Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Paolo Maurensig

Paolo Maurensig e la sua teoria delle ombre

Paolo Maurensig, scrittore italiano nato a Gorizia nel 1943, entra nel mondo dell’editoria nel 1993 grazie a “La variante di Lunenburg”, testo che riscuote notevole successo, nel quale narra lo svolgersi di una partita di scacchi tra due avversari protrattasi a lungo nel tempo e nel corso di vari eventi storici, tra cui la Seconda Guerra Mondiale. Pubblicherà in seguito altri romanzi, dedicandosi e non perdendo tuttavia mai di vista la sua passione più grande, gli scacchi, che saranno spesso protagonisti delle sue opere, come accade nel suo ultimo scritto, La teoria delle ombre.

Estoril, Portogallo, marzo 1946. Alexandre Alekhine, campione del mondo di scacchi, viene trovato privo di vita nella camera dell’albergo in cui alloggiava. S’indaga sulla sua morte, nonostante le autorità portoghesi abbiano chiuso subito il caso attribuendo le cause del decesso all’asfissia. La vicenda però appare del tutto insolita, poiché il corpo dell’uomo viene ritrovato adagiato sulla poltrona della sua camera, con addosso un cappotto. Ne consegue dunque scetticismo e sospetti che portano a pensare che la morte di cui parlavano coloro i quali avevano eseguito l’autopsia, non fosse altro che una messinscena. Paolo Maurensig immagina di ripercorrere gli ultimi giorni di vita del grande scacchista, descrivendone con meticolosità gli spostamenti che egli compiva, le poche amicizie che stringeva, le inimicizie che a causa del suo passato e degli eventi politici in cui era rimasto coinvolto, attirava. Viene narrata la vita dell’uomo, l’inizio della sua passione per gli scacchi suscitatagli dalla madre e coltivata negli anni grazie alla pratica con la sorella e il fratello. I suoi quattro matrimoni, fallimentari e spesso di convenienza con donne molto più grandi di lui. La dipendenza dall’alcol, i suoi problemi di salute, il fegato ormai in rovina e un’angina pectoris portatrice di non pochi disturbi. Il suo sentirsi solo, l’incapacità di stringere rapporti amichevoli col prossimo, la fuga dalla sua Russia, i problemi con la politica. Dopo varie indagini da parte della voce narrante della storia, un uomo recatosi appunto ad Estoril al fine di scoprire la verità circa l’inquietante caso, alla fine della narrazione giunge finalmente alla verità.

La prosa di Paolo Maurensig

Biografia romanzata, a tratti noir. Alexandre Alekhine è realmente esistito ed è stato campione mondiale di scacchi. Ricopre perfettamente la figura di russo costantemente in fuga e doppiogiochista: avvicinatosi allo spionaggio, scappato dalla Russia, si recherà prima in Francia e poi volente o nolente si ritroverà a servire il nazismo. Tuttavia però nel romanzo di Maurensig l’uomo, in preda alla disperazione e solitudine più totale, stringe una profonda amicizia con l’unico ospite dell’albergo, il violinista Neumann, ebreo. Siamo dunque di fronte all’animo di un uomo sfuggente, complesso, dedito all’alcol e al gioco degli scacchi ed incapace di provare amore nei confronti altrui, che però appare a tratti debole e capace di una profonda umanità. Paolo Maurensig narra la vicenda attraverso una prosa molto elegante e fine. Stile impeccabile, brillante. Teoria delle ombre perché nella geometria ogni corpo assume una forma diversa in base al modo in cui egli viene illuminato e al modo in cui la sua ombra si propaga.

——–

Teoria delle ombre è in promozione su Amazon. Clicca qui per acquistarlo!