Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Macchianera Internet Awards: chi ha vinto gli Oscar del web del 2018?

Macchianera Internet Awards: chi ha vinto gli Oscar del web del 2018?

Sabato 10 novembre, nell’ambito del programma della Festa della Reste, sono stati assegnati i Macchianera Internet Awards. Ecco chi ha vinto, come e perché.

 

Il web che ti meriti” questo il claim dell’edizione 2018 della Festa della Rete, manifestazione, nata a Milano nel 2005, nell’ambito della quale vengono assegnati i Macchianera Internet Awards.

La festa della rete a Perugia

Considerati oggi il premio più prestigioso della Rete italiana tanto da essere soprannominati “Oscar del web“, i Macchianera Internet Awards 2018 hanno premiato i migliori siti e blog, ma anche youtuber, influencer, community, pagine social, giornalisti o – più in generale – divulgatori digitali.

La premiazione ufficiale (con tanto di consegna premi e cerimonia) si è tenuta sabato 10 novembre 2018 presso l’Auditorium S. Francesco al Prato di Perugia.

La scelta del capoluogo umbro non è casuale in quanto la città è protagonista di un progetto che vedrà, nei prossimi mesi, la copertura della linea fibra per oltre l’80% del territorio. Progetto che – come il patrocinio della Regione Umbria e del Comune di Perugia alle due importanti manifestazioni – dimostra la sensibilità delle istituzioni al progresso digitale e a tutti i temi ad esso connessi.

Festa della rete

Dal 9 all’11 novembre, Perugia ha quindi ospitato una serie di presentazioni, mostre, incontri e workshop legati alla blogosfera. Dal movimento #metoo al fenomeno delle fake news, dal self-branding all’intelligenza artificiale. Tanti gli argomenti e tanti gli ospiti.

L’evento più atteso della Festa della Rete era però, senza dubbio, l’assegnazione dei 34 Macchianera Internet Awards. Tante erano infatti i premi corrispondenti alle 34 categorie di una competizione in cui l’internauta è stato chiamato a partecipare fin dalla candidatura dei siti. La cerimonia è stata condotta da Gianluca Gozzoli.

Come si candida un sito ai Macchianera Internet Awards?

Ogni anno Macchianera, blog fondato da Gianluca Neri (celebre per le esperienze con Cuore e con Clarence, rispettivamente periodico satirico e uno dei primi portali italiani), chiede di segnalare quali sono i migliori siti e personaggi dell’anno. Offre pertanto un’occasione per dare supporto ai siti e ai personaggi più popolari e più seguiti. In base alle candidature viene poi stilata una lista di 10 nominati per categoria. Quest’anno è stato possibile esprimere una candidatura fino all’ 8 settembre 2018. 

Come si vota un sito ai Macchianera Internet Awards?

Per i migliori del 2018 è stato possibile votare fino a martedì 6 novembre tramite un apposito form che era possibile trovare sul sito Macchianera ma anche all’interno degli stessi blog candidati. Per far sì che il proprio voto fosse valido, era necessario votare per almeno 8 categorie a libera scelta.  A scegliere i vincitori sono stati quasi tre milioni gli internauti e il voto del pubblico non è stato “corretto” da nessuna giuria.

Chi ha vinto i Macchianera Internet Awards 2018?

Salvatore Aranzulla

Ad aggiudicarsi il riconoscimento per Il miglior sito (con un totale di 27.017 voti) è stato l’uomo dalle mille risposte: Salvatore Aranzulla, divulgatore informatico nonché fondatore di uno dei 30 siti più visitati d’Italia. Il guru del web ai MIA del 2017 arrivò secondo staccandosi di parecchi voti da Lercio.

Lercio

Quest’ultimo ai Macchianera Internet Awards 2018 si è invece aggiudicato il premio di Miglior Sito di Satira (con 39.603 voti e davanti a il Signor Distruggere e Spinoza). Al gruppo di Lercio e in particolare a Vittorio Lattanzi, con 16.878 voti, anche il premio per La miglior battuta: “Rimini, la Isoardi va troppo al largo col pedalò e Salvini le nega i soccorsi”.

Roberto Burioni

Premiato come Miglior personaggio dalla Regione Umbria e con 36.139 voti è Roberto Burioni. Complice anche il grande dibattito sulla questione dei vaccini, in cui il medico ed accademico italiano si è speso anche attraverso i post della sua pagina fb, pur non avendo un vero e proprio sito, si aggiudica anche il titolo di Miglior Sito Divulgativo.

Chiara Ferragni  e #TheFerragnez

Se la medicina ha battuto nella sezione Miglior personaggio persino la moda in cui ad aggiudicarsi la medaglia d’argento è stata Chiara Ferragni, la fashion blogger più famosa d’Italia  – non a sorpresa – primeggia nella categoria Instagrammer (con 49.712 voti e seguita dal marito Fedez).  Insieme, i due, hanno poi vinto anche per la categoria Miglior Hashtag, con #TheFerragnez lanciato in occasione del loro matrimonio

Clio MakeUp

Tuttavia, batte ancora una volta The Blonde Salad nella categoria Miglior Sito Fashion & Beauty la guru del trucco Clio MakeUp (con 33.039 voti).

Gianluca Fru e The Jackal

Personaggio rivelazione dell’anno (con 36.170 voti) è, poi, Gianluca Fru, membro dei The Jackal. A tutto il gruppo, meritevole di aver portato l’ironia made in Naples anche oltre regione, va il premio del Miglior creator e videomaker (con 34.236 voti).

Fotografie segnanti, Commenti memorabili e Sofia Viscardi 

Restando nel mondo dei social network: nella sezione Community ad avere la meglio è stato Fotografie segnanti (24.986 voti); su Facebook Commenti memorabili (21.570 voti); su Twitter Sofia Viscardi.  La youtuber e autrice di Succede, bestseller edito da Mondadori, ha avuto la meglio a soli 19 anni sui tweet di personaggi anche più noti come Frank Matano e Roberto Saviano.

Radio Deejay, Deejay Chiama Italia e il podcast Da Costa a Costa

Per quanto riguarda la musica: Rolling Stone si aggiudica (con 29.178 voti) il premio come Miglior sito musicale; Radio Deejay (24.916) il premio come miglior radio; Deejay Chiama Italia (20.618), a migliore trasmissione radiofonica.  Nella categoria di miglior radio o podcast online c’è poi spazio anche per la politica, quella americana raccontata dal giornalista Francesco Costa nel suo Da Costa a Costa (6.866 voti).

4 Ristoranti, Netflix, ItalianSubs, Mymovies

Per quanto riguarda l’audiovisivo, se guardiamo nello specifico alla trasmissione televisiva è 4 Ristoranti che va in onda sulla alla televisione classica, seppur satellitare, SkyUno ad aver la meglio (con 27.423 voti) su E poi c’è Cattelan e Ulisse il piacere della scoperta.  Nella categoria miglior canale, invece, non poteva che stravincere (con 76.634 voti) la libertà di scelta che permette Netflix (seguita da Tv8 e Rai Play). Con i suoi 24.200 voti, precede Tvblog, e Davide Maggio come Miglior sito televisivo: ItalianSubs. Mymovies è invece il miglior sito cinematografico, con 22.865 voti.

La Repubblica, Breaking Italy, Selvaggia Lucarelli

Per quanto riguarda l’informazione: Miglior sito di news è La Repubblica con 26.198 voti, (seguito dai pure player Il Post e Valigia Blu). Breaking Italy invece è vincitore nella categoria Miglior sito politico d’opinione, con 20.294 voti, battendo L’intellettuale dissidente e Qualcosa di sinistra. Firmato da Selvaggia Lucarelli e intitolato ‘La muta’ è invece, con 21.570 voti, il Miglior articolo o post.

Giallo Zafferano, Benedetta Rossi, Turisti per caso, Nicolò Balini

Per quanto riguarda il cibo: nella categoria Miglior Sito Food ha vinto con 50.252 voti Giallo Zafferano; Nella categoria Miglior foodblogger, ad aggiudicarsi il premio è stata invece Benedetta Rossi, con 17.443 voti. Il food media può contare su 14 milioni di utenti unici sul web e oltre 6 milioni di fan su Facebook, ma non se la cava male nemmeno il sito personale di ricette Fatto in casa da Benedetta.

Per quanto riguarda i viaggi: nella categoria Miglior sito di viaggi vince Turisti per caso con 18.442 voti; nella sezione Miglior travel blogger Nicolò Balini con 26.475 voti.

Tegamini, the Pozzoli’s Family, LGBT Italia, Amazon, We are social

Vince su Libreriamo e L’Angolo dei libri come Miglior Sito Letterario: Tegamini (15.218 voti). Nella categoria Miglior Sito per Genitori e Bambini invece, ha la meglio la la sgangherata the Pozzoli’s Family (40.476 voti).  LGBT Italia si è invece aggiudicato il premio come Miglior Sito LGBT (10.420 voti). Premiati anche Amazon e We are social, rispettivamente Miglior Brand online con 37.129 voti e Miglior web agency italiana con 9.843 voti.

Zerocalcare

Eletto Miglior Disegnatore, con 26.480 voti, Michele Rech meglio noto con lo pseudonimo di Zerocalcare.

Vittorio Zambardino, Roberto Grassilli, Letizia Palmisano, A Pechino Col Pandino

Infine, sono stati consegnati dei premi speciali: il Premio Carriera al giornalista Vittorio Zambardino e all’illustratore Roberto Grassilli; il Premio Speciale Enel – Economia Circolare 2018 alla giornalista ambientale e “green” e social media manager; il Premio Speciale Europ Assistance A Pechino Col Pandino, il viaggio-impresa diventato virale sui social network.