Bastavamo a far ridere le mosche alla Sala Assoli

Bastavamo a far ridere le moscheÈ Sergio Longobardi e la sua opera “Bastavamo a far ridere le mosche” a presenziare la Sala Assoli nelle serate del 9, 10 e 11 ottobre.

Viaggiare stando fermi attraverso il racconto.
Un clown e il rapporto col padre, un uomo che ha fatto della fantasia il suo lavoro e una realtà che si rifiuta di considerare tutto ciò che non è già previsto, ulteriormente possibile. Varie storie si avvicendano sulla scena soggiornando nel corpo di un solo uomo.

Bastavamo a far ridere le mosche: ridere o non ridere, questo è il dilemma. 

La gente si vuole divertire.
Conta veramente poco per loro chi ha davanti, cosa nel suo percorso esistenziale abbia fatto o che tipo di persona sia stata prima di arrivare ad essere ciò che gli appare in quel frangente.
Quel che conta è la risata. Tutto il resto, la vita intera, è solo preparazione ad essa.
Il pubblico e l’umanità prediligono chi sa mostrargli il lato comico di un orrore e non è assolutamente disposta a perdonare quando si tenta di indurli al pensiero con l’ironia.
Seguendo questa scia, ruotano come satelliti intorno a chiunque sia capace di provocargli la corretta digestione dei mali del mondo senza costringerli ad una riflessione ed elegge, per merito diretto, costoro a rappresentanti, in cambio della tacita promessa di non apparire mai addolorati, tristi o soli.
Ma cosa fanno quando nessuno li osserva?
È questa l’immagine impressa col proprio corpo sul palco della Sala Assoli da Sergio Longobardi col suo “Bastavamo a far ridere le mosche”, la possibilità di osservare da fuori ciò che avviene dentro.
Un’ora scarna di dialogo intimistico, in cui l’uomo e la sua maschera si raccontano insieme mostrando d’essere un’unica cosa e lo spettatore pagante osserva e ascolta in silenzio, senza neanche immaginare la grande bivalenza del suo ruolo.
È in quel preciso istante ospite e padrone della serata, poiché il clown, per natura, è variforme e muta a seconda di ciò che i loro occhi riflettono nel guardarlo. 
Mentre si spoglia dei suoi abiti e di se stesso nel suo monologo o mentre legge scientifici bollettini meteorologici, qualcuno tra le file al buio cerca la risata con forza, andandosele a cercare persino negli angoli più reconditi e dove, forse, nemmeno l’autore avrebbe mai pensato di andare a controllare. Mostrando a tutti quanto conti veramente poco il buffone sul palco, ma contino la sua prevista immagine mentale e il suo dovere, affibbiato non si sa bene da chi, di dover concedere respiro persino dove si soffoca.
Sta proprio qui la rivoluzione dell’ordine, in questo naso con attorno carne umana e nella sua capacità di rendere assolutamente nulla l’opinione del pubblico. 
Non sono previsti saltimbanco sul palco, bensì una maschera, una persona e la sua vita e nel mostrarle a tutti si anela il diritto di non far ridere proprio nessuno.
Facendo poi così onore al suo ruolo più che mai, poiché, si sa, la battuta migliore è proprio quella che non si aspetta.

A proposito di Gennaro Esposito

Iscritto a Lettere Moderne, decide di abbandonare gli studi umanistici per l’ Università della Strada. Segue da qualche tempo i corsi di Marketing della Nocciolina Zuccherata. Alcune voci lo vogliono a La Repubblica, altre, invece, parlano di una sua assunzione a Il Fatto Quotidiano. Lui assicura di star seguendo una terapia psicofarmacologica per farle smettere del tutto.

Vedi tutti gli articoli di Gennaro Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *