Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Tag: peter pan contiene un solo articolo

Culturalmente

Peter Pan: la vera storia tra luci ed ombre

Peter Pan: scopriamo insieme la vera storia del personaggio creato da James Matthew Barrie “Tutti i bambini, tranne uno, crescono. Lo sanno presto che cresceranno e Wendy lo seppe a questo modo. Un giorno, quando aveva due anni, giocando in un giardino, colse un fiore e lo portò di corsa a sua madre. C’è da pensare che la bimba, in quell’atteggiamento, sembrasse deliziosa poiché la signora Darling appoggiò le mani al cuore ed esclamò: «Oh, perché non puoi restare così per sempre?» Questo fu tutto quanto passò tra di loro sull’argomento ma, da allora, Wendy seppe che sarebbe dovuta crescere. Tutti, dopo i due anni, scopriamo questa verità. I due anni sono il principio della fine” (James Barrie) È la Disney ad aver confezionato perfettamente l’immagine di Peter Pan. Scanzonato, casinista e divertente. Tutti conosciamo da sempre il bambino che non voleva crescere e le sue imprese favolose contro Capitan Uncino, con al seguito i cosiddetti “bambini sperduti” e Wendy, la bambina londinese che gli racconta le favole. Eppure il personaggio di Peter Pan nasconde diverse ombre, momenti tragici che in pochi conoscono e che si annidano in modo profondo anche nella vita del suo ideatore: James Matthew Barrie. L’ispirazione per Peter Pan gli sovvenne mentre era seduto su una panchina dei giardini di Kensigton (vicino Hyde Park, a Londra). Barrie, a quei tempi, nutriva una profonda simpatia per i cinque figli di una coppia locale, i Davies, con cui era solito giocare ai pirati ed anche loro concorreranno alla genesi di questo straordinario personaggio. Il coronamento del suo intuito letterario avvenne all’inizio del XX secolo, quando pubblicò la sua prima opera “L’uccellino bianco” nel 1902 e successivamente “Peter Pan, il ragazzo che non voleva crescere”. Il pubblico accolse le avventure del ragazzo volante in maniera così positiva ed energica che lo scrittore non vi pose fine, tanto che pubblicò ancora due opere sul suo beniamino: “Peter Pan nei giardini di Kensington” nel 1906 e “Peter e Wendy” nel 1911. Quest’ultima opera rimane tutt’ora la più celebre, aiutata anche dall’adattamento Disney. Le origini malinconiche di Peter Pan Nei Kensington Gardens a Londra fu installata nel 1912 un’opera realizzata dallo scultore George Frampton, sotto strette direttive di Barrie. Il giorno dell’inaugurazione, in mezzo a tanti bambini ed adulti, fu Barrie a sottolineare un grande problema: «In questa scultura non traspare il demone che è in Peter Pan», suscitando non poco sconcerto da parte dello scultore, la cui risposta fu: «Peter Pan un demone? Mai accostamento sarebbe più sbagliato». A dispetto di ciò che ha realizzato la Disney, invece, la storia di Peter Pan non è così dolce e divertente come ci è stata raccontata durante l’infanzia e il suo ideatore lo sapeva bene. La prima edizione della storia, infatti, era riservata ad un pubblico di soli adulti. Le vicende si svolgono proprio nei Kensington Gardens, all’interno dei quali Barrie si immaginò l’esistenza di un lago chiamato “l’isola degli uccelli” (idea iniziale grazie alla quale nascerà l’isola che non c’è). Questa oasi […]

... continua la lettura