Italia, le imprese Top Employers del 2022: tra condizioni di lavoro, investimenti e benessere dei dipendenti

Quando si valuta un’azienda, bisogna tenere conto anche delle condizioni di lavoro dei dipendenti e del benessere di tutti i lavoratori che operano all’interno di una data realtà. Il Top Employers Institute si occupa esattamente della valutazione di questo aspetto, considerato fondamentale per la definizione di un punteggio di qualità delle aziende prese in esame. Ecco perché oggi scopriremo insieme quali sono le imprese meritorie del premio Top Employers 2022, e alcuni consigli utili per i dipendenti sul come scegliere la propria azienda ideale in cui lavorare.

 

Quali sono le aziende Top Employers 2022 in Italia

In Italia possiamo vantare la presenza di diverse eccellenze a livello industriale, alcune delle quali premiate con il Top Employers 2022, ovvero con il premio che certifica la presenza di una realtà ottima per i dipendenti. Nella Penisola, in cima alla classifica, spicca una banca: si parla nello specifico di Bper Banca, che si conferma ancora una volta al top anche per quel che concerne il trattamento e il grado di soddisfazione dei propri dipendenti. Anche MediaWorld Italia, poi, rientra di diritto nella classifica delle aziende migliori dal punto di vista dei dipendenti, e ancora una volta non si tratta di una novità, ma di una riconferma che premia gli sforzi dell’azienda in questione. In lista si trovano naturalmente anche altre aziende tricolori, come nel caso di Nexi Group, HR&Training Gruppo Servier. NTT Data Italia e ITAS. 

 

Come scegliere la giusta realtà aziendale

Naturalmente ci sono diversi elementi che rendono un’azienda più conveniente di altre per un lavoratore. Oltre al benessere sul posto di lavoro, è sempre opportuno verificare le condizioni economiche e dunque lo stipendio offerto per la mansione che si svolge. 

A seguire, conviene sempre reperire quante più informazioni possibili sull’azienda di riferimento, e sui singoli componenti dell’impresa. Per fare un esempio pratico, esiste la possibilità di effettuare il controllo di specifici elementi riguardanti un singolo lavoratore, come nel caso della verifica del suo codice fiscale, per citare un’opzione, di descritta più nel dettaglio all’interno di alcune pagine online che spiegano quali sono tutti gli step da seguire per effettuare tale controllo. Di altrettanta rilevanza, poi, è l’aspetto formativo, che dovrebbe spingere un dipendente a preferire le aziende che erogano appositi corsi al loro interno. Inoltre, si suggerisce di valutare anche la qualità degli uffici e la loro vivibilità, oltre alla presenza di aree destinate al ristoro e quelle ricreative. 

Tra gli ultimi elementi da prendere in considerazione per avere un quadro più chiaro sulla realtà aziendale d’interesse, infine, vi sono anche la valorizzazione dei propri successi e la possibilità di fare carriera, di pari passo alla meritocrazia. 

Gli indicatori in grado di chiarire la qualità di un’azienda, dunque, non sembrano mancare. Facendovi affidamento, si potrà scegliere con maggior facilità dove poter esercitare la propria professione nel migliore dei modi. 

 

A proposito di Mirko Garofalo

Vedi tutti gli articoli di Mirko Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *