Cenando sotto un Cielo Diverso: chef ai fornelli per inclusione e solidarietà

Cenando sotto un Cielo Diverso: chef ai fornelli per inclusione e solidarietà

Cenando sotto un Cielo Diverso: un evento per fare del bene e mangiare bene a Villa Alma Plena (Casagiove) il 27 giugno 2022.

Si è tenuta lunedì 13 giugno, alle 18:30, presso il Gold Tower Lifestyle Hotel, la conferenza stampa di presentazione della quattordicesima edizione di Cenando sotto un cielo diverso. L’evento – che quest’anno si terrà il 27 giugno presso Villa Alma Plena, a Casagiove – è ideato dalla dott.ssa Alfonsina Longobardi e dalla sua associazione Tra cielo e mare e si propone una triplice finalità: beneficenza, valorizzazione del territorio e corretta comunicazione dei suoi prodotti e della buona cucina.

Negli anni, infatti, l’organizzazione dell’evento ha raccolto fondi in favore dei diversamente abili e di persone con disagi psichici. Anche per quest’ultima edizione gli obiettivi sono gli stessi: raccogliere denaro per organizzare delle lezioni di cucina per disabili e una cena di Natale presso il centro Don Orione di Ercolano; permettere la costituzione di un laboratorio ludico didattico per persone affette da sindromi schizofreniche; infine, rendere possibile l’acquisto di giocattoli per i bambini ricoverati nel reparto di nefrologia dell’ospedale Santobono- Pausilipon. 

Questo è stato e continua ad essere possibile soprattutto attraverso la creazione di una rete, come ha tenuto a precisare l’ideatrice Longobardi in conferenza stampa: e cioè, grazie al coinvolgimento diretto ed entusiastico di chef stellati, cuochi, pizzaioli e pasticceri – i veri protagonisti della serata del 27 giugno – di noti produttori del territorio campano e non, aziende e personaggi del mondo dello spettacolo vicini al concetto di beneficenza, oltreché di migliaia di persone che intervengono all’iniziativa per fare del bene e mangiare bene. “L’individualità – ha affermato Longobardi – non porta da nessuna parte. È solo facendo rete, collaborando e aiutandosi l’un l’altro, che si può creare qualcosa di importante. Questo evento ne è una chiara dimostrazione: siamo partiti da 13 chef, oggi siamo arrivati a contarne 150, provenienti non solo dalla Campania, ma anche dal Lazio e da altre zone dell’Italia”.

E infatti ai fornelli ci saranno il “padrone di casa” Salvatore Spuzzo – chef resident di Villa Alma Plena – 12 chef stellati (Roberto Di Pinto, Domenico Iavarone, Giuseppe Aversa, Francesco Sodano, Luigi Salomone, Alfonso Crescenzo, Cristoforo Trapani, Michele Deleo, Raffaele Vitale, Carlo Spina, Luciano Villani, Ciro Sicignano) e 150 fra cuochi, pizzaioli, panificatori, pasticcieri e produttori, che allestiranno altrettante postazioni per show cooking presso gli spazi all’aperto di una delle più belle location del casertano. 

Gli ospiti saranno accolti dagli studenti dell’ISIS “Sereni Afragola – Cardito” (indirizzi “Servizi di sala”, “cucina” e “Accoglienza turistica”), coordinati dalla dirigente Daniela Costanzo, e poi saranno liberi di passeggiare nei giardini della Villa assaporando le leccornie preparate dagli chef presso le varie postazioni allestite, tutti piatti ispirati alla Dieta Mediterranea e studiati con un ingrediente principale di partenza: la gioia di donare a chi è meno fortunato di noi! 

Ad accompagnare la cena “en plein air” i vini di prestigiose aziende campane serviti dai sommelier dell’AIS Caserta coordinati da Pietro Iadicicco, i sigari del Club Amici del Toscano, cocktail, amari e liquori. 

Durante l’evento si esibiranno conclamati artisti del panorama musicale, teatrale e televisivo italiano, introdotti dalla presentatrice Ida Piccolo: Maria Bolignano , Francesco Albanese, Anna Capasso, Enzo Fischetti , Monica Sarnelli, Michele Selillo, Massimiliano Cimino, Ciro Torlo, Giuseppe Moscarella, Stefano De Clemente, Marianna Bonavolontà, e tanti altri. 

A proposito di Davide Traglia

Davide Traglia. 23 anni. Nato a Formia ma casertano d’adozione. Diplomato al liceo classico "Agostino Nifo" di Sessa Aurunca e attualmente iscritto al corso di Laurea Magistrale in Filologia Moderna della "Federico II" di Napoli. I miei libri preferiti sono I Pensieri di Leopardi, La Metamorfosi di Kafka e Siddartha di Hesse. Conosco religiosamente tutte le battute di Jep Gambardella e di Titta Di Girolamo. Da qualche tempo, mi diletto nella scrittura di racconti brevi e riflessioni.

Vedi tutti gli articoli di Davide Traglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.