Finché tutto resta nascosto in un cassetto, di Olivia Ruiz

Olivia Ruiz

Finché tutto resta nascosto in un cassetto, l’esordio letterario di Olivia Ruiz

Biografia e trama

La cantante e attrice francese Olivia Ruiz nasce a Carcassonne il primo gennaio 1980. Le sue origini sono spagnole ed il suo romanzo d’esordio “Finché tutto resta nascosto in un cassetto”, edito da Garzanti editore, prende spunto dalla sopravvivenza dei suoi nonni alla guerra civile, della quale non hanno mai proferito parola con piacere, fino a quanto ad Olivia viene affidato quel sapere, proprio come alla protagonista del libro.

Una donna si ritrova da sola davanti ad un vecchio comò in legno con dieci cassetti colorati. All’interno ci sono diversi oggetti conservati con accurata gelosia ed una lettera scritta da sua nonna Rita. Fin da piccola ha desiderato scoprire quel contenuto nel comò e adesso che l’abuela non c’è più e gliel’ha concesso, non le rimane altro da fare che mettere il vinile di Morricone in sottofondo ed iniziare a leggere.

Nonna Rita si racconta come non aveva mai fatto prima. Nella tomba ha portato con sé i suoi segreti più reconditi, ma adesso che tace per sempre ha deciso di affidarne la memoria a sua nipote, la sua preferita, alla quale ha dovuto fare anche un po’ da madre. Leggendo le sue pagine di certo non si può dire che abbia avuto una vita facile: c’è tanto dolore, soprattutto quello della perdita. Rita è stata tanti volti, una figlia strappata ai suoi genitori repubblicani, una giovane ragazza piena di desideri e amore, una moglie alla quale hanno tarpato le ali e che ha dovuto cercarle altrove, una madre che ha sperimentato le gioie ed i dolori più grandi. In quella lunga lettera dedicata alla sua cariña, mette completamente a nudo i suoi sentimenti provati da quando ha dovuto subire in maniera forzata un lungo viaggio dalla Spagna alla Francia, quel momento in cui hanno avuto inizio le sue avventure. Ogni oggetto riposto nell’apposito cassetto ha composto la sua storia, custodisce per sempre un pezzetto di ciò che è stata e di ciò che ha voluto essere.

Il nuovo libro di Olivia Ruiz: qual è il filo conduttore del romanzo?

Indubbiamente è la passione il filo conduttore del romanzo. In Rita arde un fuoco che non si spegne mai, benché abbia dovuto affrontare tante avversità. C’è la passione per la sua terra d’origine, la Spagna, quasi come se fosse un suo tratto distintivo rispetto alla terra francese che l’accoglie come colei che è diversa; c’è la passione per l’amore della sua vita, quella che non sperimenta più con suo marito e quella di volersi sentire donna nonostante ciò. Infine, c’è la passione più dolce di una madre che impara ad amare ad ogni costo, a proteggere con le unghie e con i denti i suoi figli, ma anche di una madre che sceglie di non dimenticarsi di essere innanzitutto una persona con le sue libertà, che sperimenta, sbaglia e si rialza per trovare il giusto equilibrio.

Leggere di Rita…

Come chiacchierare davanti ad una tazza di caffè fumante con un’amica che ti conduce in posti dai colori caldi, come il sangue che le ribolle nelle vene. Il romanzo esprime la forza che c’è in ognuno di noi per ridare un passo nuovo all’esistenza, perché non è mai troppo tardi per lasciare, partire per scoprirsi e poi ritornare. Se cercate un libro in perfetta atmosfera autunnale, non potete perdervi “Finché tutto resta nascosto in un cassetto” di Olivia Ruiz, una confessione intima che tocca con delicatezza irruente corde profonde.

 

Fonte immagine: Garzanti editore.

About Francesca Hasson

Francesca Hasson nasce il 26 Marzo 1998 a Napoli. Nel 2017 consegue il diploma di maturità presso il liceo classico statale Adolfo Pansini (NA) e nel 2021 si laurea alla facoltà di Lettere Moderne presso la Federico II (NA). Specializzanda alla facoltà di "Discipline della musica e dello spettacolo. Storia e teoria" sempre presso l'università Federico II a Napoli, nutre una forte passione per l'arte in ogni sua forma, soprattutto per il teatro ed il cinema. Infatti, studia per otto anni alla "Palestra dell'attore" del Teatro Diana e successivamente si diletta in varie esperienze teatrali e comparse su alcuni set importanti. Fin da piccola carta e penna sono i suoi strumenti preferiti per potere parlare al mondo ed osservarlo. L'importanza della cultura è da sempre il suo focus principale: sostiene che la cultura sia ciò che ci salva e che soprattutto l'arte ci ricorda che siamo essere umani.

View all posts by Francesca Hasson →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *