Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Servizi sms a pagamento. Come difendersi

Da pochi giorni alcuni servizi che sono stati sempre sfruttati in modo completamente gratuito, sotto forma di servizi sms, sono diventati a pagamento. Moltissimi utenti non hanno provveduto a disattivare il relativo servizio e quando si vedranno addebitare i relativi costi non potranno eccepire che non c’è stata la “giusta informazione”.

Ma intanto, per vicende che almeno per il momento sono legate ad un recente passato, l’Antitrust ha aperto le indagini per verificare se effettivamente esiste la possibilità che quattro dei principali operatori (ovvero Telecom, Vodafone, Wind e H3g) abbiano svolto pratiche scorrette di mercato, addebitando costi relativi a servizi non richiesti, oppure proposti senza specificare che si trattava di servizi a pagamento, dopo un periodo di prova gratuito e non.

Le segnalazioni sono state fatte direttamente dagli utenti che si sono sentiti colpiti nella fiducia e nel portafogli da questi comportamenti, all’associazione dei consumatori Codacons che, a sua volta, ha esposto la questione all’antitrust, preparando anche la modulistica necessaria per poter aderire all’azione legale necessaria a recuperare i costi pagati e non dovuti. I fatti risalirebbero al periodo che va dal dicembre 2012 al giugno 2014 (Telecom Italia), dell’ottobre 2013 al giugno 2014 (Vodafone), dall’ottobre 2013 al maggio 2014 (Wind) da maggio 2013 a giugno 2014 (H3G).

Le indagini dell’Autorità garante “della concorrenza e del mercato” procedono, ma intanto torna in evidenza, come detto, un problema che continua a creare disguidi e esborsi che si sfaldano sulla questione della “scelta consapevole” del tipo di servizio ottenuto, rispetto a quello offerto, e della certezza dei prezzi applicati. Purtroppo non si tratterà certamente dell’ultima volta in cui verrà sollevato il malcontento degli utenti di un servizio ‘a rischio’ come quello della telefonia sia fissa che mobile, ma per evitare di ritrovarsi tra questi basterà seguire i consigli degli esperti che ricordano delle semplicissime regole e cioè:

  • l’offerta Adsl (solo traffico dati o anche voce) ricevuta deve essere chiara, e nel caso si tratti di una proposta non richiesta, non deve spingere ad una sottoscrizione immediata (nonostante le pressanti sollecitazioni bisogna sempre leggere con attenzione la proposta precontrattuale);
  • non bisogna farsi conquistare dal fascino delle proposte che “con qualche euro in più” promettono un trattamento premium, ma se si sceglie una tariffa all inclusive ci si deve accertare che contenga ciò di cui si ha veramente bisogno eliminando tutto ciò che è superfluo;
  • nel caso di servizi gratuiti in prova, bisogna ricordare di disattivarli pressoché immediatamente e comunque senza aspettare la scadenza della data in cui dovrà essere esercitata la disattivazione stessa, dato che i due terzi degli utenti (secondo i dati ufficiali) normalmente non provvede in tempo alla sospensione dei servizi succitati.

 

Jundra Elce