Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Le luci nelle case degli altri di Chiara Gamberale

Le luci nelle case degli altri di Chiara Gamberale

Quando una mattina di dicembre – precisamente del 1999 – Maria, amministratrice del condominio di via Grotta Perfetta 315, muore lasciando orfana una figlia di sei anni, nessuno si aspetta quello che accadrà. La bambina, che risponde allo stravagante nome di Mandorla, durante il funerale estrae infatti dalla tasca una lettera, in cui viene fatta una rivelazione sconvolgente: la piccola è figlia di uno degli inquilini del palazzo, ovviamente tutti impegnati con le loro vite e le loro relazioni. È questo l’inizio del libro “Le luci nelle case degli altri”, di Chiara Gamberale, la cui pubblicazione risale al 2010. Il romanzo è ben scritto, appassionante, e come ogni altro libro dell’autrice riesce a fare della stranezza dei protagonisti il suo punto di forza.

Quando una condizione assurda diventa la tua vita, dopo un po’ non la consideri tanto assurda“, dice Mandorla, che nel libro parla in prima persona, riuscendo a descrivere al meglio ogni romanzo di Chiara Gamberale in una singola frase. Ed è proprio una situazione assurda quella in cui si trova la bambina, in quanto gli abitanti di via Grotta Perfetta decidono di non fare il test del DNA, per non rovinare nessuna delle famiglie del condominio, e di crescere Mandorla tutti insieme.

“Le luci nelle case degli altri” è un romanzo di Chiara Gamberale che ci fa innamorare, sognare e sperare insieme a Mandorla, alla ricerca di suo padre.

E così a sei anni Mandorla si ritrova con cinque famiglie, senza riuscire a riconoscersi in nessuna, spiando ed inviando proprio le “luci nelle case degli altri” che la madre nella sua lettera le aveva scritto di non invidiare mai. Scoprendo che gli abitanti di via Grotta Perfetta tanto perfetti non sono, scoprendo che ognuno è infelice anche quando dall’esterno sembra che abbia tutto.

L’interrogativo su chi sia il padre di Mandorla è sempre presente nella mente della bambina, che cresce e diventa una ragazza con le sue paure – come quella per il malvivente Porcomondo – e i suoi sentimenti, e nella mente del lettore, che sfoglia fino all’ultima pagina per arrivare a un finale sorprendente, assurdo, ma in fondo l’unico possibile per una storia del genere.

Nel frattempo si intrecciano alla storia di Mandorla quelle degli altri abitanti del condominio, con flashback della loro infanzia e adolescenza, che sembrano rimarcare la convinzione che la Gamberale esprime in ogni suo libro, quella che tutti siamo condizionati inevitabilmente dal nostro passato, per essere quello che siamo. La convinzione che ogni singola cosa che ci accade ci rende quello che siamo, senza possibilità di scampo.

Le luci nelle case degli altri è una lettura adatta all’estate, che diverte e commuove, che ci fa crescere con Mandorla, soffrire, gioire, innamorare insieme a lei, fino all’ultima parola, che arriva – come per ogni libro di quest’autrice – troppo presto.

————————-
Le luci nelle case degli altri di Chiara Gamberale è in offerta su Amazon. Clicca qui per acquistarlo!


Print Friendly, PDF & Email