Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Legora for Africa

La gala charity night Legora for Africa: per fare di più

Il Museo Nazionale di Pietrarsa la sera del 12 dicembre è diventato per una sera la casa di una grande famiglia, elegante nello stile e ricca nell’animo. Si è svolta così la prima edizione della gala charity night “Legora for Africa” che ha visto la partecipazione di ben 450 persone provenienti dal mondo dello spettacolo e non, insieme per sostenere il progetto della famiglia Legora de Feo insieme alla ONLUS “Una voce per Padre Pio”.

Legora for Africa e Una voce per Padre Pio

Tutto comincia con il coraggio e l’empatia di una donna. La moglie di Pasquale Legora e madre di Alessandro Legora ha intrapreso nel corso della sua vita numerosi viaggi in Africa. Ha avuto modo di vedere da vicino i problemi che si abbattono sulla vita quotidiana condotta in tanti villaggi della Costa d’Avorio. Decise di fare la sua parte, a suo modo e nelle sue possibilità senza dare nell’occhio, ma agendo di cuore. Coinvolse il figlio nei suoi viaggi e nella sua missione di sensibilizzazione. Oggi, a distanza dalla sua prematura scomparsa, il figlio e il marito ne ereditano la missione e prendono con gioia il testimone. Nasce così “Legora for Africa”, un’iniziativa che permette ad ognuno di noi di fare la propria parte e che allo stesso tempo si propone degli obiettivi pratici da perseguire. Per sostenere e migliorare le condizioni di vita nei villaggi della Costa d’Avorio sono stati raccolti fondi durante la gala charity night destinati alla realizzazione di scuole e impianti destinati ai bambini, ma anche di sistemi per l’approvvigionamento dell’acqua potabile ed elettricità.

L’evento ha riunito nel nome di questo nobile scopo molti volti noti del mondo dello spettacolo, alcuni dei quali hanno fatto dono della propria arte nel corso della serata. Il Museo Nazionale di Pietrarsa ha fornito una location d’eccezione. La lunga ed ampia sala è resa suggestiva dalla presenza dei vecchi treni della ferrovia tirati a lucido per farsi ammirare nello loro originale bellezza. Si dà origine ad un’atmosfera romantica che trasporta in un mondo cinematografico di amori contrastati da viaggi e separazioni forzate. Un mondo dove a regnare sono sentimenti di rinascita, di nuove mete e speranze. Ed è proprio questo che “Legora for Africa” e la ONLUS “Una voce per Padre Pio” si sono ripromessi di fare con questa edizione della gala charity night.

Guidati dalla cordialità di Veronica Maya nel ruolo di moderatrice dell’evento, hanno preso la parola Pasquale ed Alessandro Legora, Enzo Palumbo (Presidente di “Una voce per Padre Pio”) e il comandante Kone, prefetto del Distretto di Tiapoum. I loro interventi insieme alla proiezione di un video sui villaggi Assuè 1 e Assuè 2, destinatari dei fondi, hanno fatto toccare con mano il senso ultimo della serata.

Il menù

Un evento elegante e galante che ha saputo creare diversi momenti di intrattenimento tra le pause di una cena buona e rassicurante. Non ci sono state proposte ardite nell’accostamento dei sapori, evitando di distogliere l’attenzione dall’argomento della serata. Ma i piatti hanno saggiamente accompagnato le parole spese, facendosi gustare ed apprezzare tanto per la semplicità quando per la bontà.

Una passatina di cannellini con seppie scottate ha aperto la degustazione. Un risotto di zucca, speck e zafferano ha puntato sulla delicatezza del sapore, mentre per il secondo piatto è stata portata in tavola una reale di scottona su letto di patate e flan di carciofi. Piatti nelle giuste porzioni che hanno saziato senza appesantire e che hanno trovato coronamento con la dolce crema allo zabaione e babà. In abbinamento con i diversi piatti è stata scelta una selezione di vini Galà Eventi.

Una serata per fare di più

La serata si è svolta in un clima sereno, scandita in diversi step dall’arrivo di vari intrattenitori. I sipari canori sono stati dedicati tre voci della musica italiana che si fanno ricordare per stili musicali e registri vocali molto diversi tra loro. Si tratta di Lina Sastri, che ha omaggiato Pino Daniele con una spendida “Napul’è”, Manuela Villa con un simbolico duetto paterno in “Un amore così grande” e Fausto Leali con l’eterna “Mi manchi”. Per smorzare i toni, è stato immancabile l’intervento comico del duo Gigi e Ros, che hanno sdrammatizzato giocando su nuove scoperte inerenti a Padre Pio… ma gli sketches hanno acquisito nuovo ritmo quando sul palco si sono uniti altri due nomi della comicità contemporanea: Francesco Paolantoni e Francesco Cicchella.

Tornando ad atmosfere più eleganti ed emotive, le note di un piano rompono il silenzio preannunciando il momento più glamour della serata. Modelle longilinee indossando la nuova collezione di Alessandro Legora fanno mostra di sé a grandi falcate tra i tavoli. La concertista Lyuba Tomash, in un abito dal taglio semplice ma fortemente luccicante, si è esibita al pianoforte accompagnando la sfilata e segnandone la conclusione. La gala charity night si è chiusa con i saluti di Rosa Miranda e Monica Sarnelli, insieme sul palco per la canzone “Nuovo Giorno”. Lo scopo è stato raggiunto e la mission ha coinvolto tutti i presenti. Solo nel corso della serata i fondi raccolti hanno superato i 100.000 euro, rendendo evidente come sia possibile trascorrere una bella serata contribuendo, allo stesso tempo, al benessere di chi ne ha più bisogno.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply