Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Paupisi, 23 agosto. La fiamma dei “Sempre Accesi” torna a bruciare!

Cosa succede quando un paese ferito al cuore da un’improvvisa piaga muore dalla voglia di esprimere al massimo il suo desiderio di rinascita, di rivincita, di vittoria sulle avversità che gli si presentano?

Cosa succede quando un gruppo di ragazzi si incontra, si riscopre, si riunisce, si adopera per creare un qualcosa di unico, di condiviso, di avvincente?

Cosa succede quando l’appartenenza ad una striscia di territorio avvilito è avvertita in maniera così assoluta e coinvolgente da questo gruppo di ragazzi che da essa può sbocciare solo bellezza, arte e magia?

È quello che scopriremo insieme  il 23 agosto alle ore 20.30 quando, a Paupisi (BN), l’associazione culturale “I Sempre Accesi” presenterà lo spettacolo “Se Bruciasse la Città”, dedicandolo a coloro che sono stati colpiti dall’alluvione che ha scosso il paese nella notte tra il 14 ed il 15 ottobre del 2015.

La manifestazione prevede la rappresentazione de “Il morto sta bene in salute” di Gaetano Di Maio, una commedia con tinte di giallo in due atti, incentrata sulle avventure di due gestori di una pensione, Gennaro e Ninetta Bottiglieri. Questi ultimi rinvengono una borsa contenente una somma di denaro ma non sanno che si tratta del pagamento versato ad un killer per l’assassinio del concorrente di un capomafia, il quale ora pretende la restituzione del “malloppo” o il compimento della missione assegnata.

La “Pensione della tranquillità”, che indica ironicamente tutto ciò che di più lontano c’ è dal susseguirsi di eventi che si svolgono tra le sue mura, fa da sfondo inconsapevole ad un miscuglio di equivoci, bugie, raggiri, intrighi amorosi, mafiosi alla ricerca di milioni spariti, ingenuità mascherate e colpi di scena grotteschi.

Lo spettacolo è arricchito dalla partecipazione della band musicale “Nice and Nice”,  dalle coreografie realizzate dal corpo di ballo “Voilà”, dagli interventi di danzatori popolari, di artisti di fama nazionale come i “Bottari della CANTICA POPOLARE”, della squadra nazionale dei “Pizzaioli Acrobatici”, da Gabriella Compagnone, attualmente considerata la prima sand artist d’Europa, e da tante altre sorprese che intratterranno il pubblico presente.

Paupisi, un anno dopo

L’Associazione Culturale “I Sempre Accesi” nasce a Paupisi nel 2011 su iniziativa di Dario Orsillo che è insieme l’ideatore e l’organizzatore  della manifestazione, con il fine di diffondere la cultura del teatro, della musica e della danza nel territorio sannita, promuovendo la crescita individuale dei ragazzi coinvolti e la loro socializzazione, l’interscambio tra le varie discipline artistiche partecipanti, differenti l’una dall’altra ma ugualmente importanti, e lo sviluppo economico, culturale e soprattutto umano della realtà locale che ne ha visto la luce.

Anno dopo anno gli spettacoli dell’associazione hanno riscosso una risposta sempre più pronta ed entusiasta da parte del pubblico, cosa che ha portato i soci e tutti i ragazzi del paese che hanno partecipato e che tuttora partecipano alle iniziative a non abbandonare questi momenti di unione e di svago, ma soprattutto  di celebrazione delle arti teatrali, canore, musicali e danzanti.

 “150 anni di Teatro, musica e storia” in occasione del 150esimo anno dell’unità d’Italia, “I migliori anni” dedicato a ragazzi del paese scomparsi prematuramente, “Alegrìa” in omaggio ai centenari viventi nel paese sono alcune delle iniziative intraprese dai “Sempre Accesi”. Quest’anno si è pensato giustamente di dedicare lo spettacolo agli alluvionati colpiti il 15 ottobre 2015, quasi a voler dare un impulso vitalistico, uno slancio di speranza e di brio ad una popolazione che, negli ultimi mesi, ha dovuto affrontare una situazione difficile, rimboccandosi le maniche e dando prova di una forza non indifferente.

I ragazzi di Paupisi si sono distinti già nel periodo dell’alluvione, armati di zappe e di rastrelli per spalare fango ed offrire una mano a chi ne avesse bisogno, e martedi sera alcuni di loro da un palcoscenico ricorderanno al loro paese quanto sia bello ritrovarsi tutti insieme, soprattutto dopo un periodo buio, a ridere, condividere, sentirsi parte di un tutto, circondarsi di arte e di bellezza, perché la vita va avanti, è in costante divenire, è una continua sorpresa, è, come diceva Chaplin, “un’opera di teatro che non ha prove iniziali”. E allora che teatro sia…!

Che la fiamma dei nostri ragazzi non si estingua mai!

Vi aspettiamo martedi 23 agosto, alle 20.30, al campo sportivo di Paupisi per lo spettacolo “Se Bruciasse la Città”! Non mancate!

Print Friendly, PDF & Email