Tormentoni estivi italiani: 9 da ascoltare di nuovo

Tormentoni estivi italiani: 9 da ascoltare di nuovo

I tormentoni estivi italiani sono le canzoni dell’estate che, nonostante siano state rilasciate da tempo, sono un “must have” nelle playlist di adulti e bambini. Questi tormentoni sono quelli che vengono ascoltati continuamente, passati in radio ed eternamente ricordati.

Di tutti i periodi dell’anno, l’estate è sicuramente quello più florido musicalmente, in quanto vengono rilasciate molte canzoni. La caratteristica di queste canzoni è la loro leggerezza, musicalità e motivi che rimangono impressi nella mente, tanto da diventare tormentoni (anche se non tutte hanno questa fortuna). Oltre a godervi le nuove canzoni realizzate in questi anni, è importante ricordare i tormentoni estivi italiani, che al primo ascolto ricordano le notti d’estate.

Ecco una lista dei più famosi tormentoni estivi italiani:

1. Abbronzatissima – Edoardo Vianello

La prima da citare è sicuramente Abbronzatissima di Edoardo Vianello, pubblicata nel 1963. Questo brano è il tipico tormentone che tutti conoscono e che viene ascoltato al mare dalle persone che prendono il sole e sono intente a diventare, come dice la canzone, «abbronzatissime».

2. Un’estate italiana – Gianna Nannini ed Edoardo Bennato

Un’estate Italiana (1990), di Gianna Nannini ed Edoardo Bennato, è una delle canzoni migliori che ricordano l’estate italiana: una stagione caratterizzata da «avventure senza frontiere e con il cuore in gola».

3. Sotto questo sole – Francesco Baccini e Ladri di biciclette

Sotto questo sole, di Francesco Baccini e Ladri di biciclette, fu rilasciata nel 1990. Si tratta di una di quelle canzoni che non ti stanchi mai di cantare, che porta gioia e voglia di vivere a pieno l’estate, magari accompagnati da una bicicletta.

4. Tintarella di luna – Mina

Altro tormentone da ricordare è del 1959: Tintarella di luna di Mina, un’icona della musica italiana che, con questo brano, parla delle ragazze che prendono il sole e una “che prende la luna; infatti, “tintarella” è sinonimo di abbronzatura.

Meteore musicali: 15 artisti che ricordiamo per una sola canzone

5. Stessa spiaggia, stesso mare – Mina

Sempre di Mina, un altro tormentone estivo italiano che nessuno può dimenticare è Stessa spiaggia, stesso mare, pubblicata nel 1963, in cui si parla di amori estivi passionali e temporanei, infatti la canzone cita: «Per quest’anno non cambiare, stessa spiaggia, stesso mare; per poterti rivedere, per tornare, per restare insieme a te.»

6. L’estate sta finendo – Righeira

Del 1985 è L’estate sta finendo dei Righeira; si tratta di un tormentone diverso da quelli precedentemente citati perché, a differenza degli altri che celebrano la gioia e la spensieratezza dell’estate, questo parla della fine della stagione estiva e del sentimento di malinconia e tristezza che ne deriva.

7. Vamos a la playa – Righeira

Sempre dei Righeira, un altro tormentone estivo italiano è Vamos a la playa pubblicato nel 1983, un brano che ha spopolato non solo in Italia e che esorta ad andare sulla spiaggia a ballare e a godersi l’estate.

8. Vamos a bailar – Paola e Chiara

Rimanendo sulla scia di tormentoni scritti in lingua spagnola da band italiane è da citare Vamos a bailar (2000) dell’iconico duo italiano Paola e Chiara, una canzone ballata spesso anche nelle discoteche.

9. Un’estate al mare – Giuni Russo

Infine abbiamo Un’estate al mare di Giuni Russo, del 1981; questo tormentone parla dell’aspetto balneare dell’estate: infatti si citano i bikini, gli ombrelloni, la pelle profumata e il bagno al largo.

E voi riascolterete questi tormentoni quest’estate sulla spiaggia?

Fonte immagine in evidenza: Freepik

Print Friendly, PDF & Email

A proposito di Alessandra Federico

Innamorata dell'amore, dell'arte e della musica folk. La sua passione più grande è guardarsi intorno, meravigliandosi di continuo. Studia inglese e cinese presso l'università l'Orientale di Napoli. Spera vi possano piacere i suoi articoli

Vedi tutti gli articoli di Alessandra Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *