Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Il cacciatore

Il Cacciatore e la Regina di ghiaccio

Il cacciatore e la Regina di ghiaccio (qui il trailer), diretto da Cedric Nicolas-Troyan, è nelle sale dal 6 aprile. Il film è un prequel ma anche un sequel del precedente Biancaneve e il cacciatore uscito nelle sale italiane nel 2012.

Ritornano Ravenna (una bellissima Charlize Theron): la malvagia regina ossessionata dall’essere la più bella di tutto il reame ed Eric (Chris Hemsworth): il cacciatore che nel film precedente aveva aiutato Biancaneve a sconfiggere Ravenna. Biancaneve non figura tra i protagonisti ma viene solo menzionata per esigenze di narrazione.

Ma facciamo un passo indietro… o avanti!

Biancaneve e il cacciatore

Nel film del 2012 vediamo il cacciatore Eric, ancora addolorato per la morte del suo unico amore, ingaggiato da Ravenna per trovare Biancaneve (Kristen Stewart) ed ucciderla per continuare ad essere lei la più bella di tutto il reame.  Eric, invece, finisce per aiutare la fanciulla a sconfiggere la regina cattiva.

Il cacciatore e la regina di ghiaccio: la trama

Nella prima parte del film abbiamo il prequel del precedente e appare un nuovo personaggio: Freja (un’impeccabile Emily Blunt), la sorella buona e innocente di Ravenna che, in seguito al dolore per l’uccisione di sua figlia da poco nata, scopre il potere di ghiacciare ciò che la circonda e si rifugia nelle Terre del Nord dove in un maestoso castello regna come la Regina di giaccio. Fa rapire dai suoi uomini i bambini dei villaggi circostanti per addestrarli a combattere e poter conquistare tutte le Terre del Nord, tra questi ci sono Eric, il futuro cacciatore e Sara (da adulta interpretata dalla bella Jessica Chastain). I due, una volta cresciuti, si innamorano e si sposano in segreto, violando la legge principale che la regina aveva imposto: non lasciarsi andare ad alcun tipo di sentimento. Quando vengono scoperti Freja fa in modo di separarli.

La seconda parte del film rappresenta il sequel: sette anni dopo la storia di Biancaneve e il cacciatore, Eric viene ingaggiato dai soldati di Biancaneve per ritrovare lo specchio magico di Ravenna che è stato rubato ed evitare che finisca in mani sbagliate. Qui compare Sara nei panni dell’eroina combattiva e grintosa creduta morta da Eric, a causa di un inganno di Freja. I due, che non hanno mai smesso di amarsi, uniscono le forze per sconfiggere Ravenna e Freja.

Qualcuno ha detto che il regista ha messo insieme un’accozzaglia di cose prese qua e là: Frozen, il potere seducente e malvagio dello specchio che richiama quello dell’anello della celebre trilogia di Peter Jackson, Hunger Games, per il ruolo della bellicosa Sara.

Sì, probabilmente è così. Si può aggiungere anche che nel film del 2012 il cacciatore riesce a svegliare Biancaneve dal sonno eterno grazie al bacio del vero amore, invece qui non regna al fianco della principessa. Una discrepanza sicuramente evidente per chi ha visto la storia precedente. Ma credo che lo scopo del film sia un altro: Omnia vincit amor et nos cedamus amori, diceva Virgilio.

L’amore vince su tutto, sempre. Questo ci hanno sempre insegnato le favole. Questo ci vuole insegnare Il cacciatore e la Regina di ghiaccio.