Seguici e condividi:

Eroica Fenice

In-chiostro

In-Chiostro: un ping pong per le proposte di Valtrend

Il secondo weekend della rassegna letteraria In-Chiostro, che si svolgerà fino al 26 Settembre nel Chiostro di San Domenico Maggiore, propone in scaletta un intrigante ping pong storico-letterario a firma Valtrend Editore. Sul palco tre autori, introdotti dall’editrice Mara Iovene, si scambiano domande e curiosità provando a descrivere, attraverso reciproche suggestioni e impressioni, l’essenza delle rispettive opere. Tre diverse epoche, tre diverse ispirazioni ma ad unirli il tema della memoria dei luoghi, tanto caro alla casa editrice Valtrend che ha nel suo DNA la divulgazione e promozione del patrimonio storico-culturale partenopeo.

Rompe il ghiaccio Mariagrazia Giuliani che presenta il giallo Il Segreto del castello, pubblicato poco prima della forzata clausura dovuta al Covid-19 e presentato per la prima volta al pubblico attraverso la rassegna In-Chiostro. L’autrice condivide la genesi della sua opera, ispirata da una visita al Castello di Baia che le ha offerto il suggestivo scenario per un racconto denso di suspense e mistero. Protagonista del romanzo è un giovane fotografo che, in procinto di presentare una personale a Parigi, decide di trascorrere una breve pausa di concentrazione nel castello che domina il Golfo di Pozzuoli. Lungi dall’essere occasione di relax e diversione, la permanenza nel Castello si animerà di misteriose apparizioni ed efferati delitti, spingendo il protagonista ad una corale ricerca della verità e del senso di giustizia che quasi sempre le fa eco.

Scambio di microfono e la scena si sposta nel tempo e nello spazio riportandoci fino al lontano VII secolo a.C., in una Gesualdo abitata dalla popolazione italica degli Osci. Protagonista del romanzo storico L’Osco di Stefano Cortese è Virdasche che, sfuggito miracolosamente ad un’incursione degli Hyrpini, intraprende un viaggio verso Occidente fino ad approdare nell’antica Partenope. Il viaggio di Virdasche sarà un viaggio di conoscenza e di sperimentazione, portando il protagonista a confrontarsi con popoli e culture differenti, ma sarà soprattutto un viaggio di consapevolezza. Attraverso le esperienze che vive lungo il cammino, Virdasche prenderà sempre più consapevolezza della sua natura e del suo destino: essere testimone di un mondo arcaico, dominato dal Fato e da un’intima connessione con la natura che tenta di resistere sotto i colpi dello sfrenato antropocentrismo ellenico. Virdasche sarà la memoria di un mondo che si arrende al potere incontrollato e incontrollabile della natura, un mondo che vive l’oblio come ineluttabile e salvifica casualità.

E di viaggi e migrazioni si parla anche nei racconti di Kitty Magliocca Mi piacciono i film di Frank Capra. Una raccolta di racconti che con leggerezza e positività affrontano tempi delicati, storie di cambiamento e di opportunità che hanno spesso un volto femminile. Nei racconti di Kitty Magliocca il viaggio diviene occasione, opportunità di cambiamento e riscatto e anche quando assume le tinte più meste dell’emigrazione viene declinato nelle sue sfumature più vive. Il viaggio è quindi la voglia di rivincita e successo di chi parte e si trasforma in desiderio di ritorno per restituire attraverso l’amore per la propria terra tutto il bene che il viaggio ci ha regalato.

Il messaggio di Valtrend, che insieme a inKnot e Homo scrivens è tra gli ideatori della rassegna In-Chiostro, arriva forte e chiaro attraverso le parole e le opere dei tre autori. C’è un preziosissimo patrimonio culturale da preservare e promuovere, un patrimonio che attraverso la varietà delle sue forme e dei suoi stili si offre a chiunque abbia attenzione per ascoltare e passione per comprendere.

 

Immagine in evidenza: ufficio stampa

Print Friendly, PDF & Email

Commenta