Il Bitcoin riceve una spinta mainstream dall’Argentina a Fidelity

Una raffica di sviluppi segnala l’adozione della criptovaluta

 

Se la progressiva decentralizzazione arriva a ondate, questa settimana c’è stato uno tsunami. E ha colpito in aree molto diverse.

Sul fronte della gestione patrimoniale, Fidelity, il più grande fornitore statunitense di piani pensionistici 401(k), ha dichiarato martedì di voler consentire ai titolari di conti correnti di investire in Bitcoin. Con 2,2 miliardi di dollari di asset 401(k), Fidelity è da tempo leader nel suo settore, quindi questa mossa potrebbe avere ramificazioni di vasta portata. Abigail Johnson, l’amministratore delegato di Fidelity, è da anni una convinta sostenitrice delle criptovalute.

Pagati con le criptovalute

L’unico problema è che i datori di lavoro devono approvare il programma Bitcoin (non sorprende che il team di Michael Saylor di MicroStrategy abbia già aderito).

Sul fronte politico, Horacio Rodriguez Larreta, sindaco di Buenos Aires, ha dichiarato il 26 aprile che la capitale argentina intende consentire ai contribuenti di saldare le fatture in criptovaluta. Invece di essere pagato direttamente in criptovalute, il governo sarà pagato in pesos argentini a seguito di conversioni effettuate da società di criptovalute. La decisione arriva solo poche settimane dopo che Rio de Janeiro ha dichiarato che consentirà di pagare alcune tasse sugli immobili con criptovalute a partire dal 2023.

Il 27 aprile la Repubblica Centrafricana ha seguito le orme di El Salvador e ha adottato il Bitcoin come moneta legale. Considerato “uno dei Paesi più poveri e fragili del mondo”, solo l’11% dei 5,4 milioni di abitanti della nazione ha accesso a Internet.

Mentre l’analista di Messari @Saypien_ afferma che l’adozione del Bitcoin da parte della Repubblica Centrafricana è una mossa “su piccola scala” nel grande schema delle cose, dimostra che la precedente adozione del Bitcoin come moneta legale da parte di El Salvador ha messo il Bitcoin “nella conversazione a livello nazionale”.

La raffica di sviluppi positivi nell’adozione del Bitcoin, anche tramite software come Biticodes, suggerisce che, nonostante lo scetticismo e i problemi del mercato, la tecnologia blockchain sta continuando a diventare mainstream. Proprio il mese scorso, l’industria delle criptovalute ha tirato un sospiro di sollievo quando il piano di supervisione dell’amministrazione Biden, atteso da tempo, ha raggiunto una nota di compromesso e di apertura all’innovazione legata alla blockchain.

Moratoria sull’estrazione mineraria

Tuttavia, in altri ambienti si registrano notevoli resistenze. Lo stesso giorno in cui Fidelity ha fatto la storia di Wall Street, l’Assemblea dello Stato di New York ha approvato una proposta di legge per stabilire una moratoria di due anni sulle operazioni di estrazione di criptovalute che utilizzano energia elettrica generata da combustibili fossili. Il disegno di legge deve passare alla camera alta della legislatura e al governatore prima di diventare legge, ma è un segno che alcuni legislatori stanno perdendo la pazienza con i costi del consumo di energia per il consenso di Proof of Work.

La deputata Anna Kelles, promotrice del disegno di legge, ha dichiarato che la misura non avrà “alcun impatto sulla capacità di chiunque di fare mining di criptovalute, purché non compri una centrale elettrica per farlo”. 

“Possiamo essere la capitale mondiale delle criptovalute senza utilizzare o promuovere le criptovalute basate sul metodo di validazione proof-of-work (POW), distruttivo per l’ambiente, utilizzato da criptovalute come il Bitcoin”, ha scritto Kelles in un tweet del 2021 al sindaco di New York Eric Adams. 

Si dà il caso che anche Adams sia un fan delle criptovalute. A gennaio ha convertito il suo primo stipendio in Bitcoin ed Ethereum come dimostrazione di sostegno alle iniziative di criptovaluta in città. Questa è un’altra mossa che potrebbe favorire la diffusione delle criptovalute.

A proposito di Mirko Garofalo

Vedi tutti gli articoli di Mirko Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.