Seguici e condividi:

Eroica Fenice

fontana di trevi

La Fontana di Trevi restaurata

Imbattersi nella meravigliosa Fontana di Trevi mentre si percorrono le strade della Capitale, è per gli occhi di chi l’ammira uno spettacolo suggestivo ed indimenticabile. La fontana, fresca di restauro, appare di un bianco limpido e luminoso, che incornicia in maniera ancor più scenografica la già di per sé incantevole Piazza di Trevi.

La storia della realizzazione della spettacolare Fontana di Trevi va di pari passo con quella della costruzione dell’acquedotto Vergine, il più antico di Roma, l’unico che non ha mai smesso di fornire acqua alla città dall’epoca dell’imperatore Augusto fino ai giorni nostri. Fu proprio il genero dell’imperatore Augusto, Agrippa, a far arrivare l’acqua corrente fino al Pantheon ed alle sue terme proprio grazie alla costruzione dell’acquedotto Vergine, il cui nome sarebbe stato ad esso dato dallo stesso Agrippa in ricordo di una fanciulla (Virgo) che indicò il luogo nel quale si trovavano le sorgenti ai soldati che ne andavano in cerca.

Le vicende storiche legate all’edificazione della Fontana sono strettamente connesse non solo a quelle dell’avvicendarsi dei Papi a Roma, ma anche al succedersi degli architetti e scultori quali Leon Battista Alberti, Gian Lorenzo Bernini, Carlo Fontana, Nicola Salvi e Giuseppe Pannini di volta in volta nominati dai Papi per abbellire o modificare l’aspetto della Fontana stessa e dell’antistante Piazza di Trevi.

Il tema della scultura della Fontana di Trevi, meravigliosamente incastonata su Palazzo Poli, è il mare

La scenografia è dominata da un cocchio a forma di conchiglia sul quale è adagiata la grande statua di Oceano, opera di Pietro Bracci, affiancata nelle nicchie laterali dalle statue della Salubrità e dell’Abbondanza, entrambe realizzate da Filippo della Valle; il cocchio è trainato da cavallucci marini, a loro volta preceduti da tritoni. Nella fontana, scultura e architettura barocca si compenetrano e si fondono perfettamente, dando vita ad un suggestivo spettacolo acquatico scandito dal suono piacevolissimo dello scorrere dell’acqua che confluisce nell’enorme vasca ovale.

Dopo un intervento di restauro avvenuto a cavallo degli anni 1989-1991, la Fontana di Trevi è stata profondamente ristrutturata nel 1998 quando, oltre ad un ripristino della facciata, è stato ammodernato e sistemato anche l’impianto idraulico ad essa sottostante. L’ultimo e definitivo rifacimento è avvenuto grazie ai contributi della prestigiosa casa di moda Fendi e si è concluso il 3 novembre 2015 quando, con una spettacolare inaugurazione, la Fontana di Trevi è restituita in tutto il suo splendore alla città.

Appare quasi  scontato sottolineare che Roma trabocchi di bellezza ad ogni angolo di strada e che un pezzo della sua storia, nonchè una delle sue fontane simbolo, segua di pari passo questo felice destino. Il restauro appena ultimato, però, le conferisce uno splendore nuovo, vivido, scenografico ed impattante, grazie anche ad una sapiente illuminazione notturna. Infatti, con il calar della sera, la Fontana di Trevi acquista un fascino speciale: se si ha la fortuna di incappare dinanzi ad essa in un tardo pomeriggio dal cielo terso color blu cobalto in contrasto con il candore della facciata e con il verde mare dell’acqua della vasca, l’impatto cromatico sarà indimenticabile.

Provare a gettare una monetina nella Fontana di Trevi dandole le spalle per propiziare un nuovo ritorno a Roma, o scattare una semplice foto è un’impresa alquanto ardua in qualsiasi stagione dell’anno, data l’imponente mole di turisti che qui stazionano costantemente tra un selfie, una foto di gruppo e le spiegazioni delle guide turistiche. In questo piacevole caos costituito dal suono dello scorrere dell’acqua e dal viavai di persone, sembrerà di udire una voce femminile urlare “Marcello, come here !”; oppure si spererà di incrociare un impettito signore intento a vendere la Fontana di Trevi ad un ingenuo potenziale acquirente. Ma tutto ciò è normale: si è semplicemente immersi nell’atmosfera magica ed evocativa che solo Roma e la Fontana di Trevi sanno donare.

Print Friendly, PDF & Email