Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Tag: lockdown contiene 2 articoli

Libri

La ragazza col Genio in quarantena di M. Bonavolontà | Recensione

“La ragazza col genio in quarantena” (Booksprint Edizioni) è nelle librerie e in tutti i maggiori store on line. Scaturito dalla penna della cool hunter, imprenditrice e scrittrice Marianna Bonavolontà, l’idea del libro nasce durante il primo lockdown che da marzo ha costretto milioni di italiani all’isolamento forzato. Sotto forma di diario personale e con una buona dose di ironia, Marianna descrive quella che è stata la sua esperienza, nella quale, tuttavia, ognuno di noi può riconoscersi. La scrittura vivace ed immediata rende La ragazza col Genio in quarantena una lettura leggera e piacevole, adatta a quei momenti in cui si ha bisogno di qualcosa che ci tiri su il morale. La ragazza col genio in quarantena, una finestra sul mondo al tempo del Covid. La ragazza col genio in quarantena è il libro che tutti abbiamo pensato di scrivere durante il lungo llockdown che ha letteralmente bloccato le nostre vite: tra alti e bassi, abbiamo provato sulla nostra pelle le emozioni e le sensazioni che l’autrice descrive nel suo breve e divertente diario, in cui racconta il passaggio dall’incredulità allo sgomento, nel momento esatto in cui si è fatta strada in lei la consapevolezza che tutto stava inesorabilmente cambiando, e in peggio. Marianna racconta di come, di punto in bianco, si sia trovata praticamente rinchiusa nel suo appartamento, con la sola compagnia delle sue cagnolone e del suo amico inseparabile, il Genio. Personificazione della forza creativa della protagonista-autrice, il Genio prende vita nelle pagine del romanzo, divenendo una presenza costante e confortante, grazie alla sua ironia unita ad una certa dose di sfacciataggine. Proprio il Genio diviene figura centrale in questo racconto di sopravvivenza, tanto da gettare un’ombra di angoscia sulla protagonista, nel momento in cui egli sembra sparire, inghiottito dall’apatia e dalla mancanza di stimoli che hanno caratterizzato la quarantena. Tuttavia, nel momento cruciale, l’omaccione blu ricompare in tutto il suo splendore, a simboleggiare la ritrovata grinta di Marianna. Egli, infatti, non è altri che la voce della sua stessa creatività, un’entità quasi divina in grado di rendere tutto migliore, e di aiutarci a raggiungere ogni obiettivo. Questa spinta creativa e combattiva ci accompagna fin tanto che la si alimenta e ci si sforza di tagliare il traguardo che ci siamo scelti. Come scrive l’autrice, “La ragazza col genio” non è solo lei: tutti abbiamo dentro di noi questa forza atavica, tutti nasciamo con  un Genio che combatte con noi e, qualche volta, per noi. L’esperienza di Marianna Bonavolontà, alias La ragazza col Genio, serve da memorandum, affinché non ci dimentichiamo mai del nostro personale genio e, anche nelle situazioni apparentemente più difficili, troviamo la forza per reagire. Chi è Marianna Bonavolontà, autrice de La ragazza col Genio in quarantena Marianna Bonavolontà è una creativa, avventuriera e globe-trotter, caratteristiche sviluppate sin da piccola grazie alla passione dei genitori per l’arte e per i viaggi. Dal padre, pilota di caccia, in arte ‘’Goodwill’, eredita lo spirito wanderlust e la curiosità per la ricerca del ‘’genio’’ artistico dei luoghi. Già da bambina nei viaggi ricercava la sua […]

... continua la lettura
Riflessioni culturali

Giovani e lockdown: come intrattenersi in casa

Giovani e lockdown: in questo periodo particolarmente difficile, stare in casa è l’unica soluzione. Il problema però è trovare qualcosa da fare e scegliere tra diverse attività. Certo, nulla potrà sostituire le uscite con gli amici, le serate trascorse al bar, una pizza in compagnia. Ma esistono diverse attività piacevoli da svolgere in casa e che possano intrattenere soprattutto i più giovani. No alla movida: come intrattenere il tempo? Tra le diverse attività apprezzate e amate dai giovani, per quanto sedentarie, troviamo l’utilizzo dei videogiochi. Nonostante si possa pensare il contrario però, l’esercizio fisico sembra appassionare sempre più giovani. Una buona notizia, soprattutto perché sempre più medici affermano che proprio lo sport contribuisca ad aumentare l’autostima, e soprattutto aiuti a limitare quel senso di frustrazione che questo prolungato momento di forzato isolamento può generare. È fondamentale tra le varie cose, cercare di svolgere attività che stimolino la propria curiosità, e soprattutto che non annoino. Le stime affermano che circa una persona su cinque, nel corso delle giornate di Lockdown si dedica a hobby e attività quali bricolage e cucito, praticato anche da un numero piuttosto elevato di ragazze che sembrano apprezzarlo. Oltre alle attività da svolgere, è opportuno creare uno spazio che sia esclusivamente personale, magari arrendendolo secondo i propri gusti, con colori tenui, libri, quadri, poster, e quant’altro possa contribuire a creare un ambiente confortevole, ricordando che in ognuno di noi é nascosto un artista che aspetta solo di venire fuori. La cosiddetta e famosa “vena artistica” può espletarsi in modo semplice. Giovani e lockdown: attività da svolgere in casa Tra le tante attività con cui impiegare il tempo, un suggerimento valido è quello di imparare a suonare uno strumento da autodidatta, e magari mediante i video-tutorial presenti in rete. La musica accompagna da sempre le giornate di ragazzi e adulti, e dedicarsi ad uno strumento musicale, potrebbe diventare una passione vera e propria. Sempre nell’ambito delle attività da autodidatta, è possibile dedicarsi alla creazione di qualche aggeggio o creare qualcosa dal nulla, impiegando esclusivamente la propria immaginazione e oggetti di riciclo. In famiglia, assumono molta importanza i giochi da tavolo, i quali sembrerebbero in disuso, ma in realtà sono fortemente apprezzati e permettono di trascorrere del tempo insieme, svagandosi e divertendosi in compagnia. Giovani e lockdown: quando non si può uscire, trova qualcosa di interessante da fare in casa Uscire di casa non è possibile, e lo si può fare solo fino ad una determinata ora, evitando però gli assembramenti, un cambiamento notevole, soprattutto per i tanti ragazzi, abituati a trascorrere del tempo con i propri coetanei. In questo, non aiuta nemmeno la cosiddetta didattica a distanza, che sta creando non pochi problemi da questo punto di vista. Si può pensare a quanti faticano a socializzare, e che in questo momento sono in casa, soli, in balìa delle solite attività. Una cosa è certa, non bisogna innalzare dei muri, è opportuno lasciarsi andare, essere creativi, anche con nuove attività da svolgere con curiosità e interesse. Non è detto che […]

... continua la lettura