Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Giardino Pensile

Giardino pensile di Palazzo Reale riapre al pubblico

Riapre al pubblico il celebre giardino pensile di Palazzo Reale; la cerimonia ufficiale si svolgerà giovedì 22 novembre, alle ore 11.30.
I lunghi lavori di restauro hanno coinvolto anche una complessa installazione del maestro giapponese Uemon Ikeda.
I giardini sono stati del tutto restaurati, con la facciata che dà su via Acton di Palazzo Reale, e a breve saranno riaperti alle visite sia dei napoletani sia dei tantissimi turisti che visitano la città. Una bellissima ed esclusiva passeggiata pensile, grazie alla quale si potrà godere di una vista mozzafiato sul porto di Napoli.

Storia del Palazzo Reale

Il Palazzo Reale di Napoli è un edificio storico di notevole importanza storica e culturale; esso è ubicato in Piazza del Plebiscito, nel centro storico di Napoli, dove si trova l’ingresso principale: l’intero complesso, compresi i giardini e il Teatro San Carlo, si affaccia anche su piazza Trieste e Trento, piazza del Municipio e via Acton.
Fu la residenza storica dei viceré spagnoli per un arco temporale molto lungo, poi della dinastia borbonica, interrotta per un decennio all’inizio del XIX secolo dal dominio francese con Giuseppe Bonaparte e Gioacchino Murat, e, a seguito dell’Unità d’Italia, fu ceduto nel 1919 da Vittorio Emanuele III di Savoia al demanio statale; attualmente è adibito a polo museale, in particolare gli Appartamenti Reali, ed è sede della biblioteca nazionale.

Riapertura del giardino pensile

Finalmente, dopo un lungo periodo di restauro, giovedì 22 novembre, i giardini saranno restituiti ai visitatori, napoletani e non. Sarà possibile passeggiare sospesi tra cielo e mare, ammirando davanti a sé il maestoso Vesuvio ma anche le navi ormeggiate nel Porto.
La pavimentazione dell’Ottocento è stata rifatta, con un attento lavoro di recupero delle fondazioni in tufo, che sostituiscono quelle in cemento. Si potranno ammirare degli splendidi marmi di colore grigio e bianco, i quali contornano la fontana centrale: tagliati uno per volta, con un lavoro particolarmente delicato, volto a rispettare e salvaguardare il disegno ad aquilone che dà risalto alla posizione della vasca. Tutto intorno le panchine di marmo bianco in stile neoclassico.
La parte in ferro della galleria centrale verrà ricoperta da rose rampicanti e fiori, e sono stati piantati diversi arbusti, ma anche piante verdi e colorate che ornano le splendide aiuole. Tutto in linea con quelle che erano le colture originarie, per non causare storpiature ad un complesso monumentale di natura storica e di fondamentale importanza per Napoli.

Un luogo rinato, questo giardino pensile, che saprà emozionare tra storia e modernità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.