Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Il Cartastorie: un hub culturale con NarteA

Hub culturale con NarteA: ilCartastorie

ilCartastorie con la collaborazione della Fondazione dell’Archivio Storico del Banco di Napoli e l’Associazione culturale Nartea, nasce per il desiderio di valorizzare l’enorme patrimonio di storie e personaggi custodito nelle scritture degli antichi banchi pubblici napoletani. Da oggi diventa anche un hub culturale, fondato su testimonianze che diventano ispirazione per le storie raccontate.

L’Archivio Storico custodisce, nelle sue circa 330 stanze, nascoste tra torri di carta, decine di migliaia di storie. Sono circa ottanta chilometri di scaffalature, diciassette milioni di nomi, centinaia di migliaia di pagamenti e altrettante dettagliate causali, dal 1500 circa ad oggi.

Il Museo immerge i suoi visitatori nelle storie dell’archivio, raccontando i volti, le voci degli antichi giornali di cassa e i libri maggiori, una storia che quasi prende vita tra gli altissimi scaffali. ilCartastorie è, quindi, un’esperienza museale a 360°. Le sue storie sono adattate a diversi canali di comunicazione, dalle installazioni interattive a quelle sonore.

ilCartastorie un hub culturale grazie all’esperienza museale Kaleidos

Ma non è solo un percorso multimediale, l’hub culturale ilCartastorie si racconta anche attraverso rappresentazioni teatrali, residenze d’artista, laboratori di scrittura creativa, storie digitali, serie di cortometraggi, e tantissime altre attività.

Il patrimonio informativo dell’Archivio Storico del Banco di Napoli è, non solo per la città di Napoli, una ricchezza storica e culturale unica che aiuta tanto la valorizzazione del territorio quanto la ri-scoperta dei numerosi tesori della città, il tutto coadiuvato dalla quantità e la qualità dei suoi documenti.

Il museo si muove con l’obiettivo di dare valore ai suoi contenuti ed alle ricerche realizzate nell’Archivio e grazie all’Archivio stesso, attraverso un processo di diffusione della cultura e conoscenze attraversando le storie al suo interno.

La Fondazione Banco di Napoli e l’Associazione culturale Nartea aprono ufficialmente il museo con visite guidate nel weekend: sabato ore 10,30-12,00 e 15,00-16,30; domenica ore 10,30-12,00, con prenotazione. Il costo del biglietto è di 5,00 € mentre il biglietto intero con la visita guidata è 7,00 €. É prevista una riduzione per i ragazzi dao 13 ai 17 anni, mentre per i bambini è garantito l’omaggio.

In più, dal 31 ottobre al 1 novembre oltre alla visita guidata è in programma il laboratorio finale sulla lavorazione della carta in cui è possibile liberare la propria fantasia.

Sono tantissimi gli appuntamenti che vedono il museo come luogo di incontro.

Il 31 ottobre, ad esempio, dalle ore 21 fino alle 24 c’è l’evento Anime Vaganti, in occasione della tradizionale celebrazione dei morti. Una visita teatralizzata tra musica, dolci tradizionali e spiriti irrequieti.

L’11 novembre alle ore 20,00 la rassegna letteraria itinerante Letters in tour che vede come protagonisti gli scrittori e giornalisti partenopei Maurizio De Giovanni, Martin Rua, Marco Perillo e Pier Luigi Razzano. Ad aprire la rassegna il giornalista Antonio Emanuele Piedimonte.

Il 29 dicembre alle ore 19,30 Gianni Valentino presenta il suo recital sonorizzato E per loro. Ci racconterà le storie degli schiavi tra il Seicento e il Settecento.

Print Friendly, PDF & Email