Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Il gioco d’azzardo nelle tradizioni antiche. Anche i latini amavano scommettere!

Il gioco d’azzardo sembra essere esistito in una forma o nell’altra praticamente sin dall’alba dei tempi. Oggi, quando pensiamo al gioco, le nostre menti di solito vanno alle scommesse sportive o ai giochi da casinò, ma queste si sono evolute da abitudini molto più antiche. C’è persino menzione di sorteggi nella Bibbia che, a parte il dibattito religioso, è un importante compendio di credenze e pratiche nel mondo antico.
Come molti altri temi della cultura umana, il gioco d’azzardo esisteva in molte parti del mondo, in modi a volte molto diversi, ma allo stesso tempo con notevoli somiglianze. È un argomento affascinante e ti mostrerà l’eredità storica che stai continuando quando giochi ai tuoi giochi preferiti nei casinò online e offline.

E se non ti sei mai approcciato al gioco d’azzardo, visita il sito onlinecasinosvizzera.com per trovare una lista delle piattaforme online più sicure e remunerative.

Gioco d’azzardo e Bibbia

Il gioco d’azzardo sembra tornare a prima della Bibbia e delle altre culture che citeremo qui. Sono stati trovati dipinti rupestri raffiguranti i giochi, così come oggetti di dadi che hanno almeno 40.000 anni, ossa comprese.
I giochi d’azzardo sembrano essere parte del DNA umano, e in origine erano probabilmente usati per determinare cosa dovesse accadere o cosa volessero gli dei. Si pensa che il Baccarat sia originato da un gioco di dadi che una vergine giocava per determinare il suo futuro.

Gioco d’azzardo e greci

Gli antichi greci erano interessati al gioco d’azzardo come lo sono quelli moderni. Il poker può essere fatto risalire a più di 3.500 anni fa, alla civiltà minoica, e anche lanciare i dadi era una pratica comune tra di loro. Atterrare un doppio 6 è ancora considerato fortunato oggi, e i greci iniziarono questo nominandolo “lancio di Afrodite” e usandolo per indicare che il gioco era stato vinto.
Riferimenti al gioco d’azzardo possono essere trovati in diversi testi antichi come quelli di Omero, autore dell’Iliade e dell’Odissea. Questi mostrano che i dadi e altri giochi basati sulla fortuna come testa e croce sono stati ampiamente giocati.
C’erano persino posti dedicati dove gli appassionati di giocatori potevano riunirsi per giocare. E proprio come alcuni casinò hanno una cattiva reputazione oggi, è stato considerato vergognoso visitare questi vecchi stabilimenti. Le persone hanno perso la loro fortuna, proprio come spesso accade al giorno d’oggi.

I romani e il “dado”

Il gioco d’azzardo era praticato tra maestri e schiavi nell’antica Roma, e alcuni storici credono che i soldati giocassero una prima forma di roulette per passare il tempo. Il gioco d’azzardo ha continuato a essere utilizzato per rivelare le risposte o i desideri degli dei, o per risolvere le controversie, in epoca romana.
Secoli dopo, il primo casinò, così come il mondo comprende il significato moderno della parola, fu costruito in Italia. La parola originariamente significava un edificio più piccolo, o una casa estiva, che sarebbe stato nella proprietà della casa principale e sarebbe stato usato per attività piacevoli. Quando questi divennero più pubblici, si diffuse anche l’uso della parola “casinò”.

Print Friendly, PDF & Email