Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La categoria Cinema e Serie tv contiene 505 articoli

Cinema e Serie tv

Leonardo. La fiction Rai sul grande genio del Rinascimento italiano

Dopo il glorioso successo della fiction I Medici, la Rai pone i riflettori su un altro grande personaggio, protagonista del panorama artistico rinascimentale italiano: Leonardo da Vinci. Nasce così la nuova fiction Leonardo, ideata da Frank Spotnitz e Stephen Thompson. Diretta da Daniel Percival e Alexis Sweet, la nuova serie debuttante il 23 marzo 2021 su Rai1 è una co-produzione internazionale, scegliendo come protagonista l’affascinante Aidan Turner, a cui si affianca un cast brillante, tra cui la venticinquenne Matilda De Angelis (nel ruolo di Caterina da Cremona, personaggio semi-creato) e Freddie Highmore (nel ruolo costruito dell’ambizioso ufficiale del Ducato di Milano Stefano Giraldi). Annunciata nel 2018, la fiction pone al centro la vita del genio intramontabile Leonardo da Vinci, focalizzando l’attenzione sulla creazione delle sue opere, sui tormenti e i dissidi interiori che ne accompagnano la creazione, e soprattutto sul carattere ermetico e tenacemente ambizioso dell’artista toscano. Come suggerisce la stessa terminologia del genere televisivo, la serie trae ispirazione da fonti, personaggi e fatti storici, ma sugli schermi viene comunque proposta una storia originale e soprattutto romanzata, tra l’altro girata non sul suolo toscano, bensì tra gli Studi di Formello (dov’è stata accuratamente ricostruita la Firenze del Rinascimento), Tivoli e la Lombardia, e accompagnata dalle piacevoli note di John Paesano. Progetto ambizioso e coraggioso la fiction Rai Leonardo, dovendo competere con i precedenti mirabilmente realizzati e riusciti, tra cui La vita di Leonardo da Vinci (1971) di Renato Castellani, e Io, Leonardo (2019) di Jesus Garcés Lambert. Ancora ampiamente presente ne Il codice da Vinci (2006) diretto da Ron Howard sul soggetto di Dan Brown. Insomma il poliedrico artista nativo di Vinci ha interessato nel tempo scrittori, registi e produttori, affascinando contemporanei e posteri con la sua vita colma di genio e successo, pur tra ombre, dissidi e incomprensioni, a causa della sua personalità eterea, ambiziosa e precocemente brillante. Ecco perché l’obiettivo di Spotnitz e Thompson diviene quasi una sfida, attirando non poche critiche per alcune scelte effettuate e per vari elementi che si discostano dalla realtà storica. Tutto comincia proprio dalla trama… Leonardo. Trama Una trama originale nella cornice e in alcuni riferimenti storico-biografici. Milano 1506. Leonardo da Vinci viene accusato dell’omicidio di Caterina da Cremona. Così comincia quest’inedita storia ideata da Spotnitz e Thompson. Il famoso artista viene dunque interrogato da Stefano Giraldi, l’ufficiale del Ducato di Milano, a cui inizia a raccontare la sua vita, proprio a partire dal suo primo incontro con Caterina nella bottega di Andrea del Verrocchio. Giraldi, affascinato dall’incredibile personalità dell’artista, sospetta la sua possibile innocenza, e determinato indaga per scoprire l’assoluta verità sull’omicidio. Ma analizziamo le controversie… Leonardo. Le deformazioni storico-biografiche della fiction e la realtà storica La fiction in onda su Rai1 ha riscosso un notevole successo, se si contano i quasi sette milioni di telespettatori incollati allo schermo, curiosi di seguire le vicende del più grande maestro di tutti i tempi. Ma la stessa ha attirato, come anticipato, non poche polemiche, concernenti l’attinenza ai fatti storico-biografici dell’artista, la spettacolarizzazione della […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

La dolorosa verità di Perfetti Sconosciuti

Il mondo del cinema ci ha portato spesso a riflettere su diversi lati della nostra stessa vita. Spesso quando guardiamo un film ci capita di immedesimarci nei protagonisti per capire di più su noi stessi, specialmente se si tratta di pellicole più profonde. Una delle tematiche che spesso vengono trattate nel mondo del cinema riguarda in particolare gli affetti o il partner; sono infatti diverse le pellicole che vedono come tema principale il rapporto tra amici o di coppia, portando spesso lo spettatore a porsi delle domande sulla propria vita. Uno dei film di maggior successo che mette in luce questa tematica in maniera estremamente veritiera è Perfetti Sconosciuti, diretto da Paolo Genovese nel 2016. La vicenda prende atto durante una cena che vede come protagoniste tre coppie di amici, insieme ad un altro amico che non è stato accompagnato dalla compagna perchè impegnata, che si ritrovano per passare una serata in compagnia. La cena inizia a prendere una piega inaspettata quando una delle donne presenti sfida gli altri commensali a partecipare ad un gioco, ovvero mettere il cellulare di ognuno di loro a completa disposizione di tutti, leggendo pubblicamente tutti i messaggi ed origliando tutte le telefonate che arriveranno durante tutta la serata. Convinti di non avere nessun segreto, o volendo evitare rifiutando la sfida di avere qualcosa da nascondere, tutti decidono di partecipare, rendendo pubblico tutto quello che arriva che si tratti di messaggi o telefonate. Ciò che si scoprirà in seguito è che purtroppo ognuno dei protagonisti ha dei segreti che non ha mai confessato né ai propri amici né tantomeno al rispettivo partner, creando così un clima in crescendo che porterà tutti a dubitare gli uni degli altri. L’unico che inizialmente non voleva partecipare al gioco è Rocco, marito di Eva, colei che ha voluto ideare questa sfida, che sapeva che questo avrebbe portato a conoscere lati dei suoi affetti che avrebbe preferito non sapere; lo stesso Rocco alla fine del film si scopre essere forse l’unico a non essere in possesso di segreti inconfessabili, ma ha semplicemente omesso delle cose personali che preferiva tenere per sè. Se si potesse puntare sulla sincerità di uno dei personaggi tramite piattaforme di gioco online come GoldBet o simili nessuno potrebbe vincere, perchè infondo nessuno di loro si è rivelato davvero onesto. Il film ha riscosso un incredibile successo sia da parte della critica che da parte del pubblico, questo per via dell’ottima interpretazione degli attori e della sceneggiatura tanto semplice quanto efficace. Molto paesi hanno infatti ripreso la storia facendone un remake, vista la tematica molto attuale e ben affrontata nel corso della vicenda (tra i remake ricordiamo Le Jeu realizzato in Francia nel 2018, Kill Mobile realizzato nello stesso anno in Cina e Intimate Strangers realizzato in Corea del Sud). Il film ha portato gli spettatori a chiedersi quanto loro nascondano ogni giorno e quanto loro conoscano più nel profondo il proprio partner. Si pensi sia giusto sapere tutto dei nostri affetti o controllare loro il cellulare […]

... continua la lettura
Attualità

LOL- Chi ride è fuori: analisi del fenomeno del momento

“LOL: Chi ride è fuori”, nettamente il programma del momento. A cosa è dovuto il successo di tale format? Cerchiamo di scoprirlo in 5 punti. “Chi non ride mai non è una persona seria.” -Chopin (probabilmente dopo aver visto LOL) Prendete l’idea più semplice del mondo. Reclutate 10 comici. Scaricateli in una sala del Grande Fratello. Ditegli di non ridere. Godetevi lo spettacolo. Questo è il mega-riassunto di “LOL- Chi ride è fuori”, format presentato su Prime Video il 1 Aprile, che ha già conquistato il cuore di molti. Discusso, chiacchierato, condiviso, commentato; tutti i giornali ne parlano, tutto il mondo del web lo osserva, tutti (o quasi) lo hanno visto. Alcuni lo osannano, molti lo apprezzano, qualcuno lo critica aspramente. Questa sorprendente centralità del programma nei discorsi più svariati, ci costringe ad un’analisi più approfondita del tema. Cosa ha davvero funzionato? Perché “LOL- Chi ride è fuori” ha ottenuto questa risonanza così forte? Tenteremo in questo articolo di rispondere a tali quesiti, in cinque punti. E siccome repetita iuvant, (o se semplicemente vivete come eremiti e non conoscete il programma), partiamo dal primo punto e approfittiamone per capire meglio l’oggetto di discussione. In cosa consiste il “gioco” del momento?   1 ) LOL-Chi ride è fuori: l’idea E iniziamo a soffermarci proprio sul termine “gioco”. LOL è in primis, una competizione. Condotto da Fedez, coadiuvato dall’highlander Mara Maionchi. Il programma si presenta come una vera e propria gara tra pari; dieci comici, catapultati in una sala chiusa, dovranno resistere alla tentazione di ridere, cercando però nello stesso momento di far cadere in errore gli avversari/colleghi. Un limite di tempo (6 ore), nessuna restrizione, e un solo vincitore. Ripresi da numerosissime videocamere, ogni loro reazione sarà monitorata e giudicata dagli sguardi attenti dei due conduttori, comodamente seduti in una sala di controllo accanto. Sarà compito di quest’ultimi infatti, ammonire e successivamente eliminare i concorrenti che non rispetteranno le regole fondamentali del gioco: non ridere; partecipare attivamente senza estraniarsi. Il premio? 100.000 euro da donare in beneficenza. Il risultato? Uno spasso. L’idea per quanto semplice, è senza dubbio originale. Nulla è più divertente di osservare qualcuno che trattiene una risata, sapendo di poter ridere al suo posto. E’ la costrizione stessa, la principale fonte di divertimento. Si impara da piccoli: è l’idea del divieto, che porta ad infrangerlo. Se a questo aggiungiamo le innumerevoli esibizioni, il fattore improvvisazione, e un cast ben costruito (di cui parleremo tra poco), l’efficacia è garantita. In un mercato saturo di game-show, o di programmi dichiaratamente comedy, che però presentano sempre la medesima formula, “LOL- Chi ride è fuori” rappresenta una ventata di aria fresca. La sensazione “reality” (nel suo termine puro) amplifica la spontaneità del tutto, e l’impressione che si ha è di una forte genuinità. 2) Il cast Perché la ricetta può essere buonissima, ma senza le giuste materie prime, il risultato sarebbe compromesso. Ma fortunatamente in LOL questo non accade. La scelta dei concorrenti è forse il punto forte dell’intero lavoro. Dieci comici, […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Ted Mosby e la ricerca del vero amore

Ted Mosby: chi è? Ted Mosby è il personaggio della sitcom americana “How I Met Your Mother”, interpretato dall’attore Josh Randor. La sua storia melodrammatica ha accompagnato le serate, i pomeriggi e forse un’intera generazione di persone con la sua personalità alquanto particolare, facendo diventare lo stesso Ted Mosby un tipo di personalità. Ted è un architetto di New York e vive con i suoi migliori amici, Marshall e Lily. Il suo sogno è progettare un grande edificio nella Big Apple, ma la cosa che più cerca e brama è l’amore. Quell’amore folle e folgorante che incanta che porta al matrimonio e alla creazione di una famiglia, l’amore eterno. Pensa di averlo trovato non appena conosce Robin Scherbatsky, una giornalista canadese trasferitasi a New York. Ma non appena Ted le dice “Ti amo” al primo appuntamento, lei lo respinge, eppure lui, caparbio, fa di tutto per conquistarla e alla fine si fidanzano ma, tra le varie peripezie dei diversi episodi, capiranno di essere troppo diversi per stare insieme e si lasceranno. Da quel corno blu regalatole per riconquistarle il cuore, la serie proseguirà alla ricerca del suo vero amore. L’evoluzione di Ted Da qui in poi seguiranno una serie infinita di amori che Ted pensa di aver trovato, l’anima gemella in tutte le dozzine di donne che incontrerà e per cui perderà la testa. Tra queste, la sua futura sposa e madre dei suoi figli, Tracy McConnell, è il motore narrativo di tutta la serie. Viene mostrata per la prima volta nell’episodio finale dell’8a stagione, anche se viene nominata fin dal primo episodio, e vari “indizi” sulla sua identità e che la riguardano sono rivelate nel corso della serie. Ted le aveva già intravisto i piedi nell’appartamento di una sua studentessa con la quale esce per qualche tempo, e aveva per sbaglio preso il suo ombrello giallo. Ma Ted la vede per la prima volta al matrimonio di Barney e Robin, in cui è la bassista della band: i due si parleranno alla stazione di Farhampton e due giorni dopo inizieranno a uscire insieme. Ted le chiederà di sposarlo al faro di Farhampton, anche se i due si sposeranno solo nel 2020. Lei morirà a causa di una malattia nel 2024. Eppure, nonostante il tempo, egli non smetterà, nel suo cuore, di amare Robin. Spinto dai figli, alla fine dell’ottava stagione, si presenta sotto casa della donna con in mano il corno blu che aveva rubato il giorno del loro primo appuntamento, facendo intuire che i due hanno ancora una possibilità di avere un futuro insieme. L’amore e Ted Ted è innamorato dell’amore stesso, ha disperatamente bisogno di questo sentimento, tanto da elemosinarlo in ogni persona che incontra. Questa sua personalità lo porta ad essere quasi un parassita dell’amore, mente a se stesso pur di provare questo sentimento, a volte anche a discapito degli altri. Il personaggio però, si evolve tra le stagioni, magari odiato o amato dal pubblico, e lo si vede crescere e raggiungere una più acuta consapevolezza […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Perché il “binge watching” non è sempre la scelta predominante

Netflix ha cominciato nel 2013 a pubblicare le serie tutte-e-subito, iniziando con la prima stagione di House of Cards, fu una mossa molto azzardata e poco compresa ai tempi, ma ora con le conoscenze che abbiamo adesso si può dire che il fenomeno del binge watching, vale a dire la visione consecutiva di più episodi della stessa serie, ha preso sempre più piede e ad ora è una scelta molto diffusa dalle piattaforme di streaming. Alcune persone hanno addirittura pensato che dopo l’ultimo episodio di Game of Thrones, non ci sarebbero più state serie con uscita settimanale nell’arco di più anni come eravamo abituati fino a quel momento, ma per il momento la tendenza non sembra assolutamente quella. Sono numerosissime le serie che sono uscite ultimamente con cadenza settimanale, con uno o due episodi alla volta, come è successo ad esempio per The Mandalorian eWandaVision, due serie di Disney+ che hanno avuto un ottimo seguito da parte del pubblico. Le serie che si possono assaporare poco alla volta sono quindi salve ed è probabilissimo che una variabile molto significativa è il fattore economico, infatti le serie divise in più anni hanno il tempo di racimolare i capitali necessari per produrla di anno in anno, magari si potesse sempre vincere su Slot Gratis per avere un super budget ogni volta. La svolta di Netflix Prima di Netflix per potersi fare una maratona di serie TV bisognava o comprare i DVD oppure aspettare le maratone televisive dedicate al recupero delle stagioni vecchie. Poi però la svolta, con Netflix che in quattro e quattr’otto mise online tutta la prima stagione di House of Cards e tutti a Hollywood pensavano fosse una follia, ma invece l’idea piacque talmente tanto agli spettatori che fu la carta vincente del colosso di streaming, pubblicando così anche tutte le stagioni successive e dopo di essa tutte le sue produzioni. La tradizionale programmazione settimanale è comunque prevalente sulla TV vera e propria, più che nei servizi legati allo streaming, ma ad esempio di recente Amazon Prime Video, che è sempre stata della scuola “serie disponibili tutto-e-subito, ha provato con alcune produzioni, come la seconda stagione di The Boys, a caricare gli episodi online a cadenza settimanale e ha avuto molto successo. Il fatto che certe serie stiano uscendo alla vecchia maniera e che quasi di certo continueranno a farlo per anni, non vuol dire necessariamente che il modello pensato per il binge watching non sia efficace, anzi ci sono serie per cui le maratone sono consigliate. La scelta tra programmazione one-shot e quella tradizionale è molto difficile per i produttori, ma sono tutte questioni di gusti del pubblico, infatti c’è chi si è lamentato dell’uscita settimanale di WandaVision, ma c’è anche chi si è trovato a fare binge watching, anni dopo l’uscita di serie come ad esempio Friends che ai tempi era stata pensata per essere vista in maniera del tutto diversa.

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

L’ultimo paradiso, su Netflix dal 5 febbraio

Recensione de L’ultimo paradiso di Rocco Ricciardulli La bellezza sa essere, a volte, un’arma a doppio taglio. Una luce che oscura la bravura. Non è il caso di Riccardo Scamarcio, celebre attore italiano, che ha dimostrato di avere, oltre a bellezza e fascino, grande bravura. Dopo aver vestito i panni di Vincenzo, nel film Il ladro di giorni di Guido Lombardi, approda su Netflix, come produttore, co-sceneggiatore e attore protagonista de L’ultimo paradiso di Rocco Ricciardulli (su piattaforma dal 5 febbraio). In pochi giorni si è piazzato tra i titoli più visti, fotografando scorci di un Sud soffocato dall’oppressione del caporalato, ma animato dalla ribellione dei braccianti. Ciccio Paradiso (interpretato da Riccardo Scamarcio) è un contadino intrappolato in un sistema che ha origini in un passato senza tempo, ma è soprattutto un sognatore, uno sciupafemmine innamorato delle donne e della vita, che cerca, a caro prezzo, di spogliarsi della sua condizione di lavoratore oppresso e marito infelice.  Siamo negli anni Cinquanta in Puglia, in un profondo Sud, baciato e bruciato dal sole, dove i padroni fanno il buono e il cattivo tempo. Compare Schettino (Antonio Gerardi) non è solo il padrone di Ciccio, ma è anche il padre di Bianca (Gaia Bermani Amaral), giovanissima donna di cui lui è innamorato: amore, sogni e diritti per cui combattere sono i fili narrativi di una vicenda che rimanda, inevitabilmente, a realtà ancora presente. Come afferma lo stesso Scamarcio: «La storia di questo film, pur essendo ambientata negli anni Cinquanta, non è così distante dalla nostra realtà. Lo sfruttamento esiste ancora oggi, solo che a pagarne le conseguenze sono gli extracomunitari che ricevono un salario pari a due euro all’ora.» Forse troppi gli spunti narrativi, forse per questo tutti poco sviluppati e spesso tendenti al cliché. Lasciati in superficie personaggi, vicende, aspetti che andrebbero approfonditi, o comunque meglio definiti, come Antonio (interpretato dallo stesso Scamarcio), fratello di Ciccio che, dopo sviluppi inattesi della sua storia, lascia il Nord, risucchiato dalla sua terra, dal suo passato e dalla necessità di rivalsa verso il suo stesso sangue. In una realtà ancestrale che non ammette cambiamento, in cui la vendetta resta l’unico modo di farsi giustizia, la sola via concessa è il vagheggiamento nel sogno, reso nel film da un finale dal sapore visionario.  Fonte foto: Netflix  

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Boris ricalca un’amara realtà socio-politica

A distanza di dieci anni dalla messa in onda su Fox dell’ultima stagione, la ‘fuoriserie’ italiana Boris fa ancora parlare di sé, a maggior ragione a seguito dell’annuncio attesissimo di una quarta stagione, accolto con trepidazione dai fan. Certo non sarà semplice dare un seguito degno al lavoro degli sceneggiatori Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo, essendo peraltro il loro prodotto perfettamente concluso e chiarissimo negli intenti già nelle prime tre stagioni. É complicato dare una definizione alla serie, poiché descriverla come comica o satirica appare indegnamente riduttivo. La sua potenza sta nella maniera sagace e graffiante di delineare le caratteristiche non solo della televisione e del cinema nostrano, ma di un intero paese. Boris è denuncia politica e sociale, sincera e disinibita e il suo suscitare risate è solo il pretesto per una presa di coscienza amara sulla realtà italiana. Boris fornisce un nitidissimo spaccato tragicomico della società italiana e di alcune sue falle. Racconta l’Italia dei compromessi e degli arrampicatori sociali, dell’arrivismo e delle raccomandazioni, dei soprusi e delle umiliazioni. Il quadro è quello di un set televisivo, in cui si lavora alle riprese de ‘Gli occhi del cuore 2’, tipica sitcom all’italiana dall’ambientazione ospedaliera, il cui protagonista Stanis La Rochelle è proprio ironicamente lo stesso Piero Sermonti noto al pubblico per l’interpretazione del dottor Guido in ‘Un medico in famiglia’. Le dinamiche del set ricalcano molto una società frustrata, divisa tra il sognatore che si trova a scendere a compromessi per pagarsi da vivere e il mediocre che si limita a fare poco e male, cullandosi sugli allori del posto di lavoro fisso e garantito. Questa frustrazione si risolve in una piramide di sopraffazione, per cui ognuno bistratta il sottoposto: Biascica con ‘lo schiavo’ Lorenzo, così come Arianna con l’ultimo arrivato, lo stagista Alessandro. Con la sua personalità timorosa, Alessandro incarna perfettamente lo stallo e l’incertezza delle nuove generazioni che stentano a tenersi al passo con le dinamiche di una società che non li sostiene e svilisce i sogni e le aspettative per il futuro: così Alessandro si presta a tutto e accetta quel che può, tenendo a mente una meta che probabilmente neanche esisterà. La televisione non fa altro che riflettere, con i contenuti proposti, i connotati per molti versi discutibili del pubblico cui si rivolge, risultando inondata da produzioni mirate ad un intrattenimento frivolo, che susciti una risata facile e che distolga dal dramma socio-politico in cui attualmente versiamo. Il punto principale è che questo è proprio quel che desidera l’italiano medio, che tendenzialmente preferisce programmi anche insulsi e di bassa qualità, che tuttavia gli offrano una via di fuga e di svago. Ma la televisione italiana non vuole forse gettare in pasto al pubblico la propria vittima, come Lorenzo per Biascica? Ci troviamo spesso di fronte a spettacoli televisivi spazzatura, con protagonisti personaggi eccentrici e discutibilissimi, che divertono e soprattutto nutrono l’ego del telespettatore, che, paralizzato davanti allo schermo, trova qualcuno con cui confrontare la propria mediocrità e sollevarsene, traendo soddisfazione dalla constatazione […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Grace and Frankie: storia di un’esilarante amicizia

Grace and Frankie, Jane Fonda e Lily Tomlin. Due apparentemente male appaiate amiche, unite improvvisamente a causa delle rispettive crisi coniugali, dovute al coming out e al dichiarato amore tra i rispettivi ex coniugi. Due donne settantenni, che affrontano tutte le problematiche relative all’avanzamento dell’età e all’adeguarsi ai tempi che corrono. Due donne agli antipodi, dunque, che decidono di unire le forze per superare le difficoltà della loro nuova vita da coinquiline, single e pensionate. Grace è elegante, rigida, un po’ cinica, Frankie è eccentrica, hippie, divertente, spiritualista. Il divorzio di Grace e Frankie da Robert e Sol – che nascondevano la loro relazione da circa vent’anni – genera dei turbamenti in entrambe le famiglie, spinte tuttavia dal forte desiderio di raccogliere i pezzi e superare il trauma. Nel corso delle sei stagioni visibili su Netflix, le due protagoniste cercano di ritagliarsi degli spazi personali in cui reinventarsi come donne e come amiche, nonostante le continue incursioni dei figli e le difficoltà di coppia tra Sol e Robert. In particolare, metteranno su un’attività con lo scopo di infrangere il tabù della masturbazione femminile in età avanzata. “Vybrant” sarà il loro prodotto, e genererà più di un conflitto a causa delle loro differenze ideologiche e caratteriali. Le differenti dinamiche relazionali sono il fulcro della narrazione. Non solo il rapporto esilarante tra Grace e Frankie, ma anche quello tra i due ex mariti, Robert e Sol, e tra i figli delle due coppie, Mallory e Brianna, Coyote e Bud. Recentemente, Netflix ha annunciato l’uscita di una settima stagione conclusiva della serie. «Siamo felici che “Grace and Frankie” tornerà per la sua settima e anche ultima stagione» – hanno dichiarato le due protagoniste in un comunicato – «Siamo davvero grate che il nostro show sia riuscito ad affrontare questioni che hanno interessato così tanto la nostra straordinaria generazione. E i suoi figli. E, sorprendentemente, anche i loro figli. Ci mancheranno queste due vecchie ragazze, Grace e Frankie, come mancheranno a molti dei loro fan, ma c’è ancora tempo. Abbiamo superato tante cose – speriamo solo di non durare più a lungo del pianeta». In effetti, Fonda e Tomlin (nominate agli Emmy Awards come migliori attrici) hanno dato vita a una storia divertente e appassionante, che – di stagione in stagione – ha moltiplicato il suo pubblico includendo non solo la terza generazione, ma anche quelle più giovani. Jane Fonda ha anche fornito qualche aggiornamento sui piani di produzione della settima stagione sul suo blog personale (su cui tratta argomenti legati alla battaglia contro il cambiamento climatico che ha a cuore ormai da anni). Le riprese di “Grace and Frankie 7” (che ripagherà l’attesa del pubblico con ben 16 episodi) inizieranno a giugno 2021, per garantire le necessarie condizioni di sicurezza sul set e in attesa che la campagna vaccinale negli Stati Uniti dia i suoi frutti.

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

You: la serie Netflix su stalking e ossessioni sentimentali

You. “Un ragazzo pericolosamente affascinante e profondamente ossessivo ricorre a misure estreme per entrare nelle vite delle persone che lo attraggono“. Questa la descrizione breve di una serie che – dopo il debutto nel 2018 su Lifetime – è sbarcata su Netflix, riscuotendo successo e polemiche. Eppure, i suoi protagonisti sono così simili a noi: studiano, lavorano, hanno sogni, amici e relazioni, social network sui quali condividere le proprie vite. You – basato sull’omonimo romanzo di Caroline Kepnes – ruota attorno agli incontri di Joe (Penn Badgley), inizialmente responsabile di una storica libreria di New York e reduce da una relazione che sembra avergli spezzato il cuore. Prima con Beck, che studia poesia tra un gruppo di amiche stupidine e superficiali; poi – nella seconda stagione – con Love, dopo il trasferimento a Los Angeles. Relazioni che mostrano la vera essenza del protagonista: un pericoloso, folle e ossessionato stalker, spinto dalla voglia di amare, possedere e “difendere” le sue partner da quello che reputa un “mondo cattivo”. Un apparentemente perfetto fidanzato e amico con la capacità di nascondere i demoni interiori che lo tormentano fin da quando era ancora solo un ragazzino e che emergono nel corso della seconda stagione. La voce narrante del protagonista aiuta a farci capire la prospettiva sugli eventi, ci fa entrare nella sua inquietante psiche al punto che, in più momenti, le sue terribili azioni sembrano da considerarsi sotto una luce positiva, mentre l’imprevedibilità delle situazioni che affronta di volta in volta riesce a tenere alta la tensione nel corso delle puntate. Inoltre, Badgley sostiene questa struttura con un carisma tale da rendersi apprezzabile nonostante sia fondamentalmente un sociopatico, in grado di uccidere e pianificare azioni terribili a sangue freddo. Cresciuto senza l’affetto dei propri genitori, Joe crede che l’unica strada per costruire una relazione stabile sia fare terra bruciata attorno alla donna che attira le sue attenzioni e, dunque, liberarsi di presunti compagni, amiche e di tutto ciò che potrebbe ostacolare il loro legame. Il risultato è quello di un thriller psicologico, che ha catalizzato l’attenzione – secondo i dati di Netflix – di addirittura 40 milioni di abbonati nelle prime quattro settimane di permanenza sulla piattaforma. Non è mancata, ovviamente, la polemica sulla pericolosità di rendere un assassino una figura romantica. Ci è cascata l’attrice Millie Bobby Brown, che in una Instagram stories, ha decretato: “Joe non è uno psicopatico, non è uno stalker. È innamorato!“. Travolta dalle critiche, ha poi rettificato: “Ho dato un giudizio affrettato, avevo visto solo i primi due episodi. In effetti lui è uno stalker. Ma la serie è bellissima“. Tuttavia, il numero di donne affascinate dalla personalità di Joe ha raggiunto numeri così preoccupanti che il protagonista stesso, Penn Badgley, si è sentito in dovere di intervenire. Badgley in più di una intervista aveva confessato di aver rifiutato il ruolo quando i due produttori, Sara Gamble e Greg Berlanti, glielo avevano proposto per la prima volta perché “mi piaceva il progetto, ma non Joe. Lo detestavo. E […]

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Golden Globe 2021, tutti i vincitori e il premio per l’Italia

La 78esima edizione dei Golden Globe si è svolta riadattandosi all’era Covid – niente tappetto rosso e pubblico – condotta da Tina Fey e Amy Pohler, per la quarta volta al timone dello show ma in diretta per la prima volta rispettivamente da Beverly Hills – dal Beverly Hilton Hotel dove tradizionalmente si svolge l’evento – e da New York. I candidati hanno partecipato in collegamento dalle proprie abitazioni. Anche in Italia arriva il Golden Globe, accolto con un esplosione di gioia e commozione da un’artista italiana, infatti ad aggiudicarsi il premio come migliore canzone è: “Io sì“(Seen) di Diane Warren cantata da Laura Pausini per il film con Sophia Loren “La vita davanti a sè“. Altrettanto acclamato il riconoscimento a Chloé Zhao come miglior regista, è solo la seconda donna nella storia del premio, 37 anni dopo Barbra Streisand. Netflix invece ha sbancato i Golden Globe 2021 probabilmente a causa della pandemia di COVID-19 che ha visto, in generale, un dominio schiacciante dei servizi di streaming, frutto di un’annata 2020 piuttosto deludente. Ha vinto nelle categorie ambite della miglior serie TV drammatica, con The Crown, e della miglior miniserie drammatica, con La Regina Degli Scacchi. Soul, di Disney Plus, ha vinto come miglior film di animazione, e il sequel di Borat di Prime Video è stato il miglior film commedia. Chadwick Boseman, compianta star di Black Panther, ha vinto un premio come miglior attore protagonista in un film drammatico per la sua performance in Ma Rainey’s Black Bottom, sempre per Netflix. C’è una vittoria anche per Apple TV Plus: Jason Sudeikis è stato eletto miglior attore in serie TV commedia per Ted Lasso. Qui l’elenco completo dei partecipanti e dei premi del Golden Globe 2021, Il vincitore sono evidenziati in grassetto: MIGLIOR FILM DRAMMATICO Il processo ai Chicago 7 Mank Nomadland The Father Una donna promettente MIGLIOR ATTRICE IN UN FILM DRAMMATICO Andra Day (The United States Vs. Billie Holiday) Carey Mulligan (Una Donna Promettente) Frances McDormand (Nomadland) Vanessa Kirby (Pieces Of A Woman) Viola Davis (Ma Rainey’s Black Bottom) MIGLIOR ATTORE IN UN FILM DRAMMATICO Anthony Hopkins (The Father) Chadwick Boseman (Ma Rainey’s Black Bottom) Gary Oldman (Mank) Riz Ahmed (Sound of Metal) Tahar Rahim (Mauritanian) MIGLIOR FILM MUSICAL O COMMEDIA Borat: Seguito Di Film Cinema Hamilton Music Palm Springs The Prom MIGLIOR ATTRICE IN UN MUSICAL O COMMEDIA Anya Taylor-Joy (Emma) Kate Hudson (Music) Maria Bakalova (Borat: Seguito Di Film Cinema) Michelle Pfeiffer (French Exit) Rosamund Pike (I Care a Lot) MIGLIOR ATTORE IN UN MUSICAL O COMMEDIA Andy Samberg (Palm Springs) Dev Patel (La Vita Straordinaria Di David Copperfield) James Corden (The Prom) Lin-Manuel Miranda (Hamilton) Sacha Baron Cohen (Borat: Seguito Di Film Cinema) MIGLIOR FILM DI ANIMAZIONE Onward Over The Moon – Il Fantastico Mondo Di Lunaria Soul The Croods: A New Age Wolfwalkers – Il Popolo Dei Lupi MIGLIOR FILM IN LINGUA STRANIERA Another Round La Llorona Minari The Life Ahead (La Vita Davanti A Sé) Two Of Us MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA (qualsiasi […]

... continua la lettura