Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Viaggio inverso

Viaggio inverso di Vito Pinto, voci sulla costiera amalfitana

Viaggio inverso, Letterati, artisti e dive sulla Costa d’Amalfi è un libro scritto da Vito Pinto ed edito da Graus editore, per la collana Personaggi. Esso si presenta come una “scelta” di articoli giornalistici scritti dallo stesso Pinto e raccolti poi all’interno dell’omonimo libro.

Il libro Viaggio inverso

Viaggio inverso, Letterati, artisti e dive sulla Costa d’Amalfi, è un testo che si presenta come un insieme di storie, di frammenti di vita, di vari personaggi famosi, legate insieme dal filo comune del luogo ove quelle storie si incontrano: la costiera amalfitana. Si susseguono così, come fossero grani di una clessidra che scorre al contrario nel tempo, dal presente del testo al passato delle storie narrate, frammenti di vita di vari personaggi.

Si legge, ad esempio, di Riccardo Bacchelli, e del suo rapporto con la città di Positano, con il suo silenzio: «[…] quando a notte il mare assai pescoso, e ferace di totani, si popola di barche, il silenzio di Positano risale i secoli»; si legge di Eduardo De Filippo, e del suo rapporto d’amicizia con Cesare Feraboli, del ristorante “La buca”: «Una volta dall’America mi inviò una cartolina che diceva “qui si starebbe veramente bene se ci fossi tu e il tuo ristorante”»; e si narra ancora di Maurits Cornelis Escher, di cui, riportando Vito Pinto un pensiero di Willem van der Ham ricorda: «Il paradiso terrestre, ciò che di più si avvicina al suo senso di infinità, Escher lo scoprì nel Sud d’Italia e soprattutto sulla Costiera Amalfitana»; di Anna Magnani, e degli aneddoti legati alle riprese de Il miracolo, episodio della pellicola Amore, e girato nel fiordo di Furore; di Salvatore Quasimodo, e del suo rapporto idillico con Amalfi: «Qui è il giardino che cerchiamo sempre e inutilmente dopo i luoghi perfetti dell’infanzia. Una memoria che avviene tangibile sopra gli abissi del mare».

Queste ed altre le storie ripercorse nel libro Viaggio inverso, Letterati, artisti e dive sulla Costa d’Amalfi, una galleria, quindi, di personaggi, letterati, artisti e dive, come scritto nel sottotitolo del libro nella quale la costiera amalfitana da sfondo assorto e silenzioso pare divenire comprimario “fondamentale” e “attivo” della storia e della vita stessa di chi l’ha popolata. Uno stile discorsivo, un elenco di brevi biografie da leggere e da comprendere nei loro stretti ed imprescindibili rapporti con i luoghi della costiera che quelle vite hanno ospitato, in una malia di affascinanti ricordi e sogni ideali, verso cui librare l’anima e sollevarla dagli affanni.

Personalità del mondo dello spettacolo, dell’arte, della letteratura, aneddoti, piccoli frammenti di vita sociale e privata, quindi, riecheggiano in Viaggio inverso, Letterati, artisti e dive sulla Costa d’Amalfi  in un libro che incrocia parole, immagini, e voci di un “passato prossimo”, sullo sfondo della costiera amalfitana.

Print Friendly, PDF & Email