Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Break on Through

Break on Through: la storia di Jim Morrison al Tram

Tra dischi in vinile, luci psichedeliche e poesie su fogli stropicciati si svolge Break on Through, il nuovo spettacolo teatrale messo in scena al Teatro TRAM di Napoli dal 29 al 31 Marzo, scritto da Bruno Barone e Valerio Bruner, con gli attori Amanda Sanni e Bruno Barone.
In Break on Through si narrano le fasi più significative della vita di Jim Morrison, poeta e cantante del gruppo rock statunitense The doors. La scenografia dello spettacolo spinge il pubblico ad immergersi nella vita e prospettiva del famoso frontman nella sua tridimensionalità, grazie anche alla ricerca di interazione da parte degli attori. Nella rappresentazione non viene solo raccontato il personaggio nella figura di rockstar, associato alle influenze della rivoluzione culturale degli anni’60, ma vengono messi in rilievo in una chiave di lettura umana, le fragilità, i fantasmi e le visioni che perseguitano la persona Jim Morrison.

Break on Through, fama e fantasmi

Il Jim Morrison di Break on Through si confronta dall’inizio della sua vita fino alla fine con le voci fuori campo che si identificano in personaggi sempre diversi, partendo dalla voce del padre con il quale ha un conflitto, poi quella della sua ragazza storica Pamela Courson, la voce dei giornalisti, poi quella dei suoi colleghi della band The doors. Questo insieme di voci risuonano ridondati talvolta nella mente tormentata di Morrison alle quali lui cerca di sfuggire.

Per non parlare dell’eco delle sue ossessioni, in particolare quella della morte, che lo perseguiterà per tutta la vita in seguito a un evento: era il 1947 quando Jim Morrison, che aveva all’incirca quattro anni, era in viaggio con la sua famiglia e mentre attraversavano il deserto, egli vide degli indiani sparpagliati e moribondi per terra a causa di un incidente. L’accaduto ha inciso molto sulla sua vita, tant’è che lui si sentiva, da quel momento legato allo spirito di uno sciamano. Altra figura peculiare è quella di Pam, definita ”musa”, alla quale infatti molto spesso l’artista si ispira, è la donna che lo accompagnerà fino alla morte. La loro relazione è caratterizzata dall’incapacità di trovare un equilibrio, un amore che vive negli eccessi, il che non potrebbe essere altrimenti, per due personaggi così controversi.
Tra i simbolismi e le immagini oniriche si alternano gli esordi del cantante sul palco in cui avviene una trasformazione, da un animo fragile segue uno spirito rivoluzionario al contempo profondo, impegnato ad esortare il pubblico ad abbattere gli schemi sociali, è questo il messaggio che sta molto a cuore a Jim Morrison, soprattutto nella sua poetica. Nella rappresentazione teatrale infatti predomina la sua figura poeta affascinato dalla cultura classica e dalle figure mitologiche, che sono state il risultato di influenze di letture giovanili come quelle di Nietzsche e Rimbaud, in cui risale l’importanza di trasgredire le regole morali a favore della scoperta della vera natura dell’uomo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *