Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Quentin Tarantino

C’era una volta… Quentin Tarantino

Ogni generazione ha i suoi personaggi storici: gli anni ’90 hanno avuto Michael Jackson, gli anni ’60 Truffaut. Possiamo considerarci fortunati per essere testimoni di una delle personalità più importanti e rivoluzionarie della storia del cinema, Quentin Tarantino. L’italo-americano è in attività dal ’92 e ha sfornato, per ora, 8 film. Ciò che carica di significato la prossima uscita “C’era una volta a Hollywood” è che potrebbe essere il suo penultimo. Infatti il regista ha dichiarato più volte di voler essere produttivo fin quando ne ha la forza, fin quando può fare questo mestiere al cento per cento.

“C’era una volta a Hollywood” ripercorrerà le vicende di Rick Dalton e Cliff Booth, interpretati rispettivamente da Leonardo DiCaprio e Brad Pitt, e sarà ambientato nella Hollywood dell’età dell’oro. Non è la prima volta che il regista collabora con i due attori protagonisti: Leonardo DiCaprio è apparso come Calvin Candie, ricco commerciante di schiavi e proprietario di campi di cotone in Django Unchained, mentre Brad Pitt, invece, è stato protagonista di Inglourious Basterds interpretando il tenente ebreo Aldo Raine a comando proprio dei “Bastardi senza gloria”, gruppo assemblato per dare la caccia e punire i nazisti. Ad accompagnarli ci sarà la meravigliosa Margot Robbie, che si è vista lanciata nella stratosfera del cinema da Martin Scorsese affiancando proprio Leonardo DiCaprio in “The Wolf of Wall Street”.

Tarantino, innamorato dei film di Sergio Leone con cui è cresciuto ed ha plasmato la sua identità come regista, finalmente riesce a comporre il suo “C’era una volta…”, titolo che cita due dei più grandi capolavori della storia del cinema: “C’era una volta il West” e “C’era una volta in America” entrambi del già citato Leone. Oltre a Leone, Tarantino è un fan accanito del cinema di genere italiano: Mario Bava, Lucio Fulci, Luchino Visconti sono tutti sue fonti d’ispirazione, affiancati al cinema giapponese, di serie B e non, e allo spaghetti Western del sopracitato Leone.

Il regista italo-americano è abituato a sorprendere lo spettatore, prendendo un genere cinematografico e stravolgendolo completamente. Destrutturando ogni canone cinematografico e costruendone dei nuovi. Con la sua 9° opera ci si aspetta un insieme di tutto quello che ha assimilato per osmosi dal mondo cinematografico. Ha infatti anticipato che sarà un film sul cinema americano e le sue dinamiche.

Come detto nell’introduzione: probabilmente tra non pochi anni, i film di Quentin Tarantino saranno saldamente nella Storia del Cinema. Siamo testimoni della Storia ed abbiamo la fortuna di poter visionare un’opera d’arte nelle nostre migliori sale cinematografiche!

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply