Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Salone del Libro di Torino 2018: alla kermesse libraria presente tutto il panorama editoriale italiano

Salone internazionale del libro di Torino 2018: alla kermesse libraria presente tutto il panorama editoriale italiano

“Un giorno, tutto questo…” è lo slogan del Salone internazionale del libro di Torino 2018, che partirà oggi, giovedì 10 maggio, e si concluderà lunedì 14. Un giorno, tutto questo sarà bellissimo, oppure sarà in pericolo. Un giorno, tutto questo sarà il migliore dei mondi possibili, dove poter vivere felici con in nostri figli, o magari sarà perduto. Obiettivo del salone sarà infatti “parlare della costruzione di un futuro comune in cui sia sensato vivere”. Il capoluogo piemontese ospiterà per cinque giorni editori, scrittori, scienziati, registi, premi Nobel e Oscar provenienti da ogni parte del mondo, a testimonianza della grande risonanza dell’evento. Risonanza frutto dell’impegno dell’Associazione Editori Amici del Salone Internazionale del Libro, che ha creduto nel progetto fin da subito. “Ci saranno sia gli editori indipendenti che i grandi gruppi. Chi sarà a Torino in questo periodo verrà a contatto con l’intera scena editoriale italiana. È un motivo d’orgoglio, nonché la conferma di 31 anni di storia e tradizione, che gli editori italiani abbiano scelto Torino per ritrovarsi tutti insieme sotto lo stesso tetto”, spiegano gli organizzatori.

Salone internazionale del libro di Torino 2018 2018: cinque grandi domande sul mondo contemporaneo

Il presidente Massimo Bray e il direttore Nicola Lagioia hanno pensato ad una manifestazione che non sia solo una vetrina di eventi, ma un grande produttore di contenuti culturali:“Abbiamo chiesto alle migliori menti del nostro tempo di rispondere a cinque grandi domande sulla contemporaneità, fondamentali per il tempo che ci attende”. Cinque le parole chiave attorno alle quali ruotano tali quesiti: identità, nemico, mondo, scienza/religione e arte. La prima domanda è “chi voglio essere?”: in quest’epoca del culto di sé, chi aspiriamo a essere? La seconda questione è “perché mi serve un nemico?”: i confini ci proteggono oppure ci impediscono di incontrarci e cooperare? Il terzo interrogativo è “a chi appartiene il mondo?”: tra cent’anni la Terra potrebbe essere meno accogliente: il divario tra ricchi e poveri sta diventando sempre più evidente e milioni di persone saranno costrette a lasciare la propria casa. Il quarto quesito è “dove portano spiritualità e scienza?”: scienza e religione hanno forgiato la nostra storia e il nostro pensiero. Ma sono state usate anche come strumenti di oppressione. Infine la quinta domanda è “che cosa voglio dall’arte: libertà o rivoluzione?”: la creazione artistica può bastare a se stessa o deve porsi l’obiettivo di cambiare le cose? Con testi, immagini, tracce audio e video, gli intellettuali interpellati hanno fornito le loro risposte che comunicheranno durante le giornate del Salone, grazie al contributo dei consulenti editoriali Paola Caridi, Ilide Carmignani, Mattia Carratello, Giuseppe Culicchia, Valeria Parrella, Fabio Geda, Alessandro Grazioli, Giorgio Gianotto, Loredana Lipperini, Giordano Meacci, Eros Miari, Francesco Pacifico, Christian Raimo, Lucia Sorbera, Rebecca Servadio, Annamaria Testa. Alle domande sarà destinato un luogo preciso: il Duomo delle Officine Grandi Riparazioni di corso Castelfidardo, recuperate e rilanciate come polo artistico e culturale dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, e le Ogr della Fondazione Crt , dedicate invece alla parte musicale. Lo scorso anno, con “Another Side of America”, argomento di studio sono stati gli Stati Uniti,  ospite del Salone internazionale del libro di Torino 2018 sarà, invece, la Francia, in onore ai 50 anni del Maggio Francese. Un Paese quindi che, da un lato difende a spada tratta la propria tradizione culturale, dall’altro ha subito forti traumi che sta cercando di superare, grazie proprio alla forza di tale tradizione. La realizzazione della convention sarà resa possibile dal supporto di Regione Piemonte, Città di Torino, Intesa Sanpaolo, Compagnia di San Paolo, Fondazione Crt, Associazione delle Fondazioni di Origine Bancaria del Piemonte, Ice, Direzione Cinema del Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo, Centro per il Libro e la Lettura e Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Torino.

Print Friendly, PDF & Email