Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Bentornata Piedigrotta IV edizione al Teatro Augusteo

All’Augusteo sabato 22 e domenica 23 settembre è andata in scena la quarta edizione di Bentornata Piedigrotta, spettacolo musicale che in tre ore e poco più ripercorre tutte le tappe più significative del patrimonio musicale napoletano. L’idea è di Leonardo Ippolito e il titolo evoca chiaramente l’antichissima Festa di Piedigrotta, che si svolgeva in onore della nascita della Vergine Maria avvenuta nella notte tra il 7 e l’8 settembre. In tale occasione i carri sfilavano accompagnati da orchestrine di chitarre e mandolini, i palazzi venivano riccamente addobbati a festa e, addirittura, tra le numerose canzoni che venivano presentate se ne sceglievano cinque o sei tra le più belle per decretarle vincitrici.

Bentornata Piedigrotta, la IV edizione

Come i colori della festa un tempo spadroneggiavano sullo sfondo dei palazzi in festa, così anche sul palcoscenico le mille luci insieme ai vestiti sgargianti delle donne ci trasportano in un’atmosfera antica, che odora di nostalgia, di sigarette di contrabbando e pizze vendute a poco prezzo nei vicoli della città.

Molteplici sono gli interpreti che si alternano in scena, tra canti e balli: corde vocali che risuonano direttamente dalle viscere del suolo napoletano, plasmato non solo da lava e cemento, ma anche dalla sinfonia antica dell’anima. Dal repertorio classico, come ‘O Sole Mio, passando per la sceneggiata napoletana in cui amicizie finite male e amori struggenti prendono alla pancia anche l’ascoltatore più insensibile, finendo alle canzonette più recenti, ci si ricorda inevitabilmente di nomi come Salvatore di Giacomo, Libero Bovio, Roberto Bracco ed Ernesto Murolo, tutti artisti che hanno contribuito a rendere famosa la canzone napoletana nel mondo.

Sapientemente Leonardo Ippolito è riuscito ad allestire uno spettacolo che per magia unisce il pubblico e gli attori: è impossibile resistere per alcuni, si cantano bisbigliando non solo canzoni, ma anche la propria infanzia e i propri ricordi e si ritorna così, per la durata di tre minuti, a quando si era bambini. Una partecipazione accorata, che fa battere le mani a ritmo e alla quale non possono sfuggire nemmeno i più giovani, divertiti e affascinati dall’allegria o commossi per la tristezza di alcune sceneggiate.

I protagonisti della scena sono Lello Pirone e Natalia Cretella con interventi di Ciro Capano e Salvatore Meola. E poi, in ordine di apparizione: Carla Buonerba, Umberto del Prete, Francesca di Tolla, Giampietro Ianneo, Salvatore Imparato, Carlo Liccardo, Nadia Pepe, Lucrezia Raimondi Sciotti, Marilù Russo, Luca Sorrentino e Daniela Sponzilli.

Impossibile, infine, non ricordare la direzione musicale del Maestro Ginetto Ferrara.

 

Print Friendly, PDF & Email