Natale in Finlandia, tra saune e profumo di cannella

Villaggio di Babbo Natale in Finlandia

La Finlandia – che sembra tanto lontana da noi, non solo geograficamente ma anche culturalmente – è più simile a noi di quanto immaginiamo. Infatti, le famiglie finlandesi si riuniscono insieme durante le feste, per passare del tempo insieme, mangiando e bevendo, e scambiandosi dei regali: esattamente come noi italiani. Per loro il Natale è così importante che il termine per indicare il mese di dicembre Joulukuu deriva da JouluNatale – e significa «Il mese del Natale». Come ogni paese nel mondo, anche il Natale in Finlandia, luogo d’origine di Babbo Natale, ha delle tradizioni caratterizzanti; vediamole insieme.

Babbo Natale era tradizionalmente chiamato dai finlandesi joulupukki, “caprone di Natale” o “caprone dello Yule” – la festa pagana del solstizio d’inverno – e non era per niente il simpatico omone dalla lunga barba bianca vestito di rosso: era una figura paurosa e si credeva spaventasse i bambini. Quando arrivò il Cristianesimo, che iniziò ad inglobare parti delle usanze pagane nelle loro feste, la figura dello joulupukki venne sostituito da San Nicola, per poi dara vita a Babbo Natale, come lo conosciamo oggi.

Il villaggio di Babbo Natale si trova proprio in Finlandia, a Rovaniemi. Durante questo periodo dell’anno pullula di turisti, bambini ed adulti, circa 500.000 l’anno, che non vedono l’ora di incontrarlo, di scattarsi una foto ricordo con lui e di lasciare la loro letterina all’ufficio postale, sperando che la loro richiesta venga esaudita e che, il giorno di Natale, troveranno il tanto desiderato regalo sotto l’albero.

Il Natale in Finlandia sa essere veramente speciale: le feste sono contornate da splendidi orizzonti innevati; le case sono calde, accoglienti, addobbate con le caratteristiche ghirlande di rami d’abete rosso; nell’aria si sente un dolce profumo di cannella; sulle tavole apparecchiate possiamo adocchiare il piatto tradizionale del Natale finlandese – un prosciutto cotto al forno servito con senape – oppure il joulutorttu – dolcetto natalizio, a base di confettura di prugne; e come sottofondo si può sentire la canzone Joulupukki, joulupukki – la più famosa canzone natalizia finlandese, composta da Hannikainen

Il 23 dicembre, il giorno della Piccola Vigilia, le famiglie finlandesi sono solite addobbare l’albero e decorare il pan di zenzero. Il 24 dicembre, invece, festeggiano il Natale facendo tre cose:

  • Da tradizione si fa una sauna con tutta la famiglia, dopo aver bevuto del buono Glögi – una sorta di vin brulè;
  • A mezzogiorno si uniscono per seguire in diretta tv la Dichiarazione di pace di Natale: viene letto un vecchio testo in cui si proclama che, nel giorno del Santo Natale, venga rispettata la pace tra gli abitanti della città; per poi intonare l’inno finlandese;
  • Si va a far visita ai propri parenti defunti al cimitero.

Festeggiare il Natale in Finlandia è la scelta migliore che possiate fare. E non solo perché potrete visitare il Villaggio di Babbo Natale o assistere alla spettacolare aurora boreale, ma anche perché, nella vita, si dovrebbero conoscere e assistere a tradizioni completamente diverse dalle nostre… E chissà, magari anche noi, tra qualche anno, il 24 dicembre, ci lasceremo andare ad una bellissima sauna natalizia.

Buone feste / Hyväa Joulua!

Immagine in evidenza: Pixabay

A proposito di Nadia Martorana

22 anni passati con la testa fra le nuvole, di cui 3 come studentessa di Mediazione linguistica e culturale, e se ne prospettano altri facendo le cose che più amo: scrivere, fotografare, viaggiare, sognare.

Vedi tutti gli articoli di Nadia Martorana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *