Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Il teatro cerca casa: l'edizione 2018-2019

Il teatro cerca casa: l’edizione 2018-2019

Mercoledì 12 settembre è stata una giornata frenetica per casa Santanelli: in una calda mattinata, infatti, vi è avvenuta la presentazione della nuova stagione teatrale de Il Teatro Cerca Casa. Per chi non lo sapesse, quest’iniziativa insolita vede protagoniste location diverse con un unico comune denominatore: essere il salotto di casa di gente normalissima. “Ora siamo giunti al settimo anno, che passa per essere l’anno della crisi di tutti i legami, e dunque anche di quello nostro con pubblico e attori”: così il padrone di casa, nonché direttore artistico Manlio Santanelli, ha voluto inaugurare l’inizio della conferenza, una sorta di rito apotropaico di buon augurio.

Il teatro cerca casa, il cartellone

Il salotto è pieno, i giornalisti accorsi in molti si stringono sulle sedie, affinché tutti possano accaparrarsi un posto comodo durante la presentazione. Innumerevoli libri fanno da cornice ad un contesto informale, in cui attori e spettatori si mischiano, s’amalgamo senza barriere e differenze, proprio come vuole l’obiettivo de Il teatro cerca casa: far compenetrare quotidiano e surreale, alla continua ricerca di espressioni alternative di sé.

Nella stagione passata, il bilancio si è chiuso in maniera positiva: sono stati circa 25 gli appartamenti, 2000 gli spettatori accolti, 45 gli spettacoli. Quest’anno si cerca di replicare, come prima, più di prima: si coniugano teatro vero e proprio e spettacoli di musica napoletana, tra cultura, letteratura e filosofia. Un mix proprio per tutti i gusti, che si trasforma talvolta in un simposio privato in cui sconosciuti di diversa provenienza si trovano a condividere l’intimità dei pensieri.

La settima edizione, dunque, prevede dodici nuovi titoli in cartellone e tre ritorni dalle passate edizioni, a cui si aggiungono tre eventi speciali in data unica. Si parte con il 23 settembre presso il complesso monumentale di San Nicola da Tolentino. L’appuntamento è previsto per le 17.15, visita guidata e spettacolo In origine fu voragine, con Maurizio Capone e Antonello Cossia.

A seguire Polveri condominiali di Franco Autiero, portato in scena da Gina Perna e con le musiche di Fulvio Di Nocera, per la regia di Tonino Di Ronza. Un grande successo della scorsa edizione ritorna nuovamente: La solitudine si deve fuggire, di Manlio Santanelli interpretato da Federica Aiello.

Il teatro impegnato civilmente si concretizza in questa nuova edizione attraverso la messa in scena di Il fulmine nella terra – Irpinia 1980, che ricostruisce l’atmosfera catastrofica del terremoto avvenuto in Irpinia nel 1980, con Orazio Cerino. Vetiver – Essenze di una profumiera costituirà l’appuntamento successivo, con Melania Esposito, ricostruendo la vicenda della profumiera Mona di Orio. A seguire Piccoli crimini coniugali di Eric-Emmanuel Schmitt, con Gioia Mille e Antonio D’Avino. Michele Danubio invece sarà il protagonista de Il posto di un altro assieme a Laura Borrelli e Stefano Jotti. Lo stesso Jotti poi riproporrà lo spettacolo “La fondazione” con testo di Raffaello Baldini.

Com’è stato detto prima, anche la letteratura troverà largo spazio nella rassegna, attraverso il Magnificat di Alda Merini portato sulla scena domestica da Caterina Pontrandolfo, Bartleby lo scrivano tratto dall’omonimo capolavoro di Melville, con Enzo Salomone e Spoon River, dall’antologia di Edgar Lee Masters, composto da Paolo Cresta e Carlo Lomanto.

Un’altra protagonista assieme alla letteratura sarà la musica: Strings Duet con Carlo Lomanto e Beatrice Valente; Anch’io mi chiamo G, omaggio a Giorgio Gaber portato in scena da Maurizio Murano; Sinnò me moro. Canzoniere della Mala interpretato da Antonella Morea; Stefano Valanzuolo porta in scena invece La nota stonata. Vita breve e coerente di Luigi Tenco.

Per ulteriori informazioni, biglietti e prezzi rimandiamo al sito: www.ilteatrocercacasa.it

Print Friendly, PDF & Email