Seguici e condividi:

Eroica Fenice

“Crisalide” di Roberto Matteo Giordano: l’amore e il dolore non hanno sesso

Crisalide, in scena dal 24 al 26 Aprile presso il teatro Il Primo di Napoli, è uno spettacolo scritto, diretto ed interpretato da Roberto Matteo Giordano. La rappresentazione, prodotta da palco 11zero8, utilizza l’arte e in particolare il teatro, come “strumento per l’espressione dei sentimenti dell’animo umano”.

Crisalide racconta la storia di Vittorio e Marcello, due ragazzi che si amano e che immaginano il proprio futuro insieme. Nonostante le premesse possano lasciar intendere che il tema centrale dello spettacolo sia l’amore gay, in realtà il fulcro di questa storia sta nella sofferenza che i due innamorati dovranno sopportare quando verrà scoperta la rara e grave patologia da cui è affatto Marcello.

“Una storia d’amore e di malattia ma anche e soprattutto di vita e di speranza poiché la vita risiede nella speranza dell’amore che si può ancora donare”.

Roberto Matteo Giordano racconta la sua Crisalide

L’amore e il dolore non hanno sesso. É questo uno dei messaggi più forti che trapelano da questa rappresentazione. Crisalide mostra come di fronte alla malattia qualsiasi rapporto, a prescindere dall’identità di genere dei soggetti protagonisti dello stesso, possa essere messo a dura prova. 

Marcello, ricoverato in ospedale a causa delle sue gravi condizioni, troverà in un’infermiera, interpretata da Francesca Annunziata,  un aiuto fisico e soprattutto morale. Nel confidarsi con colei che lo assiste, Marcello condividerà le proprie paure derivanti dalla progressione della malattia e dalla sempre maggiore freddezza e lontananza di Vittorio che si trova in viaggio. Racconterà così come il loro sentimento sia nato e si sia evoluto e come sia giunto al termine a causa di quella malattia che sembra essere più forte dell’amore che li unisce.

“Cosa si è disposti a sacrificare per amore? Ha l’amore il coraggio necessario per superare ogni ostacolo? Crisalide è la declinazione della vita e della sua ironia, quell’ironica vita che se da un lato ci fa gioire dall’altro ci fa piangere, se da un lato ci dona, dall’altro ci toglie, quell’ironica vita che ci obbliga a combattere quasi come in un gioco, in cui è però lei a dettare le regole e dove il vincitore è sempre il destino”.

Il difficile tema della malattia e dell’amore, di per sé già molto delicato, viene esaminato sotto una nuova e particolare prospettiva. Le complessità di una relazione travolta da un malattia incurabile si fondono e si intrecciano con quelle dell’amore omosessuale. Con Crisalide lo spettatore è costretto alla riflessione, una riflessione che ha come obiettivo quello di incentrare l’attenzione non sul sesso dei protagonisti ma sul dolore di due innamorati costretti a rapportarsi con un male oscuro ed incurabile, un male che potrebbe spazzare via tutto ciò che sono e che sarebbero potuti diventare.

Cast: Francesca Annunziata, Igor De Vita, Roberto Matteo Giordano.

Musiche: Igor De Vita.

Progetto e regia: Roberto Matteo Giordano.

Programmazione: Turno Rubino (venerdì 24/4 ore 21); turno Corallo (sabato 25/4 ore 18); turno Smeraldo (sabato 25/4 ore 21); turno Diamante (domenica 26/4 ore 18).

Crisalide: l’amore ed il dolore non hanno sesso.