Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Brunori Sas ritorna con "A casa tutto bene"

Brunori Sas ritorna con “A casa tutto bene”

Ma non ti sembra un miracolo che in mezzo a questo dolore e tutto questo rumore, a volte basta una canzone, anche una stupida canzone?

C’è sempre un “ma” che capovolge il nostro punto di vista. Un “ma” compare inspiegabilmente anche in chi vive seguendo la filosofia di un disincantato cinismo. Che può farci credere in una speranza anche se non siamo più bambini. E c’è un ma in ogni canzone di “A casa tutto bene”, il nuovissimo disco di Brunori Sas. Un album, a cui seguirà un tour nei club di tutta Italia, annunciato dal singolo La verità, di una potenza espressiva che subito ha fatto comprendere il cambio di rotta del cantautore cosentino rispetto ai suoi tre dischi precedenti, permeati da un amore introspettivo, raccontato in prima persona attraverso storie divertenti, ironiche, leggere, piene di una profonda dolcezza. Che è poi il risultato di sapere cantare bene se stessi. Che è la bravura nel riuscire a far immedesimare gli altri nelle proprie canzoni.

A casa tutto bene, Brunori Sas e la consapevolezza di essere adulti

Adesso Brunori è cresciuto, e i personaggi delle sue storie diventano reali, attuali. Così la sua musica si apre verso il mondo esterno: i brani del disco raccontano i problemi della società, dove l’amore sembra essersi trasformato in paura, e i buoni propositi fanno spazio ad una condizione esistenziale che appartiene ad ogni singolo uomo, quella del dubbio, della confusione del perbenismo che non è poi così tanto perbene.

L’immigrazione, il razzismo, l’omosessualità, l’ossessione per gli smartphone, il terrore del diverso (L’uomo nero), fanno da sfondo però ad un presupposto universale. “La realtà è una merda”, canta in Il costume da torero. Sabato bestiale è un inno alla superficialità e al finto moralismo. Don Abbondio indaga la pusillanimità che molto spesso ognuno di noi nasconde dietro il pregiudizio altrui. Colpo di pistola è la personificazione del femminicidio, dell’amore che tante volte si trasforma invece in odio. La vita liquida è il modus vivendi per eccellenza che appartiene a tutti, quello di essere troppo negligenti o fiacchi per poter cambiare se stessi e le cose intorno a noi. Lamezia Milano è il racconto tragicomico di un viaggio e della quotidianità, di un Sud e di un Nord, o probabilmente di un Occidente e di un Oriente se immaginiamo che il suo intento non sia fermarsi ai confini italiani, ancora così distanti nel duemiladiciassette.

Eppure, Brunori Sas in alcuni punti non riesce a dimenticare la potenza della speranza, dei giorni migliori, non riesce a non comporre una Canzone contro la paura. La vita pensata, che in punta di piedi chiude il disco lasciandoci con numerosi interrogativi, è avvolta dalla malinconia della voce unica di Brunori e una chitarra lieve, che è invece il principio fondamentale della gioia di ascoltare la sua musica. La stessa sensazione lascia l’ascolto di Diego e io, che ci ricorda la bellezza del dolore. Ci si sente a fine disco bisognosi di saperne di più, tanto che non resta che ricominciare ad ascoltare.

Il migliore album di Brunori Sas, proprio perché il più reale

Ritorni allora alla meravigliosa interpretazione di Secondo me. Un testo che commuove proprio perché arriva dritto al punto, probabilmente una sentita parentesi contro l’ipocrisia dilagante. L’ennesima canzone in cui ad essere sotto la lente di ingrandimento non è solo il mondo esterno, ma anche ciò che abbiamo dentro. In questo disco Brunori Sas racconta una amara verità, che conosciamo tutti: perché siamo sempre tanto bravi a giudicare gli altri prima di giudicare noi stessi?

Ma non sarò neanche tanto stupido da credere che il mondo possa crescere… se non parto da me”.

————————————————-
A casa tutto bene è in offerta su Amazon. Clicca qui per acquistarlo!