Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Sanremo

Sanremo: Una Nota Frivola

Il titolo completo di questo Pezzo è: Nota Frivola, ovvero De La Scalinata.

Ho voglia di essere frivola stasera… e d’altronde, almeno un po’, Sanremo lo richiede! Per una volta abbandono le Alte Sfere per scendere…i gradini più famosi della Televisione: quelli della Scalinata del Festival dei Fiori. Quindi, per questa volta, preparatevi a leggere un articolo blando, fatuo, che più vanesio non si può, con focalizzazione interna sull’abbigliamento femminile.

La Scalinata di Sanremo, si sa, è una Diva a parte, una dei Protagonisti del Festival, o meglio La Protagonista Femminile per eccellenza, soprattutto per le Signore Telespattatrici.

E questa Diva a gradini, più che dei fiori, si adorna della discesa delle varie Star: conduttrici, conduttori, cantanti, ospiti. Con Voi, Cari Lettori, vorrei ripercorrere alcuni splendidi momenti di queste (più o meno) brillanti discese:

Cominciamo con la prima Signorina comparsa alle luci della ribalta, Emma Marrone.

Da premettere che il bianco è il mio colore preferito, quindi quando la telecamera, partendo dai piedi, mi ha mostrato lo sfolgorante, leuco bagliore della stoffa mi sono entusiasmata! Ma, ahimè, è durato ben poco… ali stilizzate e lustrini per tutta la lunghezza dell’abito lo rendevano un po’ pesante, e la Cantante lo portava con la stessa grazia con cui si porta una camicia da notte… E sonnambula pareva davvero quando ha coronato la sua entrata con parole biascicate senza tono, con un racconto che doveva essere quello di un simpatico trionfo, ma che si è trasformato in un bizzarro pettegolezzo familiare…

A seguire Arisa.

Il suo abito è stato per me una folgorazione… metri e metri di seta rossa a strascico da sopra la spalla, che avvolgevano la Scalinata come una fiamma…! Meraviglia delle meraviglie! 

Ma cosa mi tocca vedere? Sul primo gradino – nemmeno – della sua discesa, Arisa va in panico, afferra il tessuto delicato e lo tira su, mostrando le gambe quasi fino alla coscia…! Parblaeau.. Son tornate le mondine…? Ma c’era il caro Carlo Conti a offrire cavallerescamente la sua salda presa…! Non c’era bisogno di stropicciare tutto così…! Ecco come buttare ore e ore di lavoro di uno stilista nell’immondizia…!

O forse Arisa, ammirata dalla collega conduttrice di qualche Sanremo fa, Belen Rodrighez, aveva intenzione di porsi come sua epigone e di mostrare la paloma…? (Nel caso della Rodriguez, in verità, non trovai molto elegante, per la formalità del luogo, presentarsi in pareo… ma sarebbe andata benissimo – che la paloma fosse incerottata o no – per la spiaggia nudisti.) Ma non divaghiamo! Come al solito si è detto che la colpa è stata delle scarpe… beh indubbiamente il suo è stato un look un po’ diverso da quello a cui noi – e anche lei! – ci siamo abituati… E allora io mi chiedo: se non si sanno portare i tacchi alti, perchè si scelgono decollette con stiletti da 15 cm…? E se si è abituati alle tute e ai vestitoni, perchè accettare di portare code e abiti lunghi fino ai piedi…? Meglio e più in stile il successivo camicione con colletto, in tono anche col taglio di capelli.

Chiudiamo in bellezza (è il caso di dirlo) con la Signorina Rocio.

Quando l’ho vista mi sono ricordata che da bambina avevo una bambola, Barbie Gran Galà 1994, con un vestito identico al suo! Incredibile… Emozionante… quelle rouches avevano… la consistenza delle spugne da bagno a retina… non sia mai un bimbo in sala avesse avuto un flacone di bolle di sapone si sarebbe potuto fare il bagnetto all’elefante, con tanta schiuma…!

 Chiudo – finalmente – immaginando la possibile conversazione avvenuta tra le varie vip, tra cui Malika, e gli stilisti qualche giorno prima della gran serata, roba da spionaggio industriale: “Ah! Quella lì si mette il vestito rosso? E no! Se quella si mette il vestito rosso me lo devo mettere anch’io, che sia pure un sacco!” “Ah sì?? E se quelle e pure quell’altra si mettono in rosso perchè loro sì e io no? Maestro, vestito color semaforo anche per me!”

….

Peccato che l’effetto finale ricordava quello di una festa a cui, per disdetta, tutte le invitate, ritrovandosi in sala, avessero messo lo stesso vestito…!

E la seconda sera? Una l’imitazione di Pierrot, l’altra l’imitazione di Rocio, perchè anche lei può essere spagnola, e soprattutto perchè ancora non aveva messo il rosso…!

Perchè Sanremo è Sanremo!

– Sanremo:  una nota Frivola –

Print Friendly, PDF & Email