Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Tag: supereroe contiene 2 articoli

Cinema e Serie tv

11 settembre e Iron Man, alla scoperta di un supereroe traumatizzato

11 settembre, come il tragico attentato ha avuto effetti sul cinema di Hollywood, il caso di Iron Man, il “supereroe traumatizzato”  11 settembre del 2001, l’attentato al World Trade Center cambiò per sempre il mondo con pesanti ripercussioni storiche. L’attacco, condotto dal gruppo terroristico al-Quaeda, mirava a colpire  gli Stati Uniti dopo due precedenti attentati alle ambasciate in Kenya e Tanzania nel 1998. Dopo questo terribile evento, la storia americana prese una piega diversa; “si cercò di seguire una strada alternativa all’egemonia statunitense degli anni precedenti.” L’evento influenzò anche il cinema di Hollywood; tra i film che seppero meglio raccontare la storia del post-11 settembre c’era anche Iron Man di Jon Favreau. È il giornalista italiano Tommaso Ceruso a spiegarlo con il saggio “Iron Man, un supereroe traumatizzato” contenuto nella raccolta “Shooting from Heaven” (2012), edito da Bulzoni Editore.   La catarsi di Tony Stark e la società americana prima e dopo l’attentato alle Torri Gemelle Il film dedicato al noto supereroe della Marvel racconta l’evoluzione della società americana dopo l’evento traumatico del giorno 11 settembre. Prima ancora che fosse vittima di un attacco da parte di un commando di terroristi (il gruppo è noto col nome di Dieci Anelli e ritorneranno nei film Iron Man 3 e Shang-Chi: La leggenda dei Dieci Anelli), Tony Stark è il simbolo di un’America che “insegue morbosamente l’apparire”, un “genio che ha donato le sue capacità alla guerra”, “il rappresentante del capitalismo a stelle e strisce” e attaccato soltanto alle cose materiali. Insomma, il genio, playboy, miliardario della Casa delle Idee rappresenta la vanagloria degli USA che hanno inseguito i propri successi nel campo della tecnologia proprio alla fine del Novecento, il tutto col contributo delle guerre. “La mente di Tony Stark, così come la cultura americana, ragiona per archetipi, divide in bene e in male, in giusto e in sbagliato senza riflettere minimamente sull’essenza delle cose. Il protagonista parla dei nemici come cattivi dando per scontato che i buoni siano gli americani ma ignora di essere il primo fornitore di armi dei terroristi.” Quando il protagonista è vittima dell’attacco terroristico nel pieno del deserto dell’Afghanistan, Tony ha il “suo 11 settembre” così come per gli USA, l’onnipotenza del capitale, del virtuale e del militare si rivela fragile e inadeguata. Proprio nel covo dei Dieci Anni (palesemente ispirati ai Talebani), il miliardario capisce che le armi delle Stark Industries sono acquistate anche da “quelli che considerava nemici”. Dopo il trauma di aver scoperto di essere l’artefice della morte di molte persone (come penserebbe  Platone, lo schiavo liberatosi dalle catene riconosce le ombre degli oggetti nella caverna e comprende la vera natura delle cose), inizia la catarsi del protagonista. Ora Tony Stark “rappresenta la fallacità del modello americano che ha portato all’annientamento individuale per una società con un ordine prestabilito.” Nel covo dei Dieci Anelli, il futuro eroe deve costruire un missile modello Jerico da usare per nuovi attacchi ma realizza un’armatura alimentata da un generatore impiantato nel cuore dopo che una scheggia di bomba […]

... continua la lettura
Nerd zone

Super-eroi: alla scoperta degli antenati degli odierni paladini della legge

Super-eroi, in occasione dell’uscita nelle sale di Black Widow e The Suicide Squad, alla scoperta dei primi paladini della giustizia Al momento i super-eroi dominano il mondo dei nerd. Nei prossimi giorni usciranno nelle sale i film Black Widow e The Suicide Squad mentre Netflix con le serie tv The Umbrella Accademy e Jupiter’s Legacy sfida Amazon Prime Video con The Boys e Invincible. In tutto questo, molti si pongono una domanda: da dove e quando nascono i supereroi? Chi sono i super-eori ? Quando hanno fatto la loro prima apparizione ? Il vocabolario Treccani propone come definizione di supereroe la seguente: “Personaggio immaginario, nato nell’ambito dei fumetti per ragazzi e poi trasferito nel cinema, dotato di forza muscolare, di capacità sensoriali e talvolta di capacità intellettuali straordinarie e sovrannaturali, che si assume il compito di proteggere l’umanità da catastrofi naturali o accidentali e […], di combattere pericolosi e astuti criminali, di fronte ai quali le regolari forze dell’ordine risultano impotenti” Se pensassimo a tutto il nostro bagaglio culturale, in tutte le epoche non sono mancati individui del genere. È il caso degli eroi dei miti greci come Ercole, Giasone e Ulisse oppure personaggi più antichi come Gilgamesh o quelli dell’età medievale tra cui re Artù, Rolando e Robin Hood. Nonostante ogni epoca avesse i suoi “super-eroi”, i più prossimi a quelli attuali comparvero solo all’inizio del secolo scorso. Tarzan e John Carter, i due super-eroi di Edgar R. Burroughs Edgar Rice Burroghs, scrittore americano e autore di molti romanzi fantastici e avventurosi, pubblicati a puntate su riviste (le famose pulp fiction), è, secondo molti, il padre dei moderni super-eroi. Nel 1912 comparve John Carter nelle pagine del romanzo “Sotto le lune di Marte” mentre due anni dopo nacque Tarzan delle scimmie. John Carter, ex-soldato dell’esercito confederato, viene teletrasportato sul pianeta Marte dove scopre che lo scontro tra due civiltà ha contribuito alla fine del pianeta. Qui, il nostro eroe, trovandosi in un’atmosfera diversa dalla nostra, sviluppa dei poteri come super-forza e capacità di compiere grandi salti. Diverso è il caso di Tarzan, alias John Clayton visconte di Greystoke III. Figlio di due superstiti di un ammutinamento, i coniugi Greystock non riuscirono a sopravvivere nella giungla, lasciando il proprio figlio nelle mani dei “mangani”, una specie di gorilla. Il bambino riesce ad adattarsi nella giungla, sviluppando una notevole forza e resistenza nonché abilità tattiche. Le due creazioni di Burroghs hanno contribuito alla nascita di Superman.Infatti il supereroe kryptoniano è stato abbandonato dai genitori originari, proprio come Tarzan, e su un pianeta alieno ha sviluppato i superpoteri come John Carter. McCulley e il primo super-eroe con identità segreta e costume, il caso di Zorro Nel 1919 nasce un altro personaggio molto apprezzato grazie a film e serie tv. Si tratta di Don Diego de la Vega, conosciuto col nome di Zorro e creato dallo sceneggiatore e scrittore Johnston McCulley. La sua prima apparizione è nel romanzo “La Maledizione di Capistrano”, anche esso pubblicato a puntate sulla rivista All-Story Weekley. Siamo nella […]

... continua la lettura