Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Cupa

La Cupa di Mimmo Borrelli al Teatro San Ferdinando

Mimmo Borrelli racconta un mondo post moderno

 

Dal 10 aprile al 6 maggio al Teatro San Ferdinando di Napoli andrà in scena La Cupa. Fabbula di un omo che divinne un albero. 

La sala del teatro è stata riadattata alle esigenze dello spettacolo. Una enorme passerella attraversa la platea che viene immersa nella storia scritta da Mimmo Borrelli. Il pubblico viene, così, catapultato in un tragico mondo post moderno, che fa da ambientazione ad una tragedia a tutti gli effetti; una tragedia che ricorda, per le dinamiche e per i temi trattati, lo Shakespeare di Sogno di una notte di mezza estate e della Tempesta (anche nella traduzione che avrebbe voluto mettere in scena Eduardo De Filippo). 
 
Nella prima parte i personaggi le loro storie vengono introdotti e, nel seguito della narrazione, le loro storie vengono approfondite. L’ambientazione è una cava in cui, come in un moderno inferno dantesco, si susseguono peccatori di vario genere, nessun dei quali – come in Dante – meriterà la salvezza. Ognuno di loro si trova, infatti, in una situazione di perenne colpa che non li abbandona mai. 
La Cupa è, quindi, un inferno terrestre popolato da dannati: pedofili, sversatori di rifiuti tossici e scorie nucleari (tema quanto mai attuale), contrabbandieri di organi di bambini (fatti nascere solo per essere pezzi di ricambio), dipendenti dal gioco d’azzardo e assassini. Rifiuti umani che vivono in una discarica. Uomini mutilati nella loro umanità e nei loro corpi, abbandonati ad un destino di eterna sofferenza, la cui storia viene raccontata con un climax ascendente di violenza.
Un inferno da cui si può fuggire solo con la morte, che sembra essere l’unica possibilità di salvezza, l’unica speranza di poter cambiare la propria condizione, in un mondo in cui la speranza non trova spazio. 
 

La Cupa  di Mimmo Borrelli – uno spettacolo da vedere

Il tutto condito dalla lingua – sempre efficace – di Mimmo Borrelli, che non perde mai di vista le sue ascendenze flegree, senza mai rendere il suo testo di difficile comprensione. Una delle migliori abilità del drammaturgo, infatti, è quella di essere comprensibile anche da chi non è campano, grazie alla potenza espressiva dei suoi testi, che vanno oltre i confini geografici. 
Mimmo Borrelli è il miglior regista della sua generazione e, a “soli” 38 anni, in un mondo in cui fino a settant’anni un regista non viene preso sul serio, continua a stupire gli appassionati di teatri con le sue produzioni.
Nella Cupa, infatti, si pone come un regista e non come un primo attore, lasciando spazio ai suoi attori come solo un ottimo regista sa fare. Il cast è di altissimo livello, da segnalare soprattutto Marianna Fontana, la cui potenza vocale rende decisamente merito alla scrittura del testo. 
La musica dal vivo (scritta ed eseguita dall’insostituibile Antonio Della Ragione), infatti, insieme alla prosa e ai versi, rende La Cupa uno spettacolo dal valore internazionale che non ha nulla da invidiare alle produzioni estere di questi anni. 
 
Lo spettacolo è  diviso in due parti che hanno bisogno l’una dell’altra e che solo pochi fortunati hanno potuto vedere – durante la prima del 10 aprile al Teatro San Ferdinando – di seguito, in tre ore avvincenti che sono finite con applausi scroscianti.

Le messe in scena dello spettacolo di Mimmo Borrelli saranno divise nelle prossime repliche:

11/04/18 MERCOLEDì 21:00 PARTE 1
12/04/18 GIOVEDÌ 17:00 PARTE 1
13/04/18 VENERDÌ 21:00 PARTE 1
14/04/18 SABATO 19:00 PARTE 1
15/04/18 DOMENICA 18:00 PARTE 1
17/04/18 MARTEDÌ 21:00 PARTE 1
18/04/18 PRIME 21:00 PARTE 2
19/04/18 GIOVEDÌ 17:00 PARTE 2
20/04/18 VENERDÌ 21:00 PARTE 2
21/04/18 SABATO 19:00 PARTE 2
22/04/18 DOMENICA 18:00 PARTE 2
24/04/18 MARTEDÌ 21:00 PARTE 2
25/04/18 MERCOLEDÌ 17:00 PARTE 1
26/04/18 GIOVEDÌ 17:00 PARTE 1
27/04/18 VENERDÌ 21:00 PARTE 1
28/04/18 SABATO 19:00 PARTE 1
29/04/18 DOMENICA 18:00 PARTE 1
02/05/18 MERCOLEDÌ 17:00 PARTE 2
03/05/18 GIOVEDÌ 17:00 PARTE 2
04/05/18 VENERDÌ 21:00 PARTE 2
05/05/18 SABATO 19:00 PARTE 2
06/05/18 DOMENICA 18:00 PARTE 2

Print Friendly, PDF & Email