Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Comunicati stampa

Nasce la crema di bellezza al siero di latte

Si chiama Serum Lab ed è la prima start up in ambito cosmetico ad utilizzare nella sua linea il siero di latte 100 % made in Italy proveniente dalla filiera del Parmigiano Reggiano. Giovani, visionari, i fondatori di Serum Lab, tutti campani, partono da una delle più grandi eccellenze del mondo del food, il Parmigiano Reggiano, per una vera e propria rivoluzione nel mondo della cosmesi, lanciando sul mercato una linea di prodotti efficaci, ecosostenibili, innovativi che puntano a cambiare in maniera radicale la visione e gli obiettivi del mondo del beauty. L’intera catena produttiva della Start Up si svolge in Italia. La materia prima è il siero di latte proveniente esclusivamente dalla filiera di eccellenza, altamente controllata del Parmigiano Reggiano, dove nulla è lasciato al caso dall’alimentazione degli animali, curata nel rispetto di un rigido regolamento, che impedisce l’uso di foraggi insilati e alimenti fermentati, per passare ai costanti controlli sul latte avviato alla trasformazione con l’obiettivo di mantenerne alta la qualità e le particolari caratteristiche. Dopo che il latte subisce il processo di caseificazione, quello che rimane è il siero, che contiene aminoacidi, minerali, vitamine e proteine. Rendendo questo elemento un vero e proprio elisir di bellezza. “Il siero di latte è un elemento dalle grandissime proprietà sia per il corpo che per la pelle – spiega il Dott. Dario Biglietto, CEO di Serum Lab – Molte industrie farmaceutiche e cosmetiche utilizzano il siero di latte proprio per queste sue proprietà ma in forma liofilizzata, quindi con costi e inquinamento dovuto agli spostamenti su gomma oltre a perdere molte proprietà in seguito al  processo di liofilizzazione. Noi abbiamo studiato una formula ed un metodo unici per rendere disponibile il siero di latte in forma liquida all’interno dei nostri prodotti, unendolo con le moderne tecnologie di cosmetica naturale. Inoltre abbiamo interamente eliminato l’acqua di produzione sostituendola con il siero di latte garantendo un’altissima concentrazione di siero oltre ad un impatto ambientale minimo senza utilizzare una sola goccia d’acqua e grazie al recupero della materia prima.” Innovazione non solo nel mondo della cosmesi dunque ma nell’idea stessa di fare azienda ed economia. Una start up che punta ad un’economia circolare ed ecosostenibile, che investe sull’innovazione rispettando l’ambiente e compiendo scelte ben precise. “Utilizziamo circa il 98% di materie prime di origine naturale sostiene ancora il CEO dell’azienda – e utilizziamo la quasi totalità di ingredienti organici come l’acido ialuronico, oli ed estratti vegetali. Niente Alcool, parabeni, olio di palma, prodotti OGM, derivati del petrolio, siliconi, coloranti. Gluten free, niente allergeni. L’efficacia di tutti i prodotti è testata in laboratori specializzati, tra cui il centro di cosmetologia dell’università di Ferrara. Selezioniamo i fornitori in base ad un’etica condivisa I nostri prodotti sono non testati sugli animali. Puntiamo ad un packaging ecosostenibile, che contenga solo il minimo possibile di plastica, con l’obiettivo di eliminarla del tutto. Recuperiamo la materia prima e siamo per l’economia circolare e l’ecosostenibilità.” Serum Lab è una start up già presentata a Nastartup come esempio vincente di innovazione […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Per i bimbi di Padre Massimo, Befana solidale all’insegna del gusto

In nome del bene, tutti ai forni e ai fornelli, nella grande Brigata benefica: ecco il Charity Contest internazionale che premia chi dona col cuore e crea con amore Per i bimbi e i ragazzi di Padre Massimo Ghezzi, una Befana gioiosa con doni e dolciumi: al via la seconda parte del charity contest internazionale “Il Panettone e gli altri piatti del Natale solidale”, dedicato ai piccoli  orfani, senzatetto, vittime di conflitti e gravi problematiche, assistiti con amore e costanza nel Progetto AbitiAmo, sostenuto dalla Parrocchia di San Gennaro al Vomero, che opera sul territorio campano e nella missione in Albania, dove provvede ai minori la cui vita è stata tragicamente segnata dai conflitti. L’iniziativa è promossa da #InsiemeperilTerritorio, rassegna itinerante di eventi d’eccellenza firmata dalla giornalista enogastronomica napoletana Teresa Lucianelli, con la sua “storica” Squadra solidale di chef, produttori, artisti e volontari, che sostengono l’iniziativa benefica – in questo periodo difficilissimo per la Ristorazione, in cui è bandita ogni manifestazione e ogni forma di aggregazione. Unitamente a #InsiemeperilTerritorio, il seguito blog specializzato nel buon mangiare e nel buon bere, Vesuvio’s Shadow fondato dal foodblogger vesuviano Mario D’Acunzo, sulla cui pagina Facebook devono essere pubblicare le foto e le descrizioni/ricette dei piatti in gara: https://www.facebook.com/186529142000192/posts/712172232769211/ Ogni preparazione presentata, sarà votata dal pubblico attraverso i like, e dalla giuria degli esperti. Con Mario D’Acunzo, Teresa Lucianelli e Paola Fiorentino: Valerio Giuseppe Mandile, chef d’eccellenza da location pluristellate e giornalista gastronomico; Marcello Affuso, direttore di Eroica Fenice; Ersilia Cacace, foodblogger “La Boss delle Pizze”; Rosalia Ciorciaro, nutrizionista, docente in Scienze dell’Alimentazione; Clara Gallerani, naturopata. In occasione del Natale, nella prima parte del contest internazionale, sono stati donati vestiario, panettoni d’eccellenza, gustose torte e altri aiuti alimentari per la Mensa solidale della Parrocchia napoletana di via Bernini, che garantisce box con pasti speciali per le festività (attiva sempre durante l’anno, anche nel lockdown il giovedì e il sabato) con il generoso supporto di storiche e consolidate aziende. Principali sostenitori: Arfè Gastronomia Antica tradizione partenopea da 150 anni; Raffaele Caldarelli Pasticciere, Nola; Cantine Mediterranee, Napoli; Ristorante Pizzeria Mattozzi dal 1833 a Napoli; Micolorodiblu, Onlus a tutela dei soggetti autistici, Nola; Paola Fiorentino Arti, Positano; Solania srl, Nocera Inferiore; Ristorante Amor Mio, Brusciano. Tre le sezioni del Contest benefico: le due “istituzionali” Social e Critica e la solidale “Cuore d’Oro”. In palio per i vincitori, premi di qualità. La speciale sezione charity del “Cuore d’Oro”, è incentrata sui variegati piatti e beverage della tavola delle Feste di ogni nazionalità e regione. Viene promossa con la settecentesca residenza storica napoletana Villa Domi Ricevimenti, del patron Domenico Contessa. Per partecipare, si richiede una piccola donazione (minimo 5 euro per ogni piatto presentato, senza limite al numero delle pietanze per concorrente) da destinare alla Befana dei bambini del “Progetto AbitiAmo”. È sostenuta da Gastronomia Arfè Napoli che mette in palio un ricco cesto con specialità artigianali per il 1° classificato e da Cantine Mediterranee: box doppi di rinomati vini, dal 2° all’11°. È possibile partecipare anche fuori concorso, per consentire a chi non desidera  gareggiare, di dare la sua testimonianza eno-gastronomica e […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Video casting online per cortometraggi a tema sociale con distribuzione online e circuitazione festivaliera

Gli studenti del corso di Design della Comunicazione dell’Accademia di Belle Arti di Napoli organizzeranno un casting online per la realizzazione di cortometraggi a sfondo sociale, con distribuzione online e circuitazione festivaliera. Le candidature potranno essere inviate per e-mail all’indirizzo [email protected] entro l’ 8 gennaio 2021. L’evento si terrà il 12 gennaio 2021 dalle ore 14:30 alle ore 17:00 tramite piattaforma Zoom. Il link verrà inviato per e-mail a tutti i candidati. I ruoli disponibili per le candidature sono i seguenti: Protagonisti: 4 donne di età comprese tra i 20-25 anni 3 uomini di età compresa tra i 20-25 anni 1 ragazzo dietà 17 anni 1 ragazza di età 28 anni 1 uomo di età 40 anni Coprotagonisti: 1 ragazzo di età 17 anni 1 ragazzo di età 20 anni 1 ragazzo di età 27 anni 1 ragazza di età 28 anni 1 uomo di età 55 anni Ruoli Secondari: 2 ragazzi di età 17 anni 1 ragazza di età 17 anni 1 donna di età 45 anni Voci: 3 voci maschili 3 voci femminili L’età specificata si riferisce all’età scenica e non effettiva degli attori. La classe del secondo anno del corso di Elaborazione Digitale dell’Immagine realizzerà dei cortometraggi a sfondo sociale, permettendo a tutti gli studenti di lavorare insieme, di confrontarsi e di realizzare dei lavori creativi e originali che saranno poi condivisi al pubblico. Il progetto sarà per gli studenti un modo per espimere la propria visione su temi sociali importanti, dalla sensibilizzazione verso la disabilità, allo spreco dell’acqua e al suo impatto ambientale, da thriller psicologici a videoclip musicali… Un’opportunità sia per i giovani artisti, sia per gli attori emergenti e non, che potranno dare un contributo davvero utile per affrontare delle tematiche presenti nella vita di tutti i giorni, cercando di lasciare un messaggio significativo e di impatto per far riflettere il pubblico.

... continua la lettura
Altri

Come si calcola l’assegno di mantenimento

La fine di un rapporto di coppia è sempre un momento estremamente drammatico nella vita dei protagonisti di questa interruzione, sia dal punto di vista emotivo e umano che da quello pratico e legale. Il primo aspetto ovviamente coinvolge una serie di aspetti privati, si tratta nella maggior parte dei casi di un trauma che interviene a stravolgere quella che era una situazione fondata su principi di stabilità, che invece poi viene a mancare, costringendoci ad affrontare una serie di cambiamenti al fine di trovare un nuovo equilibrio. Oltre a ciò, c’è da prendere in considerazione un aspetto più pratico, che riguarda la riorganizzazione di una vita anche da un punto di vista economico. Proprio sulla base di queste ultime considerazioni, il nostro legislatore ha previsto la corresponsione di un assegno di mantenimento al fine di garantire ad entrambi i coniugi la possibilità di proseguire il proprio percorso di vita in una maniera che sia quanto più possibile coerente con quella precedente. Per cosa è stato previsto l’assegno di mantenimento Da cosa nasce l’esigenza di prevedere un mantenimento, da corrispondere a favore del coniuge economicamente più debole? L’assegno ha una funzione assistenziale, e di conseguenza viene assegnato all’ex coniuge che non abbia un reddito proprio o che, in ogni caso, non abbia adeguate fonti di sostentamento. Sicuramente il punto di partenza fondamentale è da individuare nella necessità di garantire ad entrambi i coniugi il mantenimento dello stile di vita precedente alla separazione. Lo stesso principio vale anche in caso di presenza di figli, e l’importo dell’assegno da corrispondere può essere soggetto a revisioni periodiche, soprattutto nel caso in cui vengano a mutare le condizioni originarie in base alle quali l’importo era stato calcolato. L’assegno di mantenimento viene solitamente stabilito dal giudice in sede di separazione fra i coniugi, tuttavia la definizione dell’ammontare può anche essere il frutto di accordi intercorsi fra questi ultimi. Come si calcola l’assegno di mantenimento L’assegno viene calcolato in base a una serie di principi e di parametri dei quali il giudice deve avere considerazione per giungere alla propria decisione. Si tratta sicuramente di valutare, in via preliminare, il reddito complessivo della famiglia, al fine di tutelare, come abbiamo detto, il coniuge economicamente più debole ed eventualmente i figli, qualora siano presenti. Per effettuare correttamente questo esame, è necessario prendere in considerazione i redditi percepiti da ciascun coniuge, considerando a tal fine anche le rendite finanziarie, il valore locativo delle proprietà immobiliari e il numero di figli a carico, anche in funzione del tempo trascorso presso ciascun coniuge. Si tratta di una serie complessa di valutazioni, le quali necessitano di un occhio attento e di una visione globale: proprio per questo può essere utile rivolgersi a dei professionisti in grado di fornirci adeguato supporto in una fase così difficile da affrontare, al fine di ottenere quanto ci spetta realmente.  

... continua la lettura
Comunicati stampa

Terme Stufe di Nerone: per Natale 2019 dedica speciale a Dante Alighieri e al Lago d’Averno

“Dante Alighieri e il Lago d’Averno” è il nuovo tema del Cofanetto regalo delle Terme Stufe di Nerone. Ogni anno, le Terme scelgono una tematica diversa per raccontare il proprio rapporto con il territorio e promuovere la sua storia e bellezza. Il tema rappresenta sempre un filo che collega il passato al presente. Quest’anno la scelta è ricaduta sul Sommo Poeta, una delle personalità del mondo della cultura più conosciute, e sul lago vulcanico, situato a pochi passi dalle Stufe di Nerone. Nel 2021 infatti, ricorreranno i 700 anni dalla morte di Dante e le Terme vogliono rendere omaggio al poeta che ha donato all’umanità la Divina Commedia, un vero e proprio viaggio tra le fragilità umane e i più grandi esempi di virtù. Proprio in rapporto alla prima Cantica dell’opera, potrebbe essere la selva decantata da Dante proprio all’inizio dell’Inferno, identificata con il lago d’Averno? Si tratta di un’ipotesi affrontata da anche uno studioso molto noto come Galileo Galilei, il quale ha tenuto due lezioni presso l’Accademia fiorentina nel 1588. È un’idea che stimola la curiosità su temi mitologici e storici. Il lago d’Averno si presta benissimo a vestire anche le vesti della “selva oscura” in tempi moderni. Un’ambientazione suggestiva che fa da sfondo a tanti miti e leggende e, da secoli, incuriosisce il mondo letterario da Plinio e Omero, passando per Virgilio e Dante e per arrivare ai giorni nostri con il premio Nobel per la Letteratura di Louise Gluck. La Cartolina ripercorre brevemente il ruolo del lago di Pozzuoli all’interno della mitologia e della letteratura. Fonte di ispirazione per tanti poeti e autori, le Terme Stufe di Nerone invitano a riscoprire questo luogo, come suggerimento per stimolare la curiosità dei propri ospiti verso le storie dedicate ai Campi Flegrei. Il Cofanetto dedicato a Dante riporta l’incisione di Gustave Dorè un celebre pittore e illustratore della Divina Commedia e riporta proprio l’incisione di Dante nella selva oscura. Sarà distribuito già da dicembre per confezionare i regali di Natale 2020 e ci accompagnerà per tutto l’anno successivo. Il Cofanetto Regalo è un’idea regalo originale e ideale per tutta la famiglia e amici ma è anche una proposta per regali a collaboratori e clienti. È fondamentale infatti ricordare che i voucher regalo non hanno alcuna scadenza: vengono sempre accettati, e questo permette di organizzare e regalare percorsi termali all’insegna del benessere ma soprattutto di curarsi con piacere. Infatti le Terme Stufe di Nerone sono tra le Terme d’Italia autorizzate dal Ministero della Salute ad erogare cure termali quali la balneoterapia, le cure inalatorie, la fangoterapia, le cure ginecologiche, tutte con la meravigliosa e benefica acqua termale salso-bromo-iodica. Il Cofanetto può essere ritirato in sede o spedito e tutti gli ospiti che verranno alle Terme Stufe di Nerone riceveranno un regalo speciale dedicato alla loro salute. Info  https://www.termestufedinerone.it

... continua la lettura
Comunicati stampa

Tam tam Digifest: rassegna di cinema in streaming dal 22 al 30 dicembre 2020

Torna il Tam Tam Digifest che sfida il lockdown e termina il suo programma con una sessione che si svolgerà dal 22 al 30 dicembre 2020. Le proiezioni si svolgeranno on line sulla piattaforma Keaton con un calendario che prevede 6 film e 2 cortometraggi sul tema Donne di Frontiera – rivoluzioni al femminile    Con questi appuntamenti completiamo la 15esima edizione del nostro progetto che quest’anno è stato dedicato alle figure femminili che hanno lasciato il segno nella nostra vita.   I film saranno disponibili dalle ore 18:00 del 22 dicembre alle ore 24:00 del 30 dicembre nelle sale virtuali della piattaforma Keaton su link https://www.keaton.eu/festival/tam-tam Il programma completo: Diva! è un film documentario del 2017 diretto da Francesco Patierno. È un film basato sulla vita dell’attrice Valentina Cortese tratto dal libro autobiografico Quanti sono i domani passati scritto con Enrico Rot.   Grace Jones: Bloodlight and Bami – Un film di Sophie Fiennes. Un grande biopic, un variegato ritratto stratiforme, adulto, anticonvenzionale della performer giamaicana. AstroSamantha – di Fabio Cerasola Documentario sulla vita di Samantha Cristoforetti, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea, pilota dell’Aeronautica Militare, protagonista della seconda missione di lunga durata dell’Agenzia Spaziale Italiana. La vita invisibile di Eurídice Gusmão (A vida invisível) è un film del 2019 diretto da Karim Aïnouz, premiato a Cannes nel 2019 come Miglior film per la sezione Un Certain Regard. “Eurídice Gusmão che sognava la rivoluzione” è il romanzo di Martha Batalha che il brasiliano Karin Aïnouz sceglie di portare sullo schermo, per due ore e venti che passano in un lampo, tante sono le emozioni che riesce a regalare. Marie Curie – regia di Marie Noelle  (Polonia, 2016) Marie Curie è stata una delle prime donne a cui è stato riconosciuto l’appellativo di “genio”, solitamente affibbiato a uomini. Le sue scoperte hanno avuto un forte impatto sulla scienza del Novecento e di oggi, portando alla luce una delle cause principali del cancro, la radioattività. Unica donna vincitrice di due Nobel, Marie Curie è un esempio femminile della Francia del XX secolo, che ha dovuto superare a testa alta gli attacchi dei media, dimostrando alla storia che anche un grande scienziato può “portare la gonna”. premiato per i migliori costumi al Polish Film Award    Marie Heurtin – Dal buio alla luce Francia – 2014 – regia di  Jean-Pierre Améris La coraggiosa battaglia di una ragazza sordo cieca di inizio secolo per affermare il proprio diritto a una vita normale, in un’epoca molto più sorda di lei, e alle poche voci civiche che chiedevano di non emarginare i disabili. Nomination Premio del pubblico al Festival di Locarno 2014 Nomination Giffoni Film Festival 2015   RITRATTI BREVI – 2 cortometraggi   – visione gratuita dal 22 al 30 dicembre “Sirene” – di Giulio Gargia Un pescatore e un’antica leggenda irrompono nell’apparente normalità di una coppia in crisi “Cristallo” – di Manuela Tempesta Storia di due donne e un drammatico segreto che le avvicina… Vai al programma TAM TAM Digifest su https://www.keaton.eu/festival/tam-tam Utilizza il codice coupon pubblicato per la visione dei film in streaming a Euro 2,50 cad. e per la prima visione di Marie Curie a Euro 3,50 (il pagamento è attivo con le principali […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Si avvia a conclusione “La Castagna”, contest by Vesuvio’s Shadow, #InsiemeperilTerritorio e Carnevale Princeps Irpino

Il contest nazionale “LA CASTAGNA”, promosso da Vesuvio’s Shadow, #InsiemeperilTerritorio e Carnevale Princeps Irpino, si avvia a conclusione. Supporter è la rinomata Azienda agricola irpina di alta qualità “Giovanni Tedesco” specializzata nella produzione di Castagne biologiche IGP di Serino, che omaggerà i vincitori con confezioni premio del suo ricercato prodotto di altissima qualità, conosciuto ed apprezzato dai più fini intenditori. Dal primo al dessert, pizza e panini inclusi, una sfida a colpi di ricette sul tipico marrone, prelibato protagonista dell’autunno boschivo. Quale sarà quella più gradita al pubblico e alla giuria tecnica? Per partecipare, basta andare sulla pagina facebook del blog e pubblicare nei commenti del post principale del contest, una fotografia con la descrizione della propria specialità (entrée, antipasto, primo, secondo, contorno, predessert, dolce, pizza, panino, ecc). L’importante è che contenga la castagna tra gli ingredienti principali: condizione indispensabile! Il termine del contest è fissato alle ore 20,00 del 30 novembre 2020. Le foto con le descrizioni verranno pubblicate nell’apposito album dedicato al contest, sulla pagina Facebook “Vesuvio’s Shadow”, per essere visionate da tutti e votate. Sarà proclamato vincitore chi raggiungerà il maggior numero di like (o reazioni), in più il voto (da 1 a 100) degli esperti della qualificata Giuria tecnica formata da: Teresa Lucianelli (giornalista professionista enogastronomica); Rosalia Ciorciaro (biologa nutrizionista e docente di Scienze alimentari); Rosario Scavetta (direttore responsabile di New Media Magazine); Valerio Giuseppe Mandile (chef d’eccellenza da location pluristellate e giornalista gastronomico); Ersilia Cacace e Francesca Pace (foodblogger). Il “Premio della Critica” è destinato invece a chi avrà il più alto punteggio attribuito complessivamente da tutti i componenti della Giuria. I soggetti impegnati nell’iniziativa, sono tutti particolarmente attivi sul territorio campano e sono concordi nel volere “promuovere le iniziative e le eccellenze della Campania Felix e sollecitare la creatività dei partecipanti al contest, ai forni e ai fornelli, per celebrare l’italianità nel Mondo, con un piatto significativo a base di un ingrediente rappresentativo della tradizione regionale campana”. Vesuvio’s Shadow, è un seguito blog, nato da un’idea del foodblogger Mario D’Acunzo di Ercolano, città del Vesuviano, in provincia di Napoli, da cui parte questo contest sulla castagna. Fa seguito a quello dedicato alla Pizza, che ha già registrato una significativa adesione da parte di followers distribuiti sull’intero territorio nazionale italiano, che hanno partecipato con originali ricette. Il blog è specializzato nell’eno-food e riporta comunicati, articoli e note, corredati da foto, oltre che strettamente di settore, pure inerenti ad altri argomenti attinenti a campi ad esso vicini e a servizi aggiuntivi. Semplice nell’esposizione, facile da leggere, immediato, è seguito a livello nazionale sia dagli addetti al settore che dagli appassionati del buon mangiare e del buon bere e dai buongustai, come pure da tanti utenti alle prime armi in cucina, animati da costruttivi propositi e armati di tanta buona volontà. Un ausilio pratico e di veloce consultazione, indirizzato a tutti, così come proprio a tutti, senza alcuna esclusione, è aperto questo contest. #InsiemeperilTerritorio, nota e apprezzata rassegna itinerante enogastronomica, artistica, culturale e scientifica di eccellenza, vanta […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

La Pasticceria Seccia presenta il primo dolce in onore di Maradona

La Pasticceria Seccia, fiore all’occhiello dei Quartieri Spagnoli e da sempre legata al tifo e all’amore per il pibe de oro, lancia nell’ultima domenica di novembre una mignon dedicata alla memoria del compianto Diego Armando Maradona: un bignè craquelin panna e caramello da condividere sui social con l’hashtag #elpibe. La notizia della scomparsa di Diego Armando Maradona ha lasciato tutti sgomenti a Napoli, seconda casa del Pibe de Oro, e le manifestazioni d’affetto che stiamo vedendo in questi giorni ne sono la prova tangibile. Se allo Stadio San Paolo, che presto cambierà nome in suo onore a quanto pare, l’abbraccio di tifosi e appassionati è stato forse il più pittoresco e degno di una rockstar, con le candele, le foto e i gadget adagiati a ridosso dei cancelli, è innegabile che ai Quartieri Spagnoli, nel cuore del centro storico di Napoli, abiti la passione più viva e sentita per il grande calciatore argentino. Non è un caso se la Pasticceria Seccia, già protagonista tre anni fa con la torta ufficiale delle celebrazioni per la cittadinanza onoraria conferita a Maradona, e per i 30 anni del primo scudetto del Napoli, abbia pensato a un dolce dedicato alla memoria del genio di Buenos Aires da offrire ai clienti e a chiunque sia di passaggio nei Quartieri domenica 29 novembre. Nei limiti ovviamente della zona rossa prevista per la città di Napoli dall’ordinanza ministeriale, e ovviamente nel pieno rispetto delle prescrizioni e delle normative governative nazionali e regionali anticovid per gli esercizi commerciali (solo asporto consentito e ingresso rigorosamente contingentato nel negozio di Via Concordia 66, sempre con la mascherina indossata). Quello che sarà dato in omaggio ai clienti è un bignè craquelin farcito con panna e caramello, sormontato da un bel 10 biancoceleste in pasta di zucchero, il numero della mano de Dios. El pibe è il nome ufficiale della mignon pensata e ideata da Casa Seccia, e realizzata dalle sapienti mani del giovane Antonio Duraccio, nonché dell’hashtag ufficiale per le condivisioni sui social nelle storie, nei post e nelle foto in cui figurerà questa golosa pasta choux ripiena. Il pasticcino è il gemello stretto di un prodotto già proposto tempo fa, in occasione della festa al San Carlo e nel foyer del teatro per Maradona cittadino onorario di Napoli: l’aperisciù, un craquelin al gusto di mojito, daiquiri e pina colada, cocktail tipicamente cubani, e dai colori della bandiera dell’isola tanto cara al campione del mondo di Messico ’86. Così a due passi dal mural restaurato solo pochi anni fa in via de Deo, teatro oggi di un’elaborazione laica della dolorosa perdita, domenica mattina sarà possibile ricevere una mignon dai sapori ricercati e dai colori che ormai sono Storia del Calcio a tutti gli effetti, da degustare a casa, non prima ovviamente del doveroso scatto social da condividere poi su Facebook, Twitter e Instagram tra post e stories. La dipartita del leggendario trascinatore del Napoli Calcio, a cui dobbiamo indubbiamente due Scudetti e una Coppa Uefa oltre a un inaspettato prestigio per la squadra partenopea tra gi anni ’80 e i primi anni ‘90, ci ha […]

... continua la lettura
Fun e Tech

HONOR MagicBook 14, un portatile da portare via!

Nell’era del 5G, tutti hanno un alto standard nella portabilità e nella connettività dei dispositivi tra loro, la serie HONOR MagicBook è una delle pietre miliari che rafforza l’impegno del marchio nel creare intelligenza per tutti gli scenari. Combinando un design sottile e leggero, offre una potenza incredibile in un formato elegante e compatto, perfetto per i giovani in movimento. Di seguito descriveremo le caratteristiche che li fanno brillare nella folla: Il suo impressionante design completa lo schermo Full View da 14″. Disponibile in due colori, ha un telaio in alluminio minimalista. In contrasto con i suggestivi bordi smussati blu e con la vita tagliata a diamante che dona un abbagliante bagliore blu. Portatile al cento per cento: Con un peso di soli 1,38 kg e uno spessore di 15,9 mm, HONOR MagicBook è progettato per chi è sempre in movimento. È possibile impostare lo schermo sull’angolazione desiderata grazie alla sua cerniera a quasi 180 gradi, offrendo comfort e comodità ovunque ci si trovi. La sua visualizzazione dà vita ad ogni dettaglio: Grande schermo in un corpo compatto, fornisce una risoluzione di 1920x1080px, presentando lunette ultra strette di 4,8mm su 3 lati con schermo da 14″, massimizzando il rapporto schermo-corpo all’84%, fornendo un’esperienza di visione completa, dando vita ad ogni dettaglio. La riflessione della luce non sarà più un problema, grazie allo schermo laminato. Anche la luce diretta del sole non sarà un ostacolo alla visione. Potenza senza sforzo, grande efficienza grazie al processore AMD e alla RAM a doppio canale Dotato di un processore mobile AMD Ryzen 5 4500u con grafica AMD Radeon™, che adotta anche una RAM DDR4 a doppio canale da 8 GB e un’unità di archiviazione SSD PCIe ultraveloce NVME SSD da 512 GB. Veramente progettato per portare la vostra produttività al massimo e gestire gli scenari più impegnativi.   Software preinstallato: Ha Windows 10, con un mese di prova di Microsoft 365, con l’idea di migliorare la produttività. Dispone di un’applicazione di proprietà di HUAWEI e HONOR, “PC Manager”, che ha il compito di controllare lo stato generale e allo stesso tempo aiuta a mantenere aggiornati i driver e a identificare i problemi hardware. Fornisce anche un manuale d’uso e un link al centro di assistenza online. Caricamento ultraveloce con il massimo delle prestazioni: Onorando l’enorme batteria ad alta densità da 56Wh, fornisce 10,5 ore di prestazioni non-stop. Anche se utilizzato per la riproduzione di video a 1080p. Ha un caricabatterie di tipo C di soli 160 g, che accetta una carica veloce di 65W, che in soli 30′ genera il 46% della carica. Design innovativo della lama per un’efficiente dissipazione del calore: È caratterizzato da un innovativo design delle lame a forma di S. Efficiente, più sottile e con una densità più elevata, affermando un flusso d’aria pienamente funzionale. Aumento della dissipazione di calore del 38%. Un altro vantaggio del suo design è la mancanza di rumore, che lo rende un computer completamente silenzioso. Pulsante di accensione delle impronte digitali per un accesso rapido: […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

5 province per 5 panettoni, buon viaggio!

Il percorso itinerante che racconta di cinque eccelsi Panettoni Artigianali, uno per ogni provincia della Campania. “Città che vai Panettone che trovi”, ogni regione ormai ha adottato il dolce meneghino e oltre alla tradizionale versione con canditi e uvetta, si realizzano panettoni da ricette antiche o da ispirazioni innovative, ma sovente i maestri pasticceri reinterpretano il lievitato delle feste con ingredienti appartenenti al proprio territorio, raccontandolo con tanto di profumi e tipici sapori. Anche quest’ anno per il Natale, da Nord a Sud sulle tavole italiane non mancherà il Panettone artigianale, c’è solo da scegliere semplicemente il gusto preferito, tra le tante varianti originali ed esclusive, diverse nelle farciture, nelle glassature e nei formati. Ogni Pasticceria oltre alla vendita al banco, assicura un impeccabile servizio di vendita on-line, grazie al mercato e-commerce oppure tramite lo shop sui propri siti, garantendo una veloce consegna in tutta Italia. Si possono ricevere comodamente a casa i migliori Panettoni del Natale 2020, realizzati da abili Maestri Pasticcieri, nei gusti più ricercati, che sicuramente renderanno speciale il periodo delle festività natalizie. L’Arcimboldo degli Artisti del Gusto, ha realizzato “PANETTONI DELLE 5 PROVINCE” percorso itinerante che racconta di cinque eccelsi Panettoni Artigianali, uno per ogni provincia della Campania. Le pasticcerie selezionate sono di seguito elencate per provincia e in ordine alfabetico. Di Solofra in provincia di AVELLINO  è la pregiata Pasticceria Gran Caffè Romano, del Maestro Pasticciere Raffaele Romano che con suo fratello Gianfranco, rappresentano la terza generazione alla guida della pasticceria di famiglia. L’arte della pasticceria classica, fatta di  ricette tramandate negli anni, si erge dalle vetrine dello storico locale, accompagnata da  dolci e torte più moderne, nuove creazioni per tecniche e audaci abbinamenti. Raffaele cura con trasporto i laboratori e Gianfranco appassionato di mixology, si dedica ai cocktail e alla caffetteria, una gestione al passo con i tempi e che guarda oltre i confini campani. I fratelli Romano ci presentano “Pantheon”, fiore all’occhiello della Pasticceria, pluripremiato Panettone Classico che nel 2018 al concorso “Panettone Day”  si è classificato al 1° posto come Miglior Panettone Tradizionale, poi ancora nel 2019 e nel 2020 al “Miglior Panettone del Mondo” organizzato dalla FIPGC ha ottenuto l’ambita medaglia d’oro. Testimone di una tradizione antica, il Panettone Pantheon è un manufatto artigianale di assoluta qualità, nato da una lievitazione di 36 ore con l’utilizzo del lievito madre rinfrescato ogni giorno, quindi a pasta viva, accuratamente selezionati gli ingredienti di pregio e le farine che lo rendono soffice e fragrante per un’esperienza di gusto irresistibile. www.grancafferomano.it Di Airola in provincia di BENEVENTO è la nota “Pasticceria Princess dal 1970” del Maestro Pasticciere Nino Crispo, pluripremiato per i suoi lievitati delle feste. Come per ogni Natale, propone un goloso ventaglio di panettoni artigianali, il risultato del perfetto connubio tra prodotti di altissima qualità e l’amore per il proprio lavoro. Da cinque anni utilizza con vera maestria il lievito madre, con il quale ogni giorno da vita a dolci di straordinaria bontà ed è la vera anima dei suoi panettoni.  “Janara” è il Panettone che lo […]

... continua la lettura
Cucina e Salute

Sistema immunitario ecco come rinforzarlo in modo efficace

Il sistema immunitario si compone di un organismo complesso di sistemi e cellule che operano per proteggerci dall’aggressione di batteri e virus responsabili di malattie e patologie. Contrarre virus e infezioni spesso dipende dalle difese immunitarie basse, che segnalano uno stato di salute del nostro corpo non proprio efficiente. E’ comunque possibile rinforzare in maniera efficace le difese immunitarie, ecco tutte le soluzioni per ottenere ottimi risultati. Osservare un’alimentazione ricca di antiossidanti Gli antiossidanti assicurano un enorme supporto al sistema immunitario, bloccano le reazioni a catena innescate dai radicali liberi, proteggono i grassi contenuti nelle membrane cellulari e svolgono un ruolo determinante nel riparare il DNA danneggiato, rafforzando le capacità di autoriparazione proprie dell’organismo. I cibi costituiscono la fonte migliore di antiossidanti, in particolare quelli che contengono la vitamina E, che si trova negli oli, soprattutto quello di girasole, nella frutta secca, ma anche nelle verdure a foglia verde come spinaci e broccoli. Altri cibi ricchi antiossidanti sono anche carciofi, cioccolato, pomodori, mele, fagioli rossi, caffè. Anche gli acidi grassi omega-3 sono importanti per rafforzare le difese immunitarie e per avere un apporto giornaliero sufficiente inserire nella dieta il pesce, in particolare quello azzurro, sardine, sgombro e tonno. Aglio e zenzero proprietà disinfettanti e disintossicanti Due alimenti particolari per risollevare un sistema immunitario debole sono aglio e zenzero. L’aglio è antisettico, antifungino, antibatterico e disintossicante naturale, contrasta la nausea e aiuta a combattere le infezioni. I sui effetti benefici risiedono anche nelle sue proprietà anti-infiammatorie, che aiutano il sistema immunitario a funzionare al meglio e favoriscono la moltiplicazione delle cellule che hanno il compito di proteggere dalle malattie. Anche lo zenzero svolge pressappoco le stesse funzioni e contiene numerosi antiossidanti che aiutano a contrastare l’invecchiamento cellulare, scongiurando l’ossidazione delle cellule. Lo zenzero è disponibile in polvere oppure sotto forma di radice da consumare a pezzetti o aggiungere alle pietanze. Praticare una regolare attività fisica Una regolare attività fisica, oltre che stimolare la circolazione, aumenta la circolazione dei globuli bianchi, il cui scopo principale è quello di distruggere gli agenti patogeni responsabili di malattie. Questo contribuisce ad aumentare la resistenza allo stress e quindi a rafforzare il sistema immunitario. In genere sono sufficienti 30 – 45 minuti al giorno di allenamento moderato all’aria aperta per ottenere come risultato un rafforzamento delle difese immunitarie, che può consistere in jogging, ciclismo, nuoto, sollevamento pesi oppure una passeggiata ad andamento sostenuto. Evitare di esagerare e non trasformare un’attività sana e benefica in stress che può invece indebolire le difese e ottenere l’effetto contrario. Il sonno rinforza le naturali difese dell’organismo Lo difese dell’organismo hanno una stretta relazione con la qualità del sonno e la sua durata. La quantità di cellule immunitarie naturali necessari al nostro corpo per difendersi da batteri e virus aumenta durante il sonno. Ecco perché bisogna dormire a sufficienza, ovvero almeno 7-8 ore, ritenute indispensabili per assicurare un ritmo equilibrato del ciclo sonno-veglia, per migliorare la produzione di citochine anti-infiammatorie e delle cellule killer. Un sonno ristoratore aumenta le capacità dell’organismo […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Mille sfumature di donna: la collezione di turbanti di Lucia La Marca

Lucia La Marca, per tutti La Ragazza col Turbante, poliedrica giovane campana scende in campo per le donne. Giornalista, comunicatrice, stilista, da sempre si dedica alla bellezza della diversità. Nel periodo del lockdown ha deciso di dare corpo al suo progetto realizzando il sito www.laragazzacolturbante.it dove le donne possono trovare una collezione di turbanti e scegliere quello che più amano. L’ecosostenibilità è alla base del progetto: i turbanti sono realizzati in puro 100% cotone e tinti con coloranti di origine naturale, un prodotto dermatologicamente testato, versatile, ma soprattutto green anche nel suo packaging tutto riciclabile. Lucia, soffrendo di una malattia invalidante autoimmunitaria, l’Alopecia Universale, ha capito da giovanissima quanto fosse importante avere dei modelli che rendessero ‘’normale’’ la diversità. Dopo anni di sofferenza è venuta la svolta con l’ideazione di tutorial dedicati alla creatività e bellezza handmade fatti di eyeliner e stoffe sul capo. Questi video tutorial rendevano le donne più belle e, finalmente incominciavano a guardarsi allo specchio anche durante le chemioterapie. La bellezza per Lucia è uno stato d’animo.  “Ho sempre odiato le parrucche – dice la stilista, designer –  le vedevo morte sul mio viso e mi sentivo tremendamente brutta quando le indossavo. Mi ritornava in mente sempre la bellezza del quadro di Vermer e un giorno chiusa in bagno decisi di realizzare il mio primo turbante. Mi sentivo bellissima, mi sentivo finalmente me stessa. Ma tutto questo non mi bastava, desideravo l’unicità e la fierezza sul viso di ogni donna, la stessa fierezza che sentivo quando ritagliavo le mie stoffe sul capo. Oggi sono fiera di presentare la mia prima collezione. Ho sempre immaginato il volto delle donne glabre come   una tela bianca sulla quale vanno scelti i colori giusti per nobilitarne tutte le caratteristiche. Per realizzare questa inedita collezione mi sono ispirata ai colori naturali delle terre orientali: un mix di tonalità calde e fredde in grado di esaltare le sfumature di ogni incarnato ed ogni personalità”. La collezione rientra in un progetto di sensibilizzazione, infatti, con l’acquisto di ogni turbante, verrà devoluto  1 euro in beneficenza  all’ASSOCIAZIONE NO PROFIT ALOPECIA & FRIENDS di Claudia Cassia, da anni impegnata nella ricerca di nuove cure e nel riconoscimento  dell’alopecia. Con la mia collezione di turbanti – aggiunge l’artista – voglio smuovere le coscienze. Voglio che le donne si guardino allo specchio e si sentano belle nelle loro normalissime imperfezioni, e non siano condizionate dalle pubblicità delle grandi multinazionali nell’acquisto di parrucche che reprimono la nostra voglia di unicità. Meritiamo la libertà di scegliere e di non nasconderci.  In cantiere c’è la voglia di arricchire la collezione con altri articoli, mentre sui canali social si è creata una vera e propria community pronta a dare consigli preziosi per la realizzazione della collezione. “Anni di studio e ricerca – conclude Lucia –  mi hanno portata alla realizzazione di questo sogno, un sogno che ha preso forma in un difficile e drammatico periodo di emergenza sanitaria da Covid-19. Dubbi e ripensamenti ogni giorno gravavano sulla mia testa: mentre molti […]

... continua la lettura
Fun e Tech

Crisi economica, diminuiscono le imprese al femminile: i dati nell’infografica GoDaddy

Negli ultimi anni l’imprenditoria femminile ha fatto registrare dei numeri molto incoraggianti: i business gestiti da donne sono aumentati a ritmo sostenuto, con 38.080 nuove imprese aperte in 5 anni, contro le 12.704 nuove attività avviate da uomini. Tuttavia la grande crisi economica legata alla pandemia globale da Covid-19 ha avuto un notevole impatto su questa crescita: proprio le imprese femminili sono quelle più duramente colpite, dato che le nuove iscrizioni al Registro delle Imprese tra aprile e giugno 2020 sono calate del 42,3% rispetto all’anno precedente, contro il -35,2% registrato da quelle maschili. Per evidenziare questo fenomeno e dare il giusto rilievo alla situazione dell’imprenditoria femminile, GoDaddy ha rielaborato i dati del IV Rapporto sull’Imprenditorialità Femminile di Unioncamere e ha realizzato l’infografica “Le imprese femminili in Italia”. Anche a livello globale la situazione non è certamente migliore: secondo i dati raccolti in oltre 50 paesi dal Global State of Small Business Report (IV Wave) stilato da Facebook e OCSE le imprese femminili sono state costrette a chiudere più spesso di quelle gestite da uomini, a maggio 2020 si è registrato un tasso di chiusura del 27% per le prime e del 20% per quelle maschili. Sono diversi i motivi alla base di questa discrepanza che spiegano, almeno in parte, il perché le imprese femminili abbiano chiuso di più. Le imprese femminili sono prevalentemente attive nel settore dei servizi alla persona, uno dei campi che ha risentito maggiormente delle misure restrittive e del calo dei consumi. Inoltre, il peso delle responsabilità domestiche nel corso del lockdown è caduto maggiormente sulle dirigenti d’azienda donna: il 23% ha dichiarato di aver speso almeno 6 ore al giorno occupandosi di casa e famiglia, contro solo l’11% dei dirigenti maschi. Per essere ancora più vicini alle imprenditrici e sostenere il ruolo delle donne nel mondo dell’imprenditoria e del lavoro, Iran Wasti, Regional President GoDaddy EMEA, ha fondato GoDaddy Women in Technology (GDWiT), un’organizzazione di networking che ha l’obiettivo di promuovere la crescita professionale delle donne all’interno della società, favorendo così una maggiore diversità nel settore tecnologico.      

... continua la lettura
Comunicati stampa

Roggiosi, presentazione nuove pubblicazioni in streaming sulla pagina Facebook della casa editrice

L’emergenza Covid-19 non cede di un passo e le regole di sopravvivenza ci spingono a trovare alternative più che valide a un tempo assurdo. Rogiosi Editore porta i suoi autori in streaming per la presentazione delle nuove pubblicazioni. L’appuntamento è dal 17 novembre al 18 dicembre, alle 19. 17 novembre – “Afonia diurna – esercizi letterari” di Alessandra Callegari E se la resistenza di un individuo all’esperienza del mondo fosse ancora la voce poetica? Ventisette componimenti segnano l’inizio e la fine di un tempo di ricerca, una disordinata ricerca nella viva esistenza (dell’autrice, degli scrittori a lei cari) e nella solitudine della Parola. “Afonia diurna – esercizi letterari” è il punto di congiunzione – o di dissidenza – tra quelle esistenze tanto diverse e quel sentire umano universale che trova la sua forma naturale nei simboli della poesia.   20 novembre – “Padre Pio, il vero miracolo” di Matteo Cosenza Il lungo viaggio attraverso i miracoli di Padre Pio di un giornalista laico. Inaspettatamente inviato de Il Mattino a San Giovanni Rotondo per la veglia dei trent’anni dalla morte, Matteo Cosenza racconterà l’ascesa sugli altari del frate di Pietrelcina. Tra il ‘religionificio’ e potenti episodi di fede popolare, articolo dopo articolo, uno sguardo non indulgente ma rispettoso dei sentimenti delle persone si posa su un fenomeno che va ben al di là delle stimmate e della tormentata esistenza del futuro San Pio. Incontri indimenticabili, storie di dolore e di speranza, un mondo che trova nella fede risposte per la vita e per il dopo. L’autore prova quasi una sana invidia sapendo che quella del non credente è una vita con tante domande e poche certezze. Per giorni seguirà la marcia a piedi dei pellegrini da Pietrelcina al Gargano attraverso gli Appennini Dauni. In questo scenario sospeso tra passato e presente,  Renzo Piano, che ha progettato la nuova chiesa, gli trasferisce la gioia per l’opera appena inaugurata e la preoccupazione per la colata di cemento in cui è calata. Lui che, ispirandosi ad Assisi, persegue il sogno di uno spazio raccolto, impossibile più che complicato perché i numeri di Padre Pio non sono più quelli della chiesetta dove all’inizio del secolo scorso aveva mosso i primi passi. 23 novembre – “Dualitudine” di Marco Reginelli Sullo sfondo di una Napoli periferica che guarda alla bellezza del golfo da una angolazione diversa, il romanzo prende avvio il 23 novembre del 1980, quando uno dei terremoti più violenti del secolo cambierà i connotati non solo della città ma anche delle esistenze in essa annidate. E un altro evento, proprio quella notte, scuoterà per sempre la vita della famiglia di uno dei due protagonisti. Nella coralità della narrazione, ricca di personaggi indimenticabili – quasi dei miti moderni – e di imprese epiche – come il tentativo del furto della statua del Santo colpevole di non aver protetto la città –, emergono le esistenze di due giovani, Alberto e Giovanni detto “Capajanca”, che tra le pagine di questo romanzo di formazione matureranno le loro esperienze di vita fino […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Vesuvio’s Shadow – Eventi e gusto all’ombra del Vesuvio presenta il contest “LA CASTAGNA”

Quale miglior periodo per cimentarsi con ricette con il prodotto simbolo dell’autunno? La Castagna sarà la protagonista del nostro contest a premi! ERCOLANO, 12 NOVEMBRE – È dedicato alla castagna, bontà autunnale per eccellenza, il secondo contest organizzato dal blog Vesuvio’s Shadow, nell’ambito della promozione delle iniziative e delle eccellenze della nostra Campania Felix. ​ Per partecipare al contest “LA CASTAGNA”, che partirà il 14 Novembre e si concluderà il giorno 30 dello stesso mese, basta semplicemente inviare una fotografia e la descrizione della propria pietanza che deve avere tra gli ingredienti principali appunto la castagna, alla pagina facebook del blog rispondendo al post principale del contest. Il vincitore sarà colui che riceverà il maggior numero di like (o reazioni) per la propria pietanza in gara, più il voto (da 1 a 100) dei giudici che compongono la qualificata Giuria di esperti: Teresa Lucianelli (giornalista professionista enogastronomica) Rosalia Ciorciaro (biologa nutrizionista e docente di Scienze alimentari) Rosario Scavetta (direttore responsabile di New Media Magazine) Valerio Giuseppe Mandile (chef d’eccellenza da location pluristellate) Ersilia Cacace (foodblogger) Francesca Pace (foodblogger) Inoltre è previsto il “premio della Critica” che sarà assegnato a colui che riceverà il punteggio più alto dei soli voti dei giudici di gara. Il contest è promosso in collaborazione con #InsiemeperilTerritorio e con ”Azienda agricola Giovanni Tedesco”, Serino (AV) per ”Carnevale Princeps Irpino”, che omaggerà i vincitori con confezioni del prodotto simbolo di questo periodo: la pregiata Castagna avellinese di alta qualità, tra le migliori produzioni italiane, conosciuta ed apprezzata anche oltre confine. Contatti Vesuvio’s Shadow – Eventi e gusto all’ombra del Vesuvio [email protected]

... continua la lettura
Comunicati stampa

STOCK NAPOLI: ARRIVA LO “STOCK FRIDAY”, UN GIORNO DI PRODIGIOSI AFFARI.

In occasione del fenomeno Black Friday in programma il 27 Novembre 2020, l’azienda Stock Napoli lancerà il proprio STOCK FRIDAY con una imperdibile giornata di sconti fino al 70% sui suoi prodotti a stock e ingrosso, con capi di abbigliamento, calzature ed accessori per l’infanzia. Considerata la crisi economica che, complice l’emergenza epidemiologica, attanaglia il nostro Paese, Stock Napoli ha deciso allora di dare un forte impulso ai consumi rendendo molto accessibile l’acquisto dei prodotti. E così, il quarto venerdì di novembre, è pronta a proporre dei prezzi ineguagliabili nel mercato italiano! Per chi acquisterà e pagherà nel giorno in questione. Lo Stock Friday strizzerà l’occhio per lo più a grossisti e negozi di grande e media dimensione, attraverso i canali social e il sito www.stocknapoli.com.  Agendo sul canale distributivo con la leva del prezzo renderà possibile, in ultima istanza, un grosso vantaggio per l’acquirente finale. “Attraversiamo un momento storico particolare ed è nostro dovere dare una mano ai commercianti – afferma Francesco Carrese, responsabile marketing e portavoce di Stock Napoli – Siamo disposti a ridurre i nostri utili per dare manforte alle altre attività. Siamo convinti che insieme ne usciremo” Stock Napoli è una giovane azienda partenopea a carattere familiare gestita dai fratelli Carrese, ovvero Raffaele, Francesco e Antonio. Nata nel 2016, è la prima azienda di stoccaggio e vendita merci in Italia a prezzi molto ridotti rispetto alla media nazionale. Stock Napoli acquista le sue merci attraverso aste doganali o da rimanenze di imprese italiane e europee. In futuro mira ad affermarsi anche sul mercato internazionale. È presente in rete su diversi social network, da Facebook a Instagram fino a LinkedIn.

... continua la lettura
Comunicati stampa

3D Magazine speciale #Etico: #laculturanonsiferma

«#laculturanonsiferma» è l’hashtag scelto da 3D Magazine. Lasciati contagiare dal desiderio di scoprire, di imparare. La curiosità e la conoscenza non conoscono né ostacoli né distanza. Issue 21 arriva a domicilio, per coloro che ne faranno richiesta sul sito del giornale (www.magazine3d.it), omaggiato da E.Marinella, Di Gennaro Spa, R.As.Rischi Assicurativi S.r.l. Il messaggio del nuovo numero di 3D Magazine #Etico, disponibile sul sito della rivista dal 3 novembre, è contro ogni forma di razzismo e in favore della bellezza in tutte le sue sfumature. Il leitmotiv di Issue 21 è ETICO. Lo scopo è raccontare il genere umano, attraverso gli occhi del fotografo Oliviero Toscani, che in giro per il mondo ha immortalato i volti dell’umanità, i collage di Uğur Gallenkuş, che mostrano le disuguaglianze nel nostro pianeta e le atrocità di cui l’essere umano può essere capace. L’obiettivo è descrivere i nuovi modelli di bellezza contemporanei che hanno stravolto e rivoluzionato la passerella celebrando il body positivity, il movimento che mette al bando il body shaming, ovvero ogni forma di bullismo contro il corpo e le sue forme. È un punto di arrivo che vede il corpo non più legato a schemi, a regole di perfezione assoluta e che scopre, affronta ed esalta, un nuovo concetto di bellezza. «Per il numero 21 di #3D Magazine abbiamo intervistato Zoe Proctor e Laura Johnsons le fondatrici di  Zebedee Management, l’agenzia che rappresenta modelli con disabilità come Ellie Goldstein il volto della campagna beauty di Gucci, per riflettere sul tema della Body Positivity e sulle implicazioni del concetto canonico di bellezza, su come sia cambiato e il nuovo rapporto con il nostro corpo», dichiara il direttore di 3D Magazine Valentina Nasso. «Abbiamo voluto raccontare l’attenzione per l’ambiente, la sostenibilità, l’inclusione nella moda, l’economia circolare, attraverso la storia di brand che credono in un futuro green come Vivienne Westwood, Lush, Desserto, BAV TAiLOR. Come E. Marinella, da oltre cento anni il re dell’alta sartoria napoletana, con la sua limited edition ecosostenibile di cravatte “Centocique”. L’impegno di Di Gennaro Spa per il recupero e la riqualificazione dei materiali di scarto e della loro seconda vita». Il concetto di inclusione si declina nel racconto di integrazione dei ragazzi dell’associazione sportiva Tam Tam Basketball di Castel Volturno, figli di immigrati nigeriani, ghanesi e beninesi, ai quali è stato a lungo precluso disputare il campionato federale; l’intervista ad Annalaura di Luggo e la sua fotografia dell’iride che cattura l’anima; il processo etico di estrazione dei diamanti; l’architettura sostenibile che progetta e costruisce soluzioni abitative per limitare l’impatto ambientale; il futuro della sostenibilità attraverso l’arte con l’architetto e performer argentino Tomás Saraceno. Nel nuovo numero di 3D Magazine la storia di solidarietà che ha come protagonista lo chef stellato Vikas Khanna, che durante la pandemia di Covid-19 ha creato una rete di supporto per i bisognosi in India e i sapori della cucina stellata vista Colosseo dello chef Giuseppe Di Iorio. La cultura si veste di poesia e di arte nell’editoriale fotografico del fashion editor Raimondo Rossi: tre […]

... continua la lettura