 19 febbraio sul palco del Teatro Bellini e dal 23 al 26 al Piccolo Bellini. La collaborazione dei Posteggiatori con il teatro Bellini deriva dagli Aperitristi, eventi che hanno rallegrato il foyer del Bellini nel corso delle ultime due stagioni teatrali. Torna, infatti, la regia di Sara Sole Notarbartolo; i posteggiatori sono Pietro Botte, Anne-Laure Carette, Davide d’Alò, Emanuele Esposito,  Ivan Virgulto, con la partecipazione degli attori Valentina Curatoli e Rosario Giglio

Il punto di partenza è il celeberrimo romanzo di Mary Shelley, ma Frankenstein ‘o mostro è qualcosa di più, che deve molto anche al celebre film di Mel Brooks e naturalmente alla tipica Posteggia napoletana.

I Posteggiatori tristi  presentano un Frankenstein partenopeo

Sciarlotte Sciarappa, della Sciarappa&Co., premiata ditta di bibite gasate, chiede al Doktor Viktor, innamorato di lei da sempre, di creare un operaio perfetto, in modo da migliorare la catena di montaggio della sua neonata fabbrica. Il prescelto è Karamazov (Pietro Botte), operaio che trascorre il suo tempo libero con un gruppo di musicisti di strada come lui. Naturalmente la storia non andrà come previsto, perché l’indole musicale dell’artista non sarà abbattuta dai piani del crudelissimo Viktor e della sua assistente (Anne Laure Carrette), una Frau che parla francese insultando l’ingenua Sciarlotte. Tra i personaggi anche l’inseparabile maestro La Pezza che cerca di salvare il compagno Karamazov, il robottino che aiuta il dottore (e suona la batteria) e il pipistrello-chitarrista che accompagna Sciarlotte (e che viene da lei apostrofato in qualsiasi modo).

L’ambientazione è una malinconica e nebbiosa isola di Capri, scelta che dimostra -come tutto lo spettacolo del resto- la volontà di utilizzare moduli classici in una chiave innovativa. 

La storia di Karamazov che diventa un mostro -anzi ‘o mostro- è così l’occasione per raccontare la genesi dei Posteggiatori Tristi e della loro mecenate un po’ sui generis, Sciarlotte. Nei loro spettacoli, infatti, la premiata ditta Sciarappa&Co. ha da sempre un ruolo di primo piano. 

Lo spettacolo di Sara Sole Notarbartolo è ben scritto, ben costruito, soprattutto nei riuscitissimi tempi comici, ben interpretati dall’eccellente gruppo di attori in scena.  Il pubblico, non abituato ad uno spettacolo del genere sul palco del Bellini, ha riservato a Frankenstein ‘o mostro un’accoglienza molto calorosa. Si spera che la collaborazione tra i Posteggiatori Tristi e il Teatro abbia un seguito.